Il Blog

Finirà, e saranno lacrime di gioia.

In Politica on giugno 22, 2011 at 6:40 am

“Quello che noi siamo per i nostri popoli,
e’ noto.
Quello che saremo per il mondo intero, solo i posteri potranno giudicarlo”.

Conversazione fra Hitler e Mussolini, 1943.

“Quando si guarderà a questi anni di governo con animo meno acceso e mente più serena, non si potrà non riconoscere che siamo riusciti in una condizione quasi proibitiva a fare quello che altri Paesi non hanno avuto la capacità o la fortuna di riuscire a fare.”

Silvio Berlusconi, 2011.

Basterebbero questi due virgolettati,
basterebbero, se non ci fosse un problemino, poca cosa:

L’intero globo fatico’ non poco a rendersi conto dell’immane catastrofe riconducibile ai due dittatori, più o meno vent’anni, e non e’ possibile scordare gli sguardi assenti dei soldati alleati quando entrarono nei lager, come pure quelli dei pochi ebrei vivi che trovarono.

Oggi non siamo in quelle condizioni, vorrei ben vedere, ma c’è una differenza sostanziale, il mondo ti ha già giudicato, il mondo sa’ chi sei senza appello alcuno.

E con te, esimio bassotto, hanno già giudicato le fronde che ti stanno attaccate al culo.

Gli 80mila di Pontida, meno degli spettatori di un singolo concerto di Vasco, e dieci volte inferiori alle presenze del primo maggio, valgono come la crema avariata di una brioche.

Tutti i tuoi scagnozzi, da Verdini all’ultima prostituta che ti fa’ credere di essere virile, valgono come una valigetta zeppa di foglie da centomila lire scadute, carta straccia.

Le leggi e soprattutto i decreti che ci lascerai in eredita’, che già a oggi fanno ridere tutti i governi europei, partendo dal famoso “Decreto per la sicurezza” sino alla “Riforma Gelmini”, valgono come gli stop di tale Egidio Calloni, che i calciofili ricorderanno alla pari di Ian Rush.

Quando finirà, e finirà, oltre a dare una festa e a rischiare il coma etilico, faro’ come fecero questi due qui sotto.

“Un giorno i due istrioni, che rispondevano ai nomi di Vittorio Gassman e Ugo Tognazzi, si chiusero dentro la camera da letto di quest’ultimo, con le rispettive famiglie sedute a tavola.

Per un’ora non si senti’ volare una mosca, poi i due uscirono e si sedettero per cena.

Alla domanda su cosa avessero fatto durante quel lasso di tempo, risposero:

“Abbiamo pianto”.

Siete tutti invitati.

Annunci
  1. preparerò i fazzoletti pure io

    PS: Ian Rush….no comment

  2. Bene, caro Gatto, molto bene.

    Ciao
    Zac

    P.S.
    Ian rush, anche se e’ durato solo una stagione, fa’ parte dei miei incubi adolescenziali, a volte lo sogno ancora…

  3. Ciao Zac
    si arriverà quel giorno ma le frattempo è dura, dobbiamo resistere e c’è sempre più gente che sta male.

  4. Lo so’, Compagno Ernest.
    Resistere e’ sempre più difficile, in tutti i sensi, io mi meraviglio che non sia aumentato del 3000per100 il tasso di “rapine in banca”, e’ che siamo troppo onesti.

    Comunque,
    Resisteremo,
    stanne certo.

    Ciao
    Zac

  5. avevo tenuto una bottiglia importante x il tanto sospirato giorno.poi me la sono bevuta!credo che l’indifferenza x sua bassezza sia la cosa peggiore.te lo vedi “dimenticato” dalle cronache dopo solo un paio di settimane? berlusconi chi? Ah quello delle escort!

  6. Sarebbe un sogno, caro Cavallo, io invece non l’ho ancora bevuta, nella speranza che non si sia già trasformata in acido acetico.
    Indipercui ne ho anche una di riserva.

