Il Blog

Berlino, l’extraterrestre.

In Politica on settembre 6, 2010 at 2:19 pm

Sono tornato.
Quattro giorni di apnea Berlinese.
Nessuna notizia sociopolitica arrivatami dallo stivale.
Risparmiato in medicinali antigastritici.

Berlino non può essere paragonata con altre città europee, semplicemente perché non e’ più una città europea.

Berlino e’ una città di un altro pianeta,
che gli umani non hanno ancora trovato infra la mappe interstellari.

Potrei scriverne per mesi, non finirei mai, giocoforza cercherò di sintetizzare il tutto in un paio di episodi:

A Berlino vi sono un numero imprecisato di Strand, locali costruiti alla bene e meglio sulle rive della Sprea,
tutti abusivi, autogestiti e con un discreto numero di artisti workinprogress, musica eccelsa, fiumi di birra e centinaia di sorrisi.
Il turista classico se ne sta’ a debita distanza, li senti bofonchiare:
“Che sporcizia”
“Che gente”
“In Italia non sarebbe permesso”

In pochi sanno che:
Due di questi postacci quest’anno sono stati eletti, a New York (non al Forte Pranestino), fra i 10 locali più belli del MONDO.
Un signore, tale Tarantino Quentin, ha deciso di presentare “Inglorious bastards” proprio in uno di questi.
Una volta all’interno ha notato che poco più a sud campeggiavano due gru.
Alla domanda “Cosa stanno facendo?”
si e’ sentito rispondere che v’era un progetto edilizio per cementificare la riva del fiume, uffici e centro commerciale.
Quentin non c’ha pensato un secondo.
E si e’ comprato l’appezzamento.
E l’ha lasciato per sempre in gestione ai ragazzi dello Strand.

A Berlino ti può capitare di vedere un bambino di sei anni che lascia la mano della mamma e si avvicina a un senzatetto e gli deposita dentro al cappello una monetina.
Con la mamma, particolare molto interessante, che non si avvicina al questuante, fa’ tutto il bambino.
Anche qui in pochi sanno che il soldino depositato dal pargolo e’ una sua precisa scelta, tant’è vero che questa azione prevede la rinuncia al gelato.
Sono i genitori che spiegano la vita così siffatta, io ti do’ una possibilità di spendere la tua paghetta, vedi tu cosa ti aggrada di più.

E i bambini Berlinesi fanno l’elemosina al posto della pallina alla nocciola.

I turisti perbene hanno ragione:

Nessuno dei due episodi,
in Italia,  sarebbe permesso.

In Italia, i fascisti a Mirabello,
i piduisti sullo sgabello,
i poveri cristi in galera per uno spinello.

Amen.

Annunci
  1. Già, questo secolo sembra meglio in germania, ma personalmente sono troppo attaccato ai pomodori del mio orto.

  2. Forse e’ lo stesso motivo per il quale vivo ancora qui

  3. Posso affermare che la descrizione di Zac è più che azzeccata!
    Di questa città mi ha stupito “la normalità”,nel senso di semplicità,naturalezza del passare da una situazione ad una totalmente opposta di paesaggi,architetture e persone.
    Semplicemente FANTASTICA!!!!

  4. Gli antigastrici li abbiamo presi anche per te,chissà quale sorpresa ci riserverà lo gnomo di arcore,pur di pararsi il di dietro.Mentre lui medita sul come difendersi,gli altri crescono ma noi caliamo.
    Ciao Zac.

  5. E’ vero Berlino è la città oltre, al di fuori.
    E’ una grandiosa città cosmopolita dove l’accettazione dell’altro è fortissima.
    Ma non è cambiata dopo la riunificazione, era già così, magari in bozzolo, ma le caratteristiche le aveva già tutte anche prima.

  6. @Faio: Benvenuto fra le mie eresie, caro Faio, un enorme piacere viaggiare con te.
    @Gibran: Intanto mandiamo a casa l’esecutivo, poi vediamo quanto siamo in calo.
    @Silvana: Ero a Berlino anche prima della caduta del muro, poi mi ci sono fiondato quando e’ caduto.
    Se ti va’ leggi questo

    https://zacforever.wordpress.com/2009/11/10/ventanni/

    Baci
    Zac

  7. No Zac,intendevo dire crescono in economia,appunto come la Germania e noi rimaniamo al palo.
    Ciao.

  8. Avevo inteso calo della sinistra.
    Sull’economia tedesca un dato su tutti:
    sei disoccupato?
    700 euro al mese per tutta la vita, pensione co
    presa.

    Ciao Gibran

  9. alla luce di queste considerazioni effettivamente la strada per Berlino potrebbe non essere calcolata dal Tom Tom

  10. Sicuro.
    Solo da Tom Waits.

  11. io sono stata a berlino la prima volta pochi anni dopo la caduta del muro, e la città era un’altra. confesso che l’ho preferita mille volte. c’era nell’aria quella cordialità tipica dei berlinesi, ma ancora soffocata dalla cortina di ferro. la si VEDEVA ancora, la cortina di ferro. le differenze tra est e ovest erano ancora enormi e visibili, il check point charlie era ancora lì, e anche gran parte dei camminamenti. quando sono tornata era proprio come l’hai descritta tu. una città del futuro. per quanto sia bella, non ha più quel fascino cupo e un po’ sovietico che aveva prima.
    ma i berlinesi no. mi sono innamorata dei berlinesi come la prima volta. e anche io ho notato i bambini. ero in metropolitana, e due ragazzini erano seduti, tornavano da scuola con le cartelle. innanzitutto erano ‘cartelle’, non super-zaini-trolley di naruto o ste schifezze. erano cartelle un po’ devastate, dai colori militari. loro avevano delle giacche blu, anonime, e uno aveva un berretto di una polisportiva. avevano le mani sporche lerce, come dovrebbero avere tutti i bimbi, e mangiavano delle arachidi. dei bambini normali, se vogliamo un po’ ‘d’altri tempi’, e qui in italia se ne vedono così pochi.
    scusa il commento fiume, ma mi interessava molto l’argomento.
    se ti va, anche io ho scritto qualcosina al riguardo http://laragazzaconlavaligia.wordpress.com/2010/05/18/oh-my-gaga/ (magari se vuoi salta lo sproloquio su lady gaga prima, ero andata al concerto all’O2 :D)
    dopo questo, posso andare, ti saluto e ripasserò.

  12. Confermo rigo per rigo.
    Su Berlino leggerei commenti anche dieci volte più lunghi.

    Hai notato che nessuno suona il clacson?

    Mi compiaccio per il modo “esteso” nei saluti,
    mi sento un privilegiato.

    Zac

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: