Il Blog

Il CAPO del NANOCAPO

In Politica on luglio 9, 2010 at 1:00 pm

Vedete,
fra le varie croci che mi pesano sulle spalle v’e’ la Memoria.
Ho, mio malgrado, una Memoria che a volte spaventa pure me.

Durante gli anni ottanta e primi anni novanta, nell’appartanento che dividevo con un fratello, un amico, un collega e tutti e tre formavano un’ unica persona, ciao Sandro,
campeggiava su di un muro un fotocollage:

Avevo pazientemente ritagliato i mezzibusti dei politici e dei personaggi sporchi dell’epoca.

Ero riuscito a procurarmi anche la foto di Fanfani che arringa il Parlamento, scattata da dietro, con l’Amintore in piedi sopra una pila di libri di un metro.
Facevano mostra di se’:
Andreotti,
Kossiga,
Scotti,
De Mita,
Craxi,
Forlani,
De Michelis, 
Gava,
De Lorenzo,
Poggiolini e consorte,
Bisignani,
Gelli,
Donat-Cattin
e,
ma guarda te, a volte le storie, in basso a destra compariva un baldanzoso Carboni Flavio.
Ohibò.

Uomo pericolosissimo, molto più potente dell’attuale nanopremier, ma di molto, ci tengo a sottolinearlo.

Mettiamola così: se si immagina il capo del Calvoamesialterni, può comparire la sacra icona di Carboni Flavio.
Dell’Utri sta sotto, di un bel po’.

Probabilmente il più importante burattinaio dal dopoguerra, tanti e tali fili da armeggiare che un amico tempo fa’ ebbe a dire “Ma che e’, un uomo o la dea Khali?”.

Controllore e deus ex machina di settori deviati dei servizi, della Santa Sede, della politica,
amico della Magliana e di Cosa Nostra,
Pluripluriplurigiudicato.

L’hanno arrestato così tante volte che avrà una suite a Rebibbia, per brevissimi soggiorni.

L’hanno arrestato anche ieri, stavolta per l’eolico.
Risate.
Uno che ha fatto trucidare decine di persone, cito solo l’avv. Ambrosoli a riguardo, secondo voi si preoccupa per l’eolico?

Hanno arrestato il capo del nanocapo,
dev’essere una delle rare volte che lo scrivente e l’attuale primoministro si trovano concordi sul tema,
io per ragioni oramai ataviche,
Egli per un “momento di rilassatezza”, Carboni e’ come uno Scud sovietico, sai dove lo lanci ma non sai mai dove deciderà di scoppiare.

Il Burattinaio che vede il sole a scacchi.
Anche se per poco, una lieta notizia.

Nulla c’entra con tutto ciò la seguente perla che ho scovato, di un giovane e ancora savio Mario Capanna:

“Nel 1967 Mario Capanna preparò un trattato di ben settanta cartelle per convincere la propria ragazza che i rapporti sessuali prematrimoniali sarebbero compatibili con l’insegnamento di san Tommaso d’Aquino e sant’Agostino.”

Micidiale.

Aveva 22 anni. 

Annunci
  1. Faccio una ricerca dei nomi da te citati per vedere quanti di loro sono ancora vivi, e a parte Craxi e Donat-Cattin, tutti gli altri stanno benissimo, ecco la top di questi giovincelli:
    Andreotti: 91 anni
    Gelli: 91
    Forlani: 85
    De Mita: 82
    Cossiga: 82
    Poggiolini: 81
    Gava: 80

    Mia nonna direbbe che l’erba cattiva non muore mai, lo direbbe, se fosse ancora viva.

  2. Pensa che il Bisignani, un giovincello a confronto, ancora oggi entra e esce indisturbato da Palazzo Grazioli,
    mai sazio, e’ in affari (di tutti i tipi) con la Santanche’.

    Cosi’ giusto per ricordare, rammento che egli fu’ il “postino” della maxitangente Enimont, perlomeno Gardini si ammazzo’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: