Il Blog

NON SI PUO’

In Politica on settembre 29, 2014 at 12:49 PM

Hanno eletto i nuovi presidenti di provincia.

Ma non sono state abolite?

Ah no, hanno abolito il suffragio universale, trasformandolo in un ectoplasma.

Cosi’ , questo weekend, i consiglieri comunali e i sindaci dei comuni delle province a fine mandato hanno “eletto” i “loro” rappresentanti.

La provincia di Vibo Valentia va’ al sindaco di Briatico, che non conosco, che sara’ di certo una brava persona, e che e’ stato suffragiato da un’alleanza composta da:

Renziani del PD-NCD-FI-FDI.

 

Pazzesco.

 

Due anni fa’ abbiamo votato, gli avversari erano (e sono) noti, e il Pd si allea con FI.

Sta cosa e’ marcissima, ma come? mi inviti all’odio, all’indifferenza e allo scontro verso la destra per un secolo, e poi ti allei.

 

Che non e’ un “cambio casacca”, come i vari Razzi, Mastella, Fabris ci hanno insegnato, e’ proprio il fare politica assieme a quello che per decenni hai chiamato nemico.

Qualche milionata di italiani hanno votato una coalizione, con un programma scritto e consultabile. Quanti di loro avrebbero solo sognato una tale alleanza?

A sinistra nessuno. Al centro qualcuno. In Forza Italia moltissimi.

 

Lo riscrivo: Renziani PD-NCD-FI -FDI.

 

da stropicciarsi gli occhi.

 

Ieri, il nanopriapo ha detto:

“Non vedo perche’ non dovremmo votare il ddl Lavoro, dato che e’ come l’avevamo scritto noi tre anni fa’.”

 

E questa, cari i miei loro, e’ la prima verita’ pronunziata dal watussomancato negli ultimi ventanni.

 

Quell’altra era:

 

“Borghi e’ un fuoriclasse”

  1. Caro Zac…
    io sulle Province non so più cosa dire… le avevano abolite ma sono sempre li… sono apparsi magicamente i Commissari che alla fine fanno ciò che vogliono… tra parentesi i commissari quanto stanno in carica?
    Su Renzi cosa ti devo dire a me fanno più arrabbiare quelli che ora sostengono le idee di Renzi, uguali a quelle di B., mentre prima scendevano in piazza…
    E’ la storia del nostro paese da anni…
    hasta forse

  2. Oramai non ci sono più parole da esprimere all’indirizzo di questo nauseabondo e nauseante governo.

    Ciao Zac e buona serata a tutto il condominio.

    L’unica notizia che ha allietato il mio fine settimana è stato il fiasco completo delle primarie del PD in Emilia Romagna, delle quali David ci ha fornito l’anticipazione nel precedente post.

    Un calo dell’80% di partecipanti che, giustamente, David s’è domandato se definre solamente “calo”. Un botto, uno schianto, la giusta risposta alle politiche di merda ed alle “amicizie” di merda del giovane e arrogante premier.

    La penso come David: Il PD è abbondantemente oltre la frutta, il pregiudicato si sta rifacendo una verginità, alle prossime elezioni ne vedremo delle belle! (per modo di dire!!).

    Caro Zac, ho visto che hai fatto la visita in qualche blog. In uno in particolare hai lasciato un commento che mai nomignolo come il tuo, “Rasoiata”, fu più azzeccato! Con garbo e misura… hai dato una bella rasoiata alle minchiate!

    E che cazzo… va bene difendere l’indifendibile!!! Ma a tutto c’è limite!!!

  3. Cari condomini,
    siamo ancora in pochi ma già si sente un profumo di cucina di quelli buoni, suggestivi, evocativi.
    Hai detto bene, Zac: NON SI PUO’. Non si può essere fessi, o corrotti (a seconda dei casi) fino a questo punto.
    Un partito di sinistra non esiste più, ma proprio più. E noi, proprio noi, che siamo almeno dieci milioni in questo paese, non esistiamo più, non siamo rappresentati da niente e da nessuno. Oggi Civati dice che forse l’imminente riunione del PD per lui sarà l’ultima. Levaci il forse, Pippo. Questo è l’ultimo forse che possiamo, ma a stento, sopportare.
    A Renzi bisogna togliere il palcoscenico SUBITO. E la rottura deve essere univoca e brusca. Quelli che rimarranno impigliati a lui non devono poter fingere di non sapere che a breve andranno a rifornire Forza Italia di sangue nuovo e di gnocche presentabili.
    Gli altri, tutti gli altri noi compresi, devono costituire nel tempo più breve possibile un nuovo soggetto politico che potrebbe chiamarsi, senza troppe cazzate e giri di parole SINISTRA ITALIANA, prendendo semplicemente il nome di ciò che clamorosamente manca nel devastato scenario politico italiano.
    Caro Ernest, caro Robi, che piacere risentirvi! E tu Robi, non ti preoccupare del mio compleanno, che non festeggiavo nemmeno da bambino. Il miglior regalo che io possa desiderare è l’amicizia e lo scambio, con le persone a cui voglio bene e alle quali mi sento affine.
    Un grande abbraccio condominiale
    David

  4. Mi piace questo progetto di David sulla “Sinistra Italiana”! Che dici, Zac? Si può tentare?

    Ciao Condominiooooo!! C’è l’eco… troppi appartamenti vuoti.

    Intanto ieri, da presuntuoso qual’è, ha cantato vittoria sulla minoranza Pd che era contro la delega alla riforma del lavoro ed all’ennesima modifica dell’art. 18. Zac, non ti sembra siano un po pochini quelli che hanno votato contro o si sono astenuti? Comunque, lo aspetto in Parlamento perché è li che vedremo se chi ha votato a favore, sarà fedele alla “linea” del partito! Scommetto che non avverrà ciò che è accaduto ieri e che la “maggioranza” se la potrebbe anche scordare.

  5. “Sinistra Italiana” suona proprio bene, quasi da favola…
    Pero’ il problema, come sempre, non sta nel nome, sta nelle idee.

    Ora, quanti italiani sarebbero disponibili a una patrimoniale? Quanti sull’eutanasia? quanti sulle adozioni gay? Quanti sull’aumento salariale? Quanti sulla proposta di galera certa a fronte di uno scontrino non battuto? Quanti sulla completa estinzione della lunga mano vaticana dagli affari di stato?

    E che me ne’ sono venute in mente poche.

    Probabilmente uno schema del genere, nell’attuale situazione (piuttosto fluida) di componenza delle camere, potrebbe portare a un ottimistico 10%, con la necessita’ di trovare una sponda nel PD di Renzi per poter ipotizzare una qualsivoglia proposta in aula.

    Sempre che, come continuo a sostenere, si riconoscano come luoghi preposti alla legiferazione quelli attuali, viceversa resterebbero la piazza e le montagne.

    Io un rifugio ce l’ho gia pronto e inattaccabile.

    Hasta
    zac

  6. “a me fanno più arrabbiare quelli che ora sostengono le idee di Renzi, uguali a quelle di B., mentre prima scendevano in piazza…”

    caro Compagno Ernest, SANTISSIME PAROLE!!!!

    Hasta
    Zac

  7. Caro Zac,
    Il nanopriapo, come lo chiami tu, e quindi Fi, NCD, Scelta civica e via dicendo si attaccano a Renzi come le zecche. E Renzi ne approfitta.
    Le idee di Renzi sono quelle di Berlusconi? Sinceramente non credo, e so di farti arrabbiare. Per me invece quella parte di politici cerca di rivoltare la frittata a proprio favore.
    Se si vanno a leggere i documenti c’è una grande diversità, tra quello che diceva Berlusconi a suo tempo e quello che succede adesso. I tempi e le situazioni sono molto diverse, persino da quando c’era Bersani segretario.

    Ciao Zac, un abbraccio.
    Spera.

    P.S: Cari condomini, se volete potete anche scatenarvi. Grazie.
    P.P.S. C’è qualcuno di voi che abita in Emilia-Romagna? Il calo delle primarie regionali non significa calo del Pd.

  8. Cara Spera,
    per quanto mi riguarda non mi scateno affatto. Sei tu che mi sembri scatenata nella difesa dell’indifendibile. Se navighi un paio d’ore ti accorgerai che fra gli elettori di sinistra originari fondatori del PD pochi ormai nutrono dubbi sulla vera identità di Renzi. Se non bastasse, proprio ieri Berlusconi ha preso a calci nel culo Fitto e gli ha intimato di andarsi a fare un partito suo. Ha ragione. Che ci fa con Fitto? Fitto che vorrebbe far saltare il cosiddetto Patto del Nazareno.
    Quando poi chiudi il secondo post scriptum asserendo che il calo delle primarie (80 PER CENTO IN MENO) al PD gli scuce un baffo, cosa dire?
    Spera dai, non sei più te. Che ti hanno dato da mangiare, ultimamente? All’interno 3 posso farti due penne all’arrabbiata.
    Con sincero affetto condominiale
    David

  9. Cara Spera, che bel commento stimolante.
    E’ lapalissiano che fra le idee di Renzi e quelle del nanopriapo vi sia una sostanziale differenza, aggiungo anche che lo stile di vita, l’ironia e i ladrocinii non sono nemmeno paragonabili fra i due.