    Ciao
    Zac

  7. Bel post davvero! – Io non piangerò, anzi, guarderò lontano sperando di vedere all’orizzonte una buona eredità da lasciare alle prossime generazioni. Guarderò al presente come materia di storia per i prossimi libri di testo, nulla più. L’oblio mi verrà in aiuto e andrò avanti, senza voltarmi indietro, come se tutta questa melma mi scivolasse addosso, con la caparbietà di chi vuol candeggiare e ricominciare. ciao

  8. Brava Loretta, non so’ se riuscirò a fare come te, io gradirei che qualcuno pagasse per i disastri che abbiamo dovuto subire.

    Grazie per i camplimenti.

    Ciao
    Zac

  9. Per fortuna finirà, nulla c’è di eterno, ma come finirà?
    Tu hai citato i due dittatori che hanno massacrato mezzo mondo, nel ‘900. Per farli uscire dalla storia è stato necessario ucciderli, ma hanno lasciato i loro paesi nella miseria più nera.
    Ora c’è da chiedersi, come lascierà questo paese una maggioranza fatta di numeri ed un governo fatto di omuncoli obbedienti?
    Lo lascierà nella miseria, con una massa di gente povera e senza lavoro ed un gruppetto di straricchi che straviziano. A questo ci ha portato la politica di berlusconia. E a questo disastro contribuiscono, non poco, i vari Scilipoti senza dignità.
    Ciao Zac, io preferirei che finisse presto, questa agonia è penosa.

  10. E’ lapalissiano che anch’io, cara Spera, gradirei molto finisse molto presto.
    Lasceranno le macerie e il malaffare ovunque, ma noi saremo capaci di far rinascere il paese, ne sono oltremodo certo.

    Ciao
    Zac

  11. Accidenti,Speradisole ha in pratica detto tutto quel che volevo dire io…beh,Spera,mi associo!
    Vero Zac,faremo una gran festa quando lui e i suoi scagnozzi se ne andranno,ma poi ci saranno le macerie,e solo allora si capirà veramente quanti danni ha fatto il nano.
    E’come se una fabbrica fosse stata chiusa per anni,come se per anni uno studente non avesse aperto libro…come fai poi a ripartire a buon ritmo dall’oggi al domani e a rimetterti in moto?
    Sia maledetto lui e il pagliaccio varesino,pronti a trascinare l’Italia nella merda pur di non cedere il potere,l’unica cosa che loro resta ormai perchè senza quello sono le persone più misere della terra,non mi frega nulla del loro conto in banca.Il mio cane non avrebbe governato peggio,e per quanto ne so,il mio cane potrebbe anche essere di ultradestra.

  12. Caro Max, Spera e’ una persona “avanti”, una con le palle con gli spigoli.

    Detto ciò, ti ripeto quello che ho risposto a lei:

    Noi faremo rinascere questo paese, stanne certo.

    Ciao
    Zac

  13. Scusate, ma chi sono Ian Rush ed Egidio Calloni?
    Io non riesco a paragonare Hitler a Berlusconi, il primo ha, comunque, avuto una tragica grandezza, il secondo una penosa grettezza.
    Anche le conseguenze saranno ben diverse, almeno noi, quando sarà tutto finito, potremmo essere ancora vivi per gioire e ridarci da fare per sistemare le cose.
    Besos
    S.

  14. Calloni pe’ ‘d bosc (in piemontese piede di legno 🙂 )
    Bel post
    Ciao Zac

  15. ahahahaha Silvana, beata te che ignori chi siano questi due “campioni” del fulbol.
    Quello gallese poi avrei voluto ignorare anche io chi fosse.
    Syl

  16. Cara Silvana, concordo sul paragone Hitler/Nano, mentre per Calloni/Rush, non ti sei persa nulla.

    Ciao
    Zac

  17. Grazie Raf, meraviglioso l’appellativo del calloni.

    Ciao
    Zac

  18. Anch’io, caro Gatto, avrei preferito non conoscere Ian Rush…

    Ciao,
    Zac

  19. Insomma, pare proprio, nella mia sublime ignoranza, che non mi sia persa nulla….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: