Il Blog

Archive for novembre 2014|Monthly archive page

“Una e Una sola Volta”

In Politica on novembre 24, 2014 at 8:41 am

    Care lettrici, cari lettori, Da oggi e per tutta la settimana questo blog si trasforma in una sorta di contenitore musicale, fatto di racconti, ricordi, brani che hanno segnato interi periodi dell’adolescenza.   Cosi’ entriamo nel clima che avra’ il suo apice alle 21 e 30 di sabato prossimo, al teatro Comunale di Recoaro Terme, dove potrete ascoltarci “Una e Una sola Volta”.     La vita e le canzoni. Il primo brano che imparai a memoria fu “Margherita” di Cocciante, giravo in bici cantando a squarciagola “Io non posso stare fermo….”, ero davvero piccolo. Poi arrivo’ l’adolescenza, e Jim. I Doors mi hanno segnato la vita. Poi diventai un Dark, e allora giu’ di Cure, Siuoxie and the Banshees, The Smiths, Bauhaus, Jesus and Mary Chain, Madness. Poi ancora cominciammo a suonare, e allora le influenze musicali virarono all’improvviso verso i gruppi indipendenti italiani, che io non conoscevo, ma che Sandro, Enrico e Jordan mi fecero scoprire. Afterhours, Casino Royale, Mau Mau, Ritmo Tribale, CCCP, Subsonica, Africa United, e ancora, Rage against the machine, RHCP, Soundgarden, Faith no more.   Cosi’ ho trascorso  i primi trentanni, invaso dalla musica che mi ha segnato la vita.   C’erano le donne e la musica, un binomio perfetto. Ballavo Paul Anca, appena quattordicenne, e al ritmo di “Diana” perdevo la testa per Monica. Pochi anni dopo, con i primissimi U2, mi innamorai di Valeria, e ogni volta che risento “Purple rain”

di Prince mi tornano in mente lunghissime serate trascorse ad attendere un bacio. Sempre in quegli anni Marina se ne’ ando’ a studiare nel Regno Unito, per me era un’eroina, una novella Giovanna d’Arco pronta a sfidare l’establishment di Buckingham Palace. Per questo (e lei se lo ricorda di certo) alla sua partenza le dedicai “Riders on the Storm”. Poi entro’ a piedi pari Silvia, donna straordinaria e fondamentale (non che le tre precedenti non lo fossero, anzi, e’ che Silvia la REincontrai quando, forse, ero gia piu’ maturo). Con lei consumai il primo cd di Ligabue e quello di Mina in coppia con Celentano.   E per il momento, questo e’ quanto. Se vi va’, raccontate le vostre qui sotto, in ambito musicale.     Vs. Zac http://www.vicenzatoday.it/eventi/valdagno-la-reunion-dei-luna-mars-29-novembre-recoaro.html        

29/11/2014 Luna Mars Reunion

In Politica on novembre 14, 2014 at 8:11 am

 

image1

 

Teatro comunale di Recoaro Terme, 29/11/2014, verso sera, vi aspettiamo.

 

Vs.

The singer.

 

Ringraziamo di cuore Alex Giorgini, illustratore di fama planetaria, per il capolavoro qui sopra.

Le due ombre

In Politica on novembre 13, 2014 at 9:33 am

Cosi’ uno si fa’ un’idea…

“Sono contrario ai rapporti sessuali prematrimoniali”

“Io sto con Bush, che ha confessato di piangere spesso da solo sulla spalla di Dio”

“E’ inutile cantare Bella Ciao alle manifestazioni”

“Comunione e Liberazione viene considerata mediaticamente troppo spesso per le polemiche politiche, mentre in realta’ e’ una straordinaria esperienza di fede”

“E’ ora di finirla di demonizzare Berlusconi!!”

“Io non riesco a odiare Berlusconi”

 

Potrei aggiungerne altre trecento, come minimo.

Avrete compreso, i virgolettati appartengono all’attuale Premier, virgolettati che persino “libero” si guarda bene dal pubblicare.

Come l’aver partecipato alle marce antiaborto, o aver appoggiato, per iscritto , qualsiasi guerra in qualsiasi posto del globo, se poi c’e’ di mezzo Israele, apriti cielo.

 

Ma c’e’ di piu’, molto di piu, c’e’ il lato oscuro.

 

Due sono le ombre che non riempiranno mai le cronache, che non faranno mai la fine del Dell’Utri o del Previti, e che non vengono, come da prassi, MAI citate.

 

Il primo, l’uomo che nonostante sieda in piu’ di quindici CDA privati e almeno dieci CDA pubblici, che  gira con una Punto, l’uomo che tiene affari commerciali con Tel Aviv (dove ha anche l’ufficio), e’ di gran lunga lo spindoctor piu’ rilevante del Premier.

Gia’ insegnante di catechismo, gia’ iscritto ai focolarini, gia’ iscritto prima a FI, subito dopo al PD, giovane, un vero uomo ombra, presidente di fondazioni, socio con Testa, Bernabe’ e altri boiardi di stato. Va’ a Lourdes ogni anno, si fa’ il segno della croce prima di mangiare, ha fortissimi legami con l’opus dei e il fratello ha fondato la Compgnia delle opere in Toscana, mentre il nonno, giusto per non farsi mancare nulla, fu’ il capo della banda Carita’ che dal 43 al 45 stermino’ intere famiglie di partigiani.

Ciliegina: il comune di Firenze decide di dedicare una via a Eluana Englaro, e l’uomo ombra vota contro

“Non per senso religioso, ma per laico senso delle istituzioni” (ma che cazzo significa??)

E’ Marco Carrai, studiatelo.

 

Poi ce n’e’ l’ altro, molto piu’ pericoloso.

Americano, gia consulente di Reagan, fiduciario dei Bush, trafficante d’armi (sempre pro Israele, che ci mancherebbe), citato nei verbali del rapimento Moro, uomo della Cia, guerrafondaio per definizione, fra i fondatori dei Tea Party, mai condannato, accusato da Francesco Pazienza, il faccendiere legato ai fasci e alle stragi di stato.

E’ Michael Ledeen, che solo a scriverne il nome si rischia, cercatelo se vi piace il rischio.

 

Per concludere, dato che l’attuale Premier governera’ questo paese per un lungo tempo, v’e’ da chiedersi se non sia piu’ semplice regalarlo alla destra, giusto per rimettere al loro posto i valori fondanti di QUALSIASI comunita’ progressista e di sinistra dell’intero pianeta.

 

BENTORNATA TINA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!