    Solo che io, come altri, non sopporto di legiferare assieme a una banda di malfattori, ho sempre scritto che il ventennio berlusconiano e’ stato uguale se non peggio di quello littoriano; a me non risulta che per riscrivere le regole nel 48 ci si sia rivolti ai gerarchi fascisti, come pure in Germania, dopo Hitler, non si e’ chiesto a Hess il parere sul nuovo ordinamento politico.

    Prendi l’esempio Lupi: uno dei ciellini piu’ potenti in circolazione, ministro dei lavori pubblici, da sempre in FI (prima DC), ora fa’ l’ariete da sfondamento nell’avamposto viagrino chiamato NCD.

    ma ti pare che si possa avere un ministro dei lavori pubblici che ha come affiliate decine di migliaia di aziende facenti capo a CL? se non e’ mafia questa.

    Comunque sia, attendo, aspetto i prossimi sei mesi per vedere quanto potra’ durare questa orrida, incredibile e farsesca alleanza di governo.

    Di una cosa sono stracerto: il senato non verra’ riformato.

    Baci
    zac

  10. Caro Zac, e Caro David,
    Non sono arrabbiata, semplicemente ho un pensiero diverso dal vostro. Sono una persona molto calma e cauta e preferisco guardare in faccia la realtà
    Renzi questo governo non se l’è scelto, ma è frutto della sconfitta del Pd, raggiunta nel febbraio dell’anno scorso. E’ frutto della figuraccia del Pd di fronte alla elezione del Presidente della Repubblica. A me la storia dei 101 non è andata giù, come non mi è andata giù l’altalena inconcludente di Letta, ed è per questo che coloro che nel Pd non hanno a cuore l’unanimità delle decisioni, ma vogliono far prevalere la loro cosiddetta “coscienza” non hanno a cuore il paese, non fanno altro che buttare il Pd sempre più nelle mani di altri. Ma sembra che non se ne accorgano.
    Se guardiamo bene comunque, Renzi ha rotto la casta dei politici, assai di più dei vaffa di Grillo, ha scardinato le sicurezze sindacali che da un po’ dormivano sugli allori, ha sollevato il problema dei magistrati beccandoli non sulle loro sentenze, ma sulle loro posizioni di comodo. Ha abbassato l’IRAP del 10% prendendo i soldi dall’aumento della tassazione finanziaria. Ha cercato di restituire, fra i lazzi e gli intrallazzi di tutte le opposizioni, un po’ di soldi a coloro che hanno sempre pagato di più il malaffare condotto dalla destra in precedenza. E soprattutto ha ridato fiato ad una politica italiana che era spenta, noiosa, vecchia, insopportabile, poco stimolante, poco rock da troppo tempo. Finalmente un leader che guarda alla nuove generazioni perché loro sono il futuro ed i giudici del lavoro svolto. Un riformista della giustizia, del welfare, del lavoro.
    Finalmente uno che è impertinente, irriverente, che scatena opposizioni in persone che pensano di essere i migliori del mondo, da Della Valle, a Scalfari,dai giornali di regime e da quelli dell’antipotere ai vescovi.
    Per me tutto questo è brillantemente vivo perché finalmente si parla di politica, ci si accapiglia, si rompono privilegi per arrivare a migliorare questo paese e a spezzarne quelle catene che da anni ci legano mani e piedi.
    Ciao carissimi Zac e David, un abbraccio. Spera.
    P.S. David, vorrei farti i complimenti, perché ho saputo che stai lavorando ad un film su Pasolini. Mi sento onorata di poterti esprimere la mia stima. Un abbraccio particolare.

  11. Cara Spera,
    il tuo ragionamento teoricamente non fa una grinza. Solo che…somiglia molto a discorsi che ho sentito fare da gente molto perbene e molto in buona fede che nel 1994 ha commentato come una salutare novita’ la discesa in campo di Silvio Berlusconi, trascurando di riflettere sulla provenienza di Berlusconi.
    Ci inviti a parlare di realtà e io mi adeguo. Le tessere del PD nella tua regione, l’Emilia Romagna, si sono dimezzate. È notizia di oggi.
    Ti ringrazio per la stima anticipata sul film che ha per protagonista Pasolini. Se riuscirò a portarlo a Cannes, se sarò in grado di farlo circolare ovunque con l’importanza necessaria, vedrai un film la cui scossa sarà misurabile con la Scala Mercalli.
    Ti abbraccio forte
    David

  12. CHE BEL CONDOMINIO!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: