Il Blog

Nulla per cui ridere.

In Politica on febbraio 11, 2010 at 11:06 am

Ci sono cose, come declamare al reame che la crisi e’ un’invenzione, o come sviolinare la bonta’ di Bertolaso, che ai dotati di intelletto proprio possono far ridere.

Ci sono cose che proprio ridere non fanno.

“Dovevo evitare la sua morte”, cosi’ parlo’ il vatusso mancato ierilaltro.
Si riferiva ad Eluana Englaro, in una missiva inviata alle suore misericordiose di Lecco.
Quasi come il Nazareno, con la piccola differenza che quella volta Lazzaro si alzo’.
Non credo a una sola sillaba del virgolettato sopracitato.
Il nano ha a cuore una sola vita, la sua.
Qualche sondaggista deve avergli fatto presente che una dichiarazione pro-vita gli sarebbe valsa un paio di punti di gradimento.
Guadagnare consensi sulle tragedie altrui, una meschinita’ inaudita.
Per lo stesso motivo nel 2008 appoggio’ la campagna del filiforme Ferrara contro l’aborto.
Campagna portata a termine con gli stessi risultati conseguiti dal suo parinano in quel di Waterloo.

Non v’e’ nulla per cui ridere.

Correva l’anno 1982.
V’era una signora gravida.
Si chiamava Miriam Bartolini, poi l’intera nazione ebbe modo di conoscerla con il suo nome attuale: Veronica Lario.

“Ho avuto un aborto terapeutico, molti anni fa. Al quinto mese di gravidanza ho saputo che il bambino che aspettavo era malformato e per i due mesi successivi ho cercato di capire, con l’aiuto dei medici, che cosa potevo fare, che cosa fosse più giusto fare. Al settimo mese di gravidanza sono dolorosamente arrivata alla conclusione di dover abortire.” (intervista rilasciata e mai smentita al Corriere della Sera)

E il padre?
Consenziente.
Il nome: Berlusconi Silvio.

Non v’e’ nulla per cui ridere.

Come mai, con tutto l’amore per la vita che il nano sostiene di provare, non si e’ tenuto un nascituro malformato?
Con la sua disponibilita’ economica lo poteva anche far vegetare ad Arcore, cosa che Beppino Englaro non ha economicamente potuto fare.
Come mai nella missiva alle suorine non ne accenna?
E come mai non c’e’ uno stracazzo di giornalista che si alza in piedi e glielo chiede?

Si possono anche perdonare le mastodontiche bugie con le quali egli sollazza la nazione, ma con la non-vita degli altri no.
Mai.
Tre giorni prima della pace di Eluana ebbe a dire:
“Eluana ha ancora il ciclo mestruale, potrebbe anche rimanere incinta”, mentre era, a detta dei medici che avevano quella povera larva in cura, una emoraggia interna.

Non v’e’ nulla per cui ridere.

P.S.
Solo per questa volta mi permetto di chiedere ai cattolici praticanti che ogni tanto capitano fra queste diaboliche righe di astenersi da qualsivoglia commento su questo post, non sarei in grado di pubblicarvelo.
Anticipatamente ringrazio.

Annunci
  1. Davvero non ero a conoscenza di questa storia, intendo dell’aborto di Veronica Lario, effettivamente fa venire la pelle d’oca, e la bile in bocca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: