Il Blog

E’ una truce storia, altro che gas.

In Politica on febbraio 24, 2011 at 11:38 am

“C’è un tentativo di potenze straniere, fra cui l’Italia e gli Stati Uniti, di interferire negli affari della Libia”. Questa la risposta di Gheddafi alla telefonata con ilnanopriapo.

L’ha detto il Min. Vito, mica balle.

Se ne dicono tante, che Prodi era amico pure lui, che Francia e Germania fanno affari con il Libico, che il gas ce lo darà Putin, che Al Quaeda vuole la Libia.

Io vorrei solo ricordare un evento.
Correva l’anno 2010.
Era il 29 agosto.

E il colonnello dava una lezione di Corano a 200 inebetite, pagate 100 euro cadauna, ancora non si sa’ con i soldi di chi, e numero tre galline si convertirono all’Islam, una addirittura scoppio’ a piangere.

Quasi scordavo:
Il seminario si tenne a Roma.

Perché si può essere amico prima di Bush, poi di Obama.
Prima di Blair, poi di Cameron.
Prima di Schroeder, poi della Merkel.
Prima di Aznar, poi di Zapatero.
Prima di Eltsin, poi di Putin.

Ma non puoi essere amico di Gheddafi,
e poi credere di diventare amico dei ribelli.

I Libici, e più in generale i popoli Arabi, non concedono l’amicizia con la stessa facilita’ usufruibile su Faccialibro o fra le camere di Palazzo Grazioli.

Per gli Arabi, e per me, l’amicizia e’ sacra, inviolabile, e se fino a ieri hai baciato l’anello del mio avversario, sarai mio acerrimo nemico sino a che morte non ci separi.

Quest’ultimo semplice concetto pare non essere compreso appieno dai nostri governanti, ma se ne accorgeranno presto.

Poi c’è la guerra delle cifre, mille morti, diecimila morti, un milione e passa di probabili profughi, trenta miliardi di dollari nelle banche svizzere.
E nessuno che spreca una parola sull’unica vera tragedia che si sta consumando in Libia:

Il popolo si sta automassacrando,
libici contro libici, come fu per il Ruanda.
Altro che gas.
Altro che petrolio.
Altro che Juventus.
Sono persone come noi che ieri erano vive e oggi sono sepolte in una fossa comune.

Personalmente auspico un’invasione di tre milioni.
Tanti da poter sostituire, in usi, costumi e abitudini, l’intero elettorato leghista.

Che potrà comodamente trasferirsi in Carinzia, regione cara al trigliceride Borghezio.

 

  1. Caro Zac,
    confesso di rimanere anche io basito su come una tragedia di queste dimensioni stia passando quasi inosservata.
    La Libia è dietro l’angolo, a prescindere dagli interessi economici che pure esistono.
    Ieri sera mi aspettavo dirette, informazioni, notizie, commenti, interviste, nei talk show di seconda serata…..e invece il delitto Scazzi tiene ancora botta.

  2. che Gheddafi si è bevuto il cervello ed ha perso il senso della realtà lo testimonia il fatto che mette l’Italia tra le potenze internazionali

  3. Caro Gattosyl, ti consiglio caldamente di non seguire i programmi di cui parli.
    Se ti sintonizzi su Skytg24 o su Al Jazeera o su Foxnews o su Bbcnews o su Rainews, comprenderai che manco sanno dell’esistenza di tale Scazzi.

    Ciao
    Zac

  4. Caro Maestro, battuta eccezionale!!!

    Ciao
    Zac

    P.S.
    Te lo scrivo qui:
    il tuo romanzo e’ splendido.
    Lo so’, l’ho già detto tante volte, ma io non mi stufo di dire che una cosa mi piace, e spero che qualche lettore corra da te.

    Assicuro che e’ una storia imperdibile.

  5. Hai ragione. Stupido io a pretendere una cosa di questo genere.

  6. Ciao Zac
    fa tutto schifo, profondo schifo. Si perchè ora in questo momento ci sono persone che indipendentemente da tutto hanno deciso di scendere in piazza rischiare la vita per la libertà, mentre si parla di gas, di interessi, di soldi, di banche libiche che detengono percentuali Unicredit che detengono quote della Roma.
    fa schifo lo ribadisco
    Perchè il punto è che abbiamo un premier che ha deciso di avere come interlocutore uno spietato dittatore che non solo ora ha dato ordini vergognosi, le tortue in libia non sono iniziate adesso.
    E allora il punto è quando ci sarà qualcuno in grado di chiedere conto a quest’uomo di tutte le nefandezze che ha fatto e che sta facendo?
    se poi vogliono parlare di problemi economici ed energetici allora domandiamoci perchè per lungo tempo siamo stati senza ministro dello sviluppo economico? Vedere alla voce affari personali del premier che hanno legato il nostro paese a quello del rais.
    un saluto

  7. Un dovere e un piacere.

    Ciao,
    Zac

  8. Caro Compagno Ernest,
    verra’ il momento in cui si chiederà conto al nano e alla sua corte.
    Verra’, ne’ sono certo, come sono certo che si chiederà conto sottovoce.
    Io vorrei la rivolta, ma so’ che e’ pura utopia.
    Ma se per un raro caso del fato, dovesse esserci una sommossa nazionale, sarò in prima linea, senza rimpianto alcuno.

    Ciao
    Zac

  9. Berlusconi è stato sempre alla ricerca della legittimazione internazionale ma, purtroppo per lui, lo hanno considerato solo dittatori. Nei paesi democratici, invece, si ride di lui (cercate su youtube “les guignoles de l’info berlusconi” per rendervene conto).

  10. Io non ho mai sopportato Andreotti, usi e costumi annessi, ma gli riconosco la statura internazionale della sua politica.
    Andreotti andava da Kissinger e nessuno rideva.

    Il dramma e’ che lontano si ride, mentre qui c’è solo da piangere.

    Ciao
    Zac

  11. …certo che buttare giu’ ceausescu non fu niente paragonanto con quello che la Libica gente “normale” subisce e perde;….da parte italiana, come sempre, le proteste uficiali rittardano, prima i denari poi il “homo”, er Zvasticano non se ne fotte minimamente carissimo ZAC, da quando ero bimbo mi ricordo che Italia sempre ha avuto un atteggiamento ambiguo (un po di qua un po di la) un culo in due secchi. Questo sicuramente non fa onore alla mia famiglia e al Popolo Italiano.
    p.s …carrissimo Zac sei un aggressivo poeta del dubbio del ingiustizia, quello che mi fa piacere nel leggere i tuoi scritti e che versi inchiostro non sangue, metti passione non odio, e un onore per me aver letto i tuoi scritti.

  12. Caro Zac, non dimentichiamo che tutto questo sconvolgimento in quei paesi ha avuto inizio dai drammi umani della fame, resi ancora più estremi dalla crisi economica che ha colpito tutto il mondo.
    Fame, miseria, disoccupazione di massa e mancanza di spazi democratici per esprimere la propria protesta, costituiscono la miscela esplosiva alla base di rivoluzioni in cui Marx vedeva confermata la sua teoria sulla sovradeterminazione economica dei comportamenti umani.
    Dove esiste la ricchezza esagerata di pochi che contrasta con la povertà e l’arretratezza di tanti, prima o poi succede una rivoluzione.
    C’è solo da chiedersi se coloro che ora si ribellano a questi sistemi dittatoriali, siano in grado di portare avanti un discorso rivoluzionario giusto che non porti poi ad una sistena altrettanto rigido ed illiberale.
    Avremmo dovuto pensare, come paesi democratici, a preparare gente in grado di governare un paese, non a portar via da un paese le sue risorse. Invece ci stava bene portare a casa gas, petrolio ed ogni altro bene ed ignorare le condizioni di vita di questi popoli.
    Ciao Zac, un abbraccio.

  13. Penso di si’, Cara Spera, sono persone istruite, giovani e collegate fra di loro da un diffuso senso di democrazia.
    Ce la faranno.
    Molto sangue verra’ versato.

    E l’ennesima balla che ci propineranno sara’ farci credere che sono fondamentalisti islamici.

    Ciao,
    Zac

  14. la donna è mobile, qual piuma al vento…e se poi parliamo di uomini e politici per giunta…allora il vento è una tempesta! ciao

  15. Caro Rumeno, sei Fin troppo gentile.
    Cazzo, mi sono emozionato a leggere le tue parole.

    Grazie,
    Tuo,
    Zac

  16. Sante parole, cara Loretta.

    Ciao
    Zac

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: