Il Blog

I bari

In Politica on luglio 15, 2013 at 7:54 am

Ho sorvolato sulla sospensione dei lavori in aula voluta dai viagrini, si e’ trattato di un tecnicismo che viene attuato di norma, il bailamme che ne e’ seguito era riferito solo alla motivazione, che comunque la si voglia vedere NON e’ fattore determinante nella concessione o meno di tale opportunita’.

Ho sorvolato anche sull’estradizione, in pieno stile STASI, della Shalabayeva, dato che la complicita’ fra il nano e l’attuale dittatore kazaco e’ gia nei libri di storia.

Ma non posso sorvolare su quella che si rivela come la piu’ grande mascalzonata (che oggi mi sento buono) compiuta dal PD sin dalla sua nascita.

Il ddl contro il conflitto d’interesse.

Giovedi’ sera ci viene comunicata la presentazione di tale porcheria, primo firmatario Zanda.

Venerdi’ scoppia la notizia.

Sabato il sig. Epifani si degna di informarci che il ddl in questione e’ stato presentato gia’ un mese fa’.

Domenica si fa’ avanti il Mucchetti, il co-firmatario, a delucidarci sui possibili vantaggi della legge in questione.

Il Mucchetti, ex vicedirettore del Corsera, aggiunge fiero che il ddl e’ impostato sul futuro, dato che se il nano decadesse per ineleggibilita’ si tornerebbe a votare, vincerebbero le destre, e sarebbe gioco facile per loro cambiare la legge a proprio favore.

Ha detto proprio cosi’, un senatore del PD che si da’ gia’ per perdente alle prossime elezioni.

Come bere cianuro di potassio per combattere l’acidita’ di stomaco, funziona eh, e’ fortemente basico, con il piccolo inconveniente che ci resti stecchito, ma con lo stomaco in ordine.

 

La verita’, care lettrici e cari lettori, e’ che il ddl e’ stato presentato in Senato il 22 marzo 2013, a firma Zanda, Finocchiaro, La Torre, Casson e Pegorer, il Mucchetti si e’ aggiunto dopo.

Chiarissimo il senso: facciamo il governo assieme e ci pariamo il culo con una pezza del genere, che tireremo fuori in caso di necessita’, cosa che e’ puntualmente successa giovedi’ scorso.

SONO DEI VERI FIGLI DI PUTTANA.

Alzi la mano chi venne alla conoscenza di tale ddl in marzo.

 

Veniamo anche al contenuto, la giunta delle elzioni,

invece di decidere sulla ineleggibilità,

con decadenza immediata dal seggio, si troverebbe a valutare un’eventuale incompatibilità che non comporta nessuna decadenza automatica.

L’eletto può scegliere se rimuovere la causa senza rinunciare all’ufficio parlamentare o rinunciare al seggio conservando la causa dell’incompatibilità.

La rimozione del conflitto potrà avvenire, prevede il ddl, soltanto vendendo la partecipazione di controllo di un’azienda in un anno, oltre il quale il parlamentare inadempiente decade.

 

Come potete leggere, non si parla piu’ di ineleggibilita’.

 

Ma se ancora non mi credete, vi riporto il comma B dell’articolo 2 del ddl:

“I casi di INCOMPATIBILTA’ in particolare tra cariche diringenziali all’interno del partito e incarichi, o norme, a livello istituzionale e delle amministrazioni pubbliche e private….” il tutto seguito da 16 sottocommi che ne regolamentano il senso compiuto.

 

Uno dei piu’ eclatanti esempi di accordo sottobanco mai stipulato in questo paese, al confronto, Licio Gelli era un bravuomo.

 

Personalmente, sono sempre fermo qui:

https://zacforever.wordpress.com/2013/04/30/ricchi-premi-e-cotillons/

 

 

 

Annunci
  1. Ciao Zac
    mi dispiace ripetermi ma dal Pd non possiamo aspettarci cose positive, ormai è un partito pieno di “virus”. Dentro ci sono anche persone oneste e che potrebbero fare bene ma dovrebbero uscire da quel partito che ormai è senza speranza.
    hasta

  2. caro Zac,

    da bravi e uniti condomini leggo che oggi ci siamo incazzati tutti due per la squallida mossa del PD di salvare l’eventuale ineleggibile. Con il tuo post mi hai chiarito ulteriormente le idee sull’origine di questo studiato regalo che la sinistra vuole fare all’alleato delle viscide intese.
    Ma perchè tutti questi traditori del nostro mandato elettorale non prenotano già la tessera della nuova “Forza Italia” ? Almeno chi resta potrà lavorare nel pulito.

    Sto passando dalla rabbia alla nausea.

    Hasta
    robi

  3. Ah…ecco perchè il bastardo parla di pacificazione con la sx,sapeva già del ddl per cui sono proprio quelli che dovrebbero togliercelo dalle palle,che gli preparano un bel passaporto e,continuare il suo mestiere da dittatore,complimenti a quella parte di pd.
    Continuiamo a farci del male (Nanni Moretti)
    Ciao Zac.

  4. Cari compagni e condomini,
    mi trovo ora in Tunisia, in pieno Ramadan, dove la stragrande maggioranza della popolazione sta apertamente discutendo su come e quando staccare la spina, con le buone o con le cattive, al governo islamista capeggiato da Ennhadha.
    Questo proposito ha trovato brusca accelerazione lo scorso fine settimana, quando Ennhadha ha indetto una manifestazione, che doveva essere una vera e propria prova di forza, in sostegno di Morsi e dei Fratelli Musulmani. Ebbene, nonostante i tanti torpedoni messi a disposizione e i tanti soldi versati ai partecipanti, Ennahdha è riuscita a mobilitare soltanto un migliaio di persone e la manifestazione si è rivelata un flop clamoroso. Consapevoli del fallimento, i dirigenti del partito nei loro comizi hanno cominciato a sparare minacce gravi contro il popolo tunisino laico, promettendo di calpestare senza pietà gli “infedeli” qualora avessero in mente una svolta di tipo egiziano anche per la Tunisia. Risultato: il presidente del gruppo parlamentare di Ennahdha è stato denunciato per dichiarazioni sovversive e la Procura di Tunisi ha accettato la denuncia, pertanto verrà processato.
    Tornando all’Italia, vorrei dire soltanto una cosa che mi sta molto a cuore. Secondo me, l’attuale governo horror deve cadere prima del 30 luglio. Ritengo fondamentale che il prossimo 30 luglio, quando Berlusconi verrà condannato dalla Cassazione come tutti auspichiamo, non possa essere praticabile il solito ricatto nei confronti del governo. È importante, a mio avviso. Molto importante.
    Buona giornata a tutti
    David

  5. Hai detto bene Compagno Zac, Gelli a confronto era un brav’uomo.

    Siamo seduti su una polveriera e loro si trastullano con vocalizzi di nessun conto e zero utilità.

    Epifani che tuona perchè vuole che l’Italia riconquisti la dignità nel mondo, come chiedere a un ginecologo di ricostruire l’imene a una 60enne che ha partorito 20 volte in modo naturale.

    La pianto, sono troppo incazzata per misurare il gergo.

    Compagno David, andare a votare con il porcellum non è salutare, non cambierebbe niente e ce li troveremmo di nuovo ai loro posti, più che cadere, questo governo andrebbe calato dentro una fossa e mettere un tappo di calce viva sopra.

    Hasta Compagni.
    Tina

  6. Nessuno riuscirà mai a dichiarare ineleggibile Berlusconi stando alla legge del 1957, perché non è titolare di concessioni governative. Credo che lo sia suo fratello se non addirittura Confalonieri. Parlare di ineleggibilità vorrebbe dire fare un buco nell’acqua.
    Di incompatibilità invece si può parlare e molto perché si tratta di conflitto di interessi.
    Una cosa che a suo tempo fu risolta facendo uscire dalla sala dove si riuniva il consiglio dei ministri, berlusconi, facendo, in pratica, una pantomima.
    Non tutti possono conoscere la differenza tra ineleggibilità ed incompatibilità. Anch’io a suo tempo, sapendo del ddl presentato da Zanda, ho tentato di ragionare un po di queste cose, ed ho capito che se si punta solo sulla ineleggibilità si fa un fiasco garantito.
    Vorrei tanto sbagliarmi. e che berlusconi fosse ineleggibile e basta ma…ha fatto le cose in regola sotto questo punto di vista ed è inattaccabile.
    L’unica arma che rimane è l’incompatibilità, ossia il conflitto di interessi, anche questo mai risolto.
    Ciao Zac, un abbraccio

    http://speradisole.wordpress.com/2013/05/26/ineleggibilita-incompatibilita/

  7. Cara Spera,
    chiunque venga condannato in ultima istanza per un reato grave, che per giunta rappresenta un reato contro lo Stato, diventa automaticamente ineleggibile. Punto. E non vedo come Berlusconi il 30 luglio possa sottrarsi alla condanna definitiva. Se nel PD volete rimettere indietro l’orologio di vent’anni è un problema vostro, che evidentemente la maggior parte degli elettori non capiscono e non condividono. Quando Berlusconi uscirà di scena (e il PD a ruota), mi auguro che un Parlamento decente faccia una legge sul conflitto d’interesse senza modificare nessun reperto giuridico, magari semplicemente copiando dalle leggi attualmente in vigore in tanti paesi civili.
    Cara Tina,
    concordo con te che se questo Parlamento venisse sciolto ci toccherebbe andare di nuovo a votare con l’oscena legge vigente e non sarebbe salutare. Ma ti chiedo: ti pare che l’attuale Parlamento, e l’attuale governo, stiano ragionando sulla nuova legge elettorale? A me pare che si occupino di tutt’altro, compresi i grillini che senza Porcellum non sarebbero mai stati eletti. Senza contare che ritengo impensabile ottenere una legge elettorale decente con i soggetti politici e i sordidi interessi attualmente in campo.
    Detto questo, l’alternativa è lo sfascio, me ne rendo conto. Ma lo sfascio c’è già, rendiamoci conto anche di questo. In un paese diverso dal nostro, le strade sarebbero già presidiate da milioni di persone, e al Presidente della Repubblica spetterebbe il compito di varare un vero governo tecnico per realizzare in tempi brevi le leggi essenziali a far ripartire il sistema.
    La cosa paradossale è che gli italiani pensino che paesi come l’Egitto, l’Iran, il Brasile, l’India o la Tailandia si trovino su un altro pianeta. Noi continuiamo a fingere di credere di vivere in una democrazia compiuta, e lo crediamo ancora dopo vent’anni di Berlusconi. Troppo c’è da pedalare, cara Tina.
    Buona serata
    David

  8. Caro David
    ho avuto modo di scrivere che a questo parlamento tutto serve per fare fumo, ma non mettere le mani sulla riforma della legge elettorale, farlo e modificarla, per loro equivarrebbe a darsi una martellata sui testicoli, sono coscienti che ridandoci la possibilità di votare chi vogliamo, loro potrebbero andare a zappare per vivere.

    E’ questo che non sopporto più David, che in un qualsiasi Paese la gente normale si sarebbe riversata nelle strade, rammento che quando ci fu l’attentato all’Italicus, le bombe a piazza Della Loggia, l’attentato alla stazione di bologna, in ognuna di queste disgraziate date abbiamo lasciato i posti di lavoro rovesciandoci per le strade e far sentire le nostre voci, oggi ci massacrano in nome di niente e stiamo zitti, o meglio, noi scendiamo in piazza, ma da un paio di manifestazioni cominciamo a contarci, sempre le stesse facce e sempre più stanchi, ma non stanchi di lottare, ma stanchi di vedere che i più giovani mancano all’appello.

    Solo gli idioti possono pensare che i Paesi che hai citato siano su un altro pianeta, la verità Amico è che quei Paesi si sono svecchiati, o meglio, la parte giovane scende nelle piazze a reclamare i loro diritti, la loro parte vecchia scende in piazza per conservare l’oscurantismo, da noi si verifica il fenomeno inverso, noi pantere grigie mostriamo i denti o le dentiere e i bastoni e i giovani se ne sbattono, eppure il futuro è un fatto loro, cosa abbiamo sbagliato con loro David?

    Hasta Compagno ;-))

  9. Cara Spera, non capisco, non capisco se tenti in ogni maniera di salvare l’attuale pd, oppure stai semplicemente prendendo un granchio, spero sia la seconda, e allora provo a rispiegarmi in modo piu’ semplice:

    La legge del 57 non c’entra, dato che il ddl mira proprio alla sostistuzione della tale, ed e’ sufficente scrivere nel nuovo testo la parola “ineleggibile” al posto di “incompatibile”, ampliandone il senso anche al campo processuale, e’ facilissimo.

    E poi, ma quale fiasco? se presenti il ddl cosi’ come lo intendo io hai una maggioranza bulgara, e se per caso non fosse cosi’ verresti alla conoscenza, finalmente, dei nomi dei 101 giuda.

    F35, affossato il dl Casson.
    Elezione del troione Santanche’, rinviata per pura codardaggine.
    Richiesta di dimissioni di Calderoli, non pervenuta (anzi, pervenuta solo di fronte ai teleschermi, in aula nulla)
    Venerdi’ mozione di sfiducia ad Alfano, il Pd votera’ ovviamente contro.

    E la famosa Patrimoniale?
    E l’abbassamento del cuneo fiscale per aziende e lavoratori?
    E TUTTO QUELLO CHE AVETE SCRITTO PRIMA DELLE ELEZIONI SUL VOSTRO PROGRAMMA ELETTORALE????????
    al quale, mestamente, avevo pure creduto.

    Ah, per ultimo, ieri sugli F35 sono stati 12 i senatori Pd che non hanno votato il dl a firma Zanda-Alfano……

    Non avrei mai pensato di vedere un dl firmato assieme dai capigruppi di Pd e Pdl, veramente uno schifo assoluto.

    Un bacio
    Zac

  10. Cara Gibran, in cinque righe hai sintetizzato l’intero mio disagio, BRAVA!!!, cosi’ si fa’, cinque righe con le palle infuriate, cosi’ si fa’, cristosanto!!!

    Ancora BRAVA!!!

    Hasta
    Zac

  11. Caro Compagno Ernest, in piena simbiosi con il tuo pensiero.

    hasta
    Zac

  12. Caro Robi, ieri mi son fatto mostrare una tessera del Pd appena emessa, credevo che sul retro ci fosse gia’ stampato il simbolo di forzaitalia, ma dev’essere che non hanno ancora pronto il cliche’.

    Hasta
    Zac

  13. Cara Compagna Tina, saranno almeno ventanni che alla gente di questo paese non fotte piu’ la discesa in piazza, sono diventati un popolo di catatonici convinti che si possa attuare un cambiamento solo sedendosi di fronte a una tastiera nel migliore dei casi, guardando striscia la notizia nel peggiore.

    Quando aggredisco verbalmente il razzista di turno al bar o dal benzinaio, manco si incazzano piu’, mi guardano come fossi un marziano, come se essere razzisti fosse un diritto inalienabile.

    Quanto rimpiango la lotta armata.

    Hasta
    Zac

  14. Caro David, in Spagna, l’attuale premier e’ a rischio di dimissioni per tangenti al proprio partito, e sai la somma a quanto ammonta? 47mila euro in un anno.

    Se vuole, l’ultimo dei parlamentari del gruppo misto, riesce a raccogliere tale importo in una giornata di “lavoro”, e’ sufficente che prema il bottone giusto nelle votazioni che nessuno segue, e che sono sempre le piu’ colme di denari da devolvere alle varie cricche sparse per il paese, e non gli vengono chieste le dimissioni, che sia mai.

    Hasta
    Zac

  15. Non voglio difendere il Pd e non condivido gli errori gravi che sta facendo, ma sono anche cosciente che Bersani è stato cacciato via proprio perché si voleva che il Pd facesse tutti i pasticci, le contraddizioni nonché i disastri che sta facendo. La flotta dei 101 è molto più grande ed ha un grande capo nel presidente della Repubblica rieletto.
    Torno sul fatto della ineleggibilità di Berlusconi perchè probabilmente ho preso un granchio non è certo il primo, ma se si vuole rendere operativa quella legge non si può. mantenere la parola ineleggibile, perché tutti i cittadini possono essere eletti, a patto che non possiedano interessi personali contrastanti con gli interessi dello Stato. L’unica cosa è fargli vendere le aziende. Come credo facciano in altri paesi, se uno vuole restare in Parlamento venda le aziende. Questo non è salvare il culo a Berlusconi, ma regolarizzare l’eterna questione del conflitto di interessi.
    L’ineleggibilità di Berlusconi ci sarebbe solo se viene condannato alla interdizione dei pubblici uffici, L’esempio scandaloso di Dell’Utri ci dice che persino chi è condannato in via definitiva può essere eletto.
    Perdona l’insistenza, ma discutere ne vale la pena.
    Ciao, un abbraccio

  16. Cara coinqulina Spera,
    perdonami se mi rivolgo ancora direttamente a te pur avendo registrato da tempo i tuoi infastiditi silenzi. Ti prometto che lo faccio per l’ultima volta. Poi, sarà quel che sarà. In tutti i condomini c’è gente che non si parla e a stento si dice buongiorno. Non saremo né i primi né gli ultimi. Ognuno è padrone delle proprie sintonie e distonie. Ma poiché dici che vale la pena discutere, e almeno su questo concordiamo, proviamo a discutere.
    Credo che tu sia in assoluta buona fede, te l’ho già detto in passato, e non ho alcun dubbio su questo. Tuttavia, la tua buona fede la considero quasi un’aggravante. Per il semplice fatto che quelli come te non vedono proprio la realtà, e continuano a baloccarsi con ragionamenti astratti mentre fuori infuria la tempesta. Se fosse soltanto un problema tuo, poco male. Il guaio è che il segretario del PD dice più o meno le stesse cose che dici tu.
    Il tuo ultimo post è a dir poco surreale. Sembri ferma all’inizio del 1994, quando Berlusconi scese in campo. A quei tempi si parlava di legittimità politica di Berlusconi, di conflitto di interesse, di blind trust. Se ne è parlato e basta, non si è fatto nulla. Ora tu, vent’anni dopo, continui a parlarne come se nel frattempo il tempo si fosse fermato, e ne parli in modo se possibile ancor più approssimativo di come se ne parlava all’epoca. Uno come Berlusconi, se vuole entrare in politica, non deve vendere obbligatoriamente le sue aziende. Deve affidarle a gente che non abbia legami né di parentela né di affari con lui e deve affidargliele con cieca fiducia (blind trust), quindi senza alcuna ingerenza, per poi tornare ad occuparsene una volta giunto al termine della sua avventura politica. Vedi Bloomberg, grande magnate e sindaco di New York. Nei paesi normali, nei paesi civili, ci si comporta in questo modo fin dai tempi in cui Berlusconi portava i calzoncini corti.
    Ma tutto questo discorso non ha più alcun senso dal momento che Berlusconi verrà condannato in maniera definitiva fra meno di due settimane per un reato grave, un reato contro lo Stato. Altre condanne seguiranno poi, per altri reati gravi. E del resto Berlusconi di danni in politica ne ha fatti già più di quanti ne potessimo immaginare. L’unico danno che può ancora fare è quello di far precipitare il paese intero nel pozzo nero in cui sta precipitando lui.
    Sicuramente servirà una legge vera, una legge seria in tema di conflitto di interesse, per fermare eventuali Berlusconi futuri. Ma la dovrà fare una classe politica vera, una classe politica seria, quando riusciremo ad avere un Parlamento decente (a destra come a sinistra) e quando Berlusconi non sarà più che un orribile ricordo.
    Berlusconi non è più un problema. Continua ad esserlo soltanto perché il maggiore partito di opposizione attuale, il PD, non riesce a vivere senza di lui. E il PD non riesce a vivere senza di lui perché l’esistenza di Berlusconi gli ha fornito, in questi ultimi vent’anni, l’alibi per tradire a poco a poco i suoi ideali, il suo elettorato di riferimento e ogni sua capacità di proposta politica. Ex democristiani ed ex comunisti hanno trovato un’intesa di comodo sul piano dell’antiberlusconismo e si sono fatalisticamente attestati su questa posizione da tempo per non finire spazzati via dalla storia. I soli a guadagnarci sono stati gli ex democristiani, che sono sopravvissuti soltanto grazie a questo stratagemma, antistorici, ipocriti e bigotti com’erano. I comunisti ci hanno rimesso tutto quello che potevano rimetterci, regalando a destra e a manca (Lega, M5S, ecc.) tutto il proprio elettorato. Dei corrotti, dei camaleonti, dei contigui, non vale neppure la pena di parlare ancora.
    Ma vent’anni sono un lungo, lunghissimo lasso di tempo. E il tempo avanza sempre e comunque, anche in un paese immobile come l’Italia. In tutto questo tempo, i quadri prima DS e poi PD sono cambiati radicalmente, non somigliano più nemmeno lontanamente ai loro omologhi di vent’anni fa, spinti dal basso, militanti a tempo pieno e cresciuti di battaglia in battaglia contro le storture del sistema e i soprusi delle destre. I quadri PD di oggi, anche i giovani, sembrano per lo più degli storpi incroci mezzi berlusconiani e mezzi democristiani, degli impiegatucci della politica. Non si capisce chi siano, da dove vengano, sembrano senza passato e senza futuro. Lo noti persino da come si vestono. È una vera e propria mutazione antropologica.
    Ma la mutazione antropologica non può non riguardare anche gli elettori. Chi sono, oggi, gli elettori del PD? Sono per lo più dei piccolo borghesi, gente perbene (ricordo che “perbene” trent’anni fa significava “perbenista” e a sinistra veniva considerato un insulto) che sta mediamente a galla nonostante la crisi grazie all’impiego fisso, qualche immobile di proprieta’, qualche amicizia giusta.
    È un elettorato fondamentalmente conservatore, in un paese dove non c’è più niente da conservare. È un elettorato incapace di reagire, di scendere in piazza, di far sentire la sua voce. Ed è inutile stupirsi, come fa Tina, che i figli di questo elettorato siano molli, amorfi, bamboccioni, impegnati in politica solo attraverso Facebook tra una foto a Ibiza in discoteca, un “mi piace” appiccicato a un manifesto di Che Guevara e una inutile petizione da far circolare sulla sparizione della foca monaca.
    Sono stato un sostenitore del PD da ben prima che il PD esistesse. Era un’idea di Veltroni per unire ex comunisti ed ex democristiani che ha impiegato dieci anni a vedere la luce perché D’Alema era assolutamente contrario. Ho continuato a sostenerlo per partito preso. Ho pensato che il 34% ottenuto alla prima tornata elettorale da Veltroni fosse una mezza vittoria buona per il futuro. Poi ho visto Veltroni andarsene, ho visto arrivare Franceschini, e ho finalmente capito dove saremmo finiti. Dove ci troviamo adesso.
    Con questa classe politica e con questo elettorato, io non ho niente a che spartire e non voglio avere niente a che spartire. So bene che nel PD c’è gente con cui posso avere tanto a che spartire (Civati, Puppato ed altri, Renzi certamente no) ma spero con tutto me stesso che escano da quella casa e vadano in un’altra, anche in affitto. Se questo avverrà, a quel punto ciò che resterà del PD se lo prenda pure Renzi che è il perfetto prototipo di quella nuova razza democristiana-berlusconiana con cui presto dovremo scambiare i guantoni per cercare di immaginare un futuro.
    Un caro saluto
    David

  17. ho riletto con attenzione e partecipazione post e commenti. Grazie Condomini. robi

  18. Caro David
    hai scattato la foto al PD ad alta risoluzione e senza sfumature, stessa foto alla generazione che si trastulla con faccialibro e crede di essere innovativa, non capisce di essere vecchia alla stregua di mia nonna.

    Come te non ho niente da spartire con questo PD, a onor del vero, nemmeno con quello precedente, dove trovo un ex DC per me scatta l’orticaria mentale e nel PD ci sono più ex DC che nel partito di Casini.

    In confidenza, ne ho le nocciole piene di questo ballo delle parti nella storia Kazaka, da qualsiasi angolazione la guardi, il risultato non cambia, una donna e sua figlia sono state mercanteggiate in cambio di affari legati al gas e al petrolio, se per Alfano e Letta che lo difende, gli affari vanno pagati con vite umane allo sbando, tanto vale, come dici, pedalare, ma a questo punto pedalo con un solo intento, distruggere questo governo di larghe intese nella facciata, ma di fini specifici che vedremo dopo le ferie, calcola che qua a Torino, grazie al governatore in salsa verde e a un sindaco PD che elogia Marchionne, da settembre cominceremo a pagare l’IRPEF del 2014 per coprire i deficit che hanno creato attraverso la finanza creativa, mi spiace per Speradisole, ma dovrebbe documentarsi meglio sul partito che difende a spada tratta, un conto è il credo, un altro è il paraocchi ideologico.

    Hasta Compagno David

  19. Cara Spera, molte delle argomentazioni le ha gia riportate David, e sono esattamente sovrapponibili alle mie.

    Qui non si tratta, lo ripeto, di bypassare la legge esistente con qualche machiavellico ddl, qui si tratta di far diventare l’Italia un paese appena appena civile, e sino a quando continueranno a scrivere le leggi con il pensiero rivolto al salvataggio del nano e affini, non ci riusciranno.
    Guarda, e’ facilissimo, si definisce Ineleggibile qualsiasi cittadino italiano condannato in via definitiva a piu’ di un anno, basta un rigo, e cosi’ dai il diritto a tutti gli altri di essere candidabili, non c’e’ neppure bisogno di cambiare un comma della carta costituzionale.

    Io comprendo la tua difesa accorata del partito, ma v’e’ un punto di non ritorno dal quale non posso prescindere, ed e’ l’accordo di governo stipulato fra ex democristiani e i viagrini, dopo che il PD, per bocca di Bersani, aveva giurato in tutte le lingue che MAI avrebbe partecipato ad un esecutivo assieme al PDL.

    All’inizio pensavo a un tradimento, che e’ gia’ grave, poi ho capito che si tratta di mero opportunismo, imperdonabile.

    Ripeto per l’ennesima volta:
    Vai a rileggere le dichiarazioni di Letta sul cosa avrebbero fatto nei primi cento giorni, cosi’ poi ti fai una grassa risata.

    E’ notizia di ieri sera che salvano Alfano, ma bravi.

    E poi ci sono le notizie che passano in secondo piano, ce ne stanno a decine nei famosi primi cento giorni, e voglio prendere come esempio il nuovo AD di Finmeccanica, che non ho certo nominato io:
    De Gennaro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Il picchiatore del g8 genovese, una vita nell’arma e nei servizi segreti, AD di Finmeccanica, come nello Zaire di Mobutu.
    Poi non ci possiamo stupire se alla sanita’ ci va’ la Lorenzin….

    Baci
    Zac

  20. Grazie a te, Compagno Robi.

    Hasta
    zac

  21. @ Carissimo David
    mi scuso se non ho risposto al tuo precedente commento che chiamava in causa proprio me, ma non sempre il tempo mi concede di seguire con la dovuta attenzione anche i blog che mi piacciono molto, come questo di Zac,cosa invece che vorrei fare anche per rispetto verso chi si prende la briga ed il compito di scrivere.
    I miei post saranno superficiali è vero, saranno anche vecchi e soprassati perché le cose che dico sono quelle di Epifani o peggio ancora di Bersani, ma mi si passi non la buonafede, ma la fede vera che ho nella democrazia..
    Difendo il partito Pd, ne sono stata tra le fondatrici, perché credo che sia l’unico, ma proprio l’unico che possa battere questa destra. Non ci riuscirà Sel, e nemmeno Grillo, ma solo una forza democratica come quella in cui io milito.
    Capisco anche di essere in minoranza qui dentro, l’ho già detto altre volte, e non voglio irritare nessuno. Ho solo la voglia e la forza di pensare a questo paese in modo libero, democratico e il più rispettoso possibile.
    Il mio partito, con mio grande rammarico, sta facendo cose che neppure io comprendo bene, è al governo col Pdl per quello che viene chiamato, forse con troppa enfasi, senso di responsabilità, in obbedienza a Napolitano e capisco che anche per senso di responsabilità si può morire.
    Ai coinquilini chiedo quale forza politica, può essere in grado di accumulare i voti sufficienti per battere la destra?
    Sono d’accordo che bisogna cambiare rotta, bisogna rinnovare, cambiare, modernizzarci, e tutto quello che viene detto anche qui, ma lo si può fare anche standoci dentro ad un partito, credendoci e battendoci perchè cambi.
    @ Cara Tina, forse ho i paraocchi, ma cerco di camminare dritta e meglio che posso secondo quello che il mio cuore dice.
    Ho vissuto gli anni di Berlinguer, con quei compagni ho cercato di far cambiare questo paese, ho combattuto battaglie sindacali incredibili, sono tutte cose che fanno parte del mio bagaglio culturale al quale non rinuncio e credo in una sinistra non rissosa, capace di ragionare con gli altri, e capace di portare solidarietà e giustizia dove non c’è.
    Un grande abbraccio a tutti.

  22. Cara Spera,
    grazie della risposta innanzitutto, e grazie delle tue parole che descrivono la bella persona che sei. Ho fatto anche una passeggiata nel tuo blog pieno di fiori e sebbene io abbia il pollice nero (mi basta innaffiare una pianta per ammazzarla) credo di essere comunque una persona sensibile alla bellezza e alla natura.
    Non ho nessuna intenzione di propinarti un’altra concione. Le tue motivazioni e i tuoi sforzi sono legittimi e condivisibili. L’unico punto che ci divide è l’idea (tua, di tanti, del PD) che il panorama politico sia immutabile.
    Quante cose sono cambiate nel mondo negli ultimi vent’anni? Prima c’erano Bush, Bin Laden, Ben Ali, Mubarak, il Vaticano dello IOR, il telefono cellulare grosso come un ferro da stiro, non esisteva Internet, eccetera eccetera. Oggi c’è Obama, c’è il terrorismo di consumo, con il telefono forse laviamo anche i piatti, tutto viaggia su Internet, e’ arrivato un papa che si chiama Francesco e si presenta dicendo buonasera. Ti pare poco?
    Ma anche in Italia, ne succedono di cose. Un guitto prende il 25% alle elezioni diventando subito il primo partito anche se il partito non esiste, i nostri simpatici mammoni ammazzano quasi una donna al giorno e siamo diventati campioni di razzismo nonostante la nostra antica fama di cialtroni paciocconi.
    Possibile che non si riesca a ragionare se non ricorrendo ad elementi obsoleti, tipo “se il PD non fa finta di essere il PDL rivince Berlusconi”? Non pensi che se un gruppo di persone motivate e determinate fondasse domani un partito in grado comunicare gli stessi concetti che esprimeva Berlinguer prima di morire potrebbe sbaragliare la concorrenza, considerando la concorrenza un esercito di zombie e dando, almeno in questo, ragione a Grillo?
    Io penso esattamente questo. Negli ultimi anni tutti abbiamo detto, un giorno o l’altro, che questa classe politica va buttata in toto. Correggimi se sbaglio. I politici in questione lo sanno bene, e infatti cosa fanno? Hanno fermato le lancette dell’orologio e hanno bloccato il paese pur di sopravvivere, esattamente come fanno gli sceicchi sauditi. Gli arabi si ribellano, e stanno creando un’onda lunga che finirà per spazzarli via. Ma noi? Vogliamo continuare ad essere prigionieri di questa situazione, vogliamo continuare a bestemmiare senza muovere un dito?
    Zac, Tina, Robi, Carlo e tanti altri inquilini di questo condominio non riusciamo proprio a rassegnarci. Votiamo SEL pur sapendo che SEL, nonostante praterie di consenso potenziali, non otterrà mai nemmeno un risultato a due cifre. E perché non lo otterrà mai? Perché il suo leader, Vendola, è omosessuale. Ti pare accettabile?
    Hanno appena tenuto a galla questa specie di governo con voto bulgaro. La Puppato ha votato contro, di Civati purtroppo non ho notizia. Ma cosa aspettano a sganciarsi? E cosa aspettiamo noi a capire che questo governo non va tenuto in piedi a tutti i costi (e pensare che Letta aveva detto esattamente questo il giorno del suo insediamento) perché il paese è già in coma profondo, ed e’ a tutti noi che questi stanno staccando la spina se non saremo noi a staccargliela il più presto possibile?
    Il 30 luglio sarà resa pubblica la sentenza di Berlusconi e questo governo sarà ancora in vita. In questo modo, passeremo l’estate a parlare di lui è di come salvarlo. Poi andremo alle elezioni con lui che piangerà e sbraiterà da tutti i mezzi di comunicazione.
    Il solito, immutabile orrendo scenario. E intanto aumenterà la frustrazione, si allargherà a macchia d’olio la miseria, si moltiplicheranno suicidi, omicidi e femminicidi.
    Mi spieghi, cara Spera, cosa stiamo conservando, cosa stiamo difendendo? Epifani ha detto l’altro giorno che in questa situazione i poveri diventano sempre più poveri e i ricchi diventano sempre più ricchi. Che razza di malattia ha, lui e come lui tanto PD, per dire una cosa del genere e contemporaneamente agire in modo da proteggere strenuamente questo stato di cose?
    Un abbraccio
    David

  23. Cara Compagna Spera
    non era mia intenzione essere aggressiva o tacciarti di mente monotematica con la frase “paraocchi ideologico”, insomma, mi sono espressa male e me ne scuso.

    Per me tutto quello che ognuno di noi segue in maniera costante incurante di cosa comporta come tempo, costi e impegno, è “ideologia con il paraocchi”, non ne sono immune, l’archeologia e la storia sono i miei “feticci mentali” la mitologia è il mio “paraocchi ideologico”, sono straconvinta che la mitologia non è altro che la storia tramandata oralmente in quanto gli Ittiti non avevano ancora tracciato i primi geroglifici sulla pelle di pecora, spero di essermi spiegata.

    Però, concedimi un minimo di perplessità, come si può crescere nel PCI di Berlinguer e difendere a spada tratta il PD di Bersani/Letta/Epifani?

    Arrivo dal PSI di Riccardo Lombardi, da lui ho imparato a guardare al di la del momento, ho imparato che le analisi comparate dei fatti del momento sono fini a se stesse, infatti, quando voglio capire meglio un evento, lo analizzo usando il metro del passato, lo proietto nel presente e sposto le conseguenze nel futuro, 95% delle volte centro il bersaglio.

    Quanto alle battaglie, non mi sono risparmiata niente, questo mi sta scatenando oggi, ieri abbiamo fatto le barricate, ho occupato l’università, occupato la fabbrica e il fine era migliorare il mondo del lavoro, ma accanto ci facevamo stare il fine di migliorare e svecchiare la società dai retaggi della balena bianca, perchè i giovani che sono i predestinati a una vita di guano non si muovono?

    La tua fedeltà a questo PD è sublime, capisco che hai contributo a fondarlo, ma guardalo spogliandolo della tua partecipazione alla sua creazione, magari prendi atto che tu hai contribuito a costruire la casa, ma non è abitata dalla gente che ti spettavi.

    Hasta Spera ;-))

    David, ho scoperto che abbiamo un altra dote in comune, se tocchiamo una pianta, anche di plastica, muore ;-))

    Buona serata David.
    Tina

  24. Cara Spera, come avrai potuto leggere, c’e’ di che discutere.

    Io provo a sintetizzarla cosi’, dato che la nostra amicizia e’ pluriennale:

    Io e te abbiamo la medesima idea di societa’, e crediamo alle stesse cose (F35 solo per citare l’ultima).
    L’attuale segreteria nazionale del PD non crede a cio’ che crediamo noi, e’ del tutto evidente, ed e’ anche semplice da comprendere dopo gli ultimi tre anni di vere porcate.

    Due sono le soluzioni
    A) si rivolta il partito come un calzino, ma lo vedo assai improbabile anche se non impossibile.
    B) si fa’ nascere un nuovo soggetto politico che prenda come esempio e manifesto qualsivoglia discorso tenuto da Berlinguer, da Calamandrei, da Togliatti e da Gramsci.

    Nel mentre, vi invito tutti lunedi’ sera alla festa del PD in quel di verona (via Trapani).
    Dove alle 2115 parlera’ Pippo, ma lui sara’ li’ anche prima, chi vuole mi faccia uno squillo o mi mandi un’email.

    Baci
    zac

  25. Grazie Zac, è consolante leggere quello che hai scritto e alla fine mi conosci meglio di quanto io stessa conosca me stessa, troppo confusa, in queste vicende poilitiche, così poco limpide. Porto dentro come un figlio una grande voglia di giustizia e solidarietà per questo paese.
    Grazie a David, e Grazie a Tina, due battglieri compagni che si fanno onore.e mi onorano con le loro risposte.
    Questa non è piaggeria o compiacimento, ma un vero atto di cuore. Un abbraccio a tutti.

  26. Cara Tina,
    citi sempre Riccardo Lombardi e io dimentico sempre di dirti una cosa. Negli anni di Craxi, tutti i socialisti che mi capitava di incontrare mettevano sempre le mani avanti dicendo di essere lombardiani e mi resero insopportabile il suo nome usato sempre, e sfacciatamente, come alibi. Se tutte quelle dichiarazioni di appartenenza fossero state autentiche, il PSI non sarebbe finito in un burrone insieme a Craxi.
    Anche da noi c’era lo stesso scudo fiscale e si chiamava Ingrao.
    Erano due galantuomini. Lombardi mi ha sempre dato l’impressione di essere un uomo veramente libero, un politico di stampo quasi anglosassone. Ingrao era un po’ più ciociaro. C’era sempre più un certo egocentrismo nelle sue prese di posizione. Qualcuno si potrà incazzare, ma purtroppo ho il vizio di non riuscire a non dire quello che penso.
    Per quello che vale, se Ingrao e Lombardi militassero oggi nello stesso partito, io mi sentirei molto più vicino a Lombardi.
    Buon fine settimana, Tina
    David

  27. Caro David
    Non sei il solo che mi pone la domanda, diciamo che sei l’ultimo in ordine di tempo.

    Cito spesso Riccardo Lombardi per due buone ragioni, la prima che sono orgogliosa delle mie radici Socialiste, la seconda, che senza Riccardo Lombardi sarei stata una anarchica alla stregua di quanto sono atea alla Pietro Gori, ovvero, sono atea per scelta, scusa la spocchia, ma conoscendo a fondo le religioni, le loro radici, il perchè del loro sorgere, per me è stato naturale scegliere la storia e non la fola.

    Stesso discorso per le battaglie politiche, durante il periodo di Lotta Continua, il motto era questo sotto, largamente mutuato dal pensiero di Riccardo Lombardi

    “Non mi frega abbattere un governo democristiano, mi interessa abbattere il capitalismo selvaggio, instaurare l’equità sociale, lavorare meno per lavorare tutti, pensiero libero in libero Stato Laico”.

    Niente a che spartire con la giustificazione che molti Socialisti intendono nel dichiarare che erano Lombardiani, anche Cicchitto lo era, ma ho avuto il piacere di vedere direttamente il ceffone che Lombardi stampò sul muso di Cicchitto dopo avergli fatto confessare pubblicamente nel suo ultimo congresso che era tesserato alla P2

    So che ancora oggi Riccardo Lombardi viene letto con stupore per la sua lungimiranza, nel suo prevedere la fine di una socialdemocrazia basata sui personalismi, sempre in quel congresso che citavo sopra disse:

    “ci sono più socialisti in galera oggi che al tempo del fascismo, di questo passo si va verso l’estinzione”

    Purtroppo, dopo la bufera mani pulite, siamo rimasti in pochi a fare quadrato su quel che restava del primo partito politico formatosi nel nostro Paese, il più antico e l’unico nato dai movimenti di base per affrancarsi dalla nomea di “servo”.
    Chi poteva fondava altri partiti “I Laburisti di Giorgio Cardetti”, Rifondazione Socialista di Filippo Fiandrotti, ti risparmio la lista completa, solo da poco hanno capito che non era il caso, ma recuperare tutti, oggi diventa difficile, il primo è mancato, il secondo quando sente il mio nome si porta le mani ai capelli urlando che “la Lottacontinuista no, ti fa il contropelo anche stando zitta”

    Non credere che sono una mosca bianca, siamo un buon numero da queste parti, siamo quelli che non abbiamo fatto “abiura” e non ne faremo.

    Dalla rete:
    Lombardi era convinto che i partiti dovessero avere un ruolo essenziale nella democrazia ma non essere i titolari esclusivi dell’azione politica. Pensava che i movimenti fossero essenziale per una democrazia aperta in grado di esercitare un ruolo di rinnovamento della politica e dei partiti. Ma Lombardi non era sopportato da un grosso pezzo del suo stesso partito.
    Lombardi è straordinariamente attuale. Il più attuale di tutti i leader storici della sinistra, sia socialisti che comunisti. Aveva lucidamente previsto la crisi della socialdemocrazia tradizionale già negli anni 70. Aveva sempre detto che il “socialismo reale” non era affatto socialismo ma un capitalismo di stato fondato sul potere incondizionato di una borghesia burocratica. Il crollo del comunismo e il venir fuori dei limiti della socialdemocrazia, gli danno pienamente ragione.
    Pietro Giudice.

    Al contrario di Saragat Lombardi, pur accettando l’adesione dell’Italia al Patto Atlantico, checomunque riteneva un errore, auspicava la cancellazione di entrambi i blocchi: “perché
    l’orientamento dei socialisti era stato e rimaneva per la neutralità, rifugio degli uomini liberi
    oppressi dagli opposti dogmatismi.

    Potrebbe sembrare “un’utopia”, e certamente per l’epoca lo era, ma a noi piace piùchiamarla “preveggenza”. Conoscere e rifiutare per trasformare, senza negare oannullare nulla della Storia e della realtà7: questo è forse il suo lascito più ricco8,
    quello per il quale, ancora oggi, il mondo politico può e deve fare riferimento alla suavita ed al suo pensiero.

    Da una tesi di laurea su Riccardo Lombardi

  28. Ops
    mi sono rimaste due righe fuori.

    Ora vado a cenare, dopo vado a mangiare l’Anguria da Luciano Robusti, il più combattivo cocomeraio di Torino, comunista fondamentalista con un solo desiderio (condiviso) mandare fuori dalle palle il “compagno marchionniano Fassino”.

    Buona serata David ;-))

  29. Cara Tina,
    sconvolto dalle luride affermazioni del consigliere veneto di SEL ti chiedo delucidazioni mitologiche. Dico sul serio. Per me, romano de Roma, che come dice la leggenda ero già frocio quando gli altri vivevano ancora nelle caverne, è ormai del tutto incomprensibile il fatto che gli italiani siano diventati improvvisamente il popolo più ignorante e più razzista oggi sulla faccia della Terra.
    Rispondimi pure con calma.
    Buona domenica
    David

  30. Caro David,
    se dovessi paragonarlo a un personaggio della mitologia, lo abbinerei a Cerbero, il cane a tre teste posto a guardia della porta dell’inferno.

    Potrei usare la tesi ormai abbandonata di Cesare Lombroso, ovvero, basta guardare l’aspetto del soggetto in questione e si capisce se è un depravato o meno.

    Si potrebbe rispolverare la teoria di Mendel, ovvero, l’allele silente negativo salta una, due, tre generazioni, ma alla quarta si manifesta, in media, salta una generazione, massimo due.

    Si potrebbe usare la teoria di Jung, ovvero, ogni uomo è “Anima Mundi”, il contenitore del DNA di tutti gli uomini partendo dal primo primate compresa la scimmia ed è naturale che sulla faccia della terra ci siano tanti colori nel genere umano unitamente a tante virtù e depravazioni.

    Detto questo, visto l’aspetto del 70enne deficiente mentale che ha postato quella porcheria, credo sia la sommatoria dei 4 punti sopra.

    Visto che è stato espulso e decaduto dalla carica nel giro di un paio di ore, visto che i 70 li ha toccati, gli auguro un repentino trapasso per andare ad incontrare Cerbero, se lo sbircia, Lombroso potrà studiare il caso ma so già in quale “fenotipo umanoide” lo porrà, Mendel potrà gongolare nel vedere ancora una volta la prova provata della sua teoria e Jung potrà consolare Freud che ha continuato a rompere le palle con i complessi Edipici.

    David, il cretinismo ed il razzismo non sono retaggio solo dell’ignoranza, me lo insegni, hanno radici nel retroterra di ognuno di noi, quell’imbecille nel suo delirio non si è reso conto di essere più razzista del soggetto oggetto del suo insulto.

    Uno così non vale la pena, ovvio che mi sono girate alla stessa maniera tua, ma vista la foto, mi sono detta che lui è nato solo perchè 70 anni la legge sull’aborto era di la da venire, insomma, lo reputo un aborto mancato.

    Hasta e buona serata David ;-))

  31. Grazie a te, Spera, sinceramente commosso.

    Baci
    Zac

  32. Grazie Tina,
    grazie della tua illustrazione. Brevi tratti pungenti e illuminanti. Tutte citazioni che condivido. E la mia personale soddisfazione per la tua attenzione verso i vituperati studi lombrosiani che per decenni, a sinistra, sono stati bollati con demagogico orrore. Mai capito perché possiamo valutare con certi parametri ogni specie animale ma dobbiamo esentare per principio da simili analisi la razza umana. Mi è sempre sembrata una posizione bigotta, più che antirazzista.
    Al ristorante del mio amico Franco, a Hammamet, ieri sera alle 21,30 ora locale. Dietro a me sono seduti due coetanei toscani del settantenne deficiente in questione. Sono due piccoli imprenditori italiani, “la spina dorsale della nazione”, che hanno delocalizzato all’estero, non ostentano tatuaggi, indossano vestiti firmati. Parlano di donne e di lavoro. Più precisamente di donne che lavorano per loro. A un certo punto, solenne e serissimo, uno dei due fa: “Le donne vanno solo trombate. E poi vanno messe a seccare al sole”.
    Ero con mia figlia piccola. Avrei voluto spaccargli una seggiola in testa ma purtroppo non l’ho fatto. E ho dormito malissimo.
    Buona giornata
    David

  33. Ma quando ti succedono di queste cose devi chiamarmi che in un modo o nell’altro la sedia in testa gliela sfascio io, che non ho figlie piccole.

    Caro David, cara Tina, deliziosi compagni, in questo periodo sto leggendo

    “Cronache dal cono sud” di Sepulveda
    “Niente canzoni d’amore” di Bukowsky
    “Picasso, il periodo blu” della Stein

    Ebbene, anche se li mettessi assieme, i tre tomi sopracitati non sarebbero sufficenti a pareggiare l’alto contenuto del vostro colloquio qui.

    Vi ringrazio.

    Molto.

    Hasta
    Zac

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: