Il Blog

Tutto qui, solo un dogma.

In Politica on gennaio 28, 2015 at 8:46 am

 

Lo sport nazionalfascista (aggettivo comprendente, oltre ai soliti noti, anche diverse orde di piddini e grillini) piu’ praticato al momento sembra essere l’attacco sistematico a Pippo Civati, colpevole della seconda guerra mondiale, responsabile di Chernobil, mandante dell’assassinio di Martin Luther King, fautore principale di Desert Storm e, non da ultimo, inventore del macchinario segreto che provoco’ lo Tzunami a Giakarta e Katrina e New Orleans.

A fronte di cotanta responsabilita’ pare che l’accusa piu’ grave non si annoveri fra le descritte, ma sulla candidatura di Romano Prodi e sulla “compravendita” di deputati grillini (questa si’, caro Pippo, una indecenza da querelare quanto prima).

Siamo alla trasposizione reale del teatro dell’assurdo di Beckett, che trova la sua massima espressione nel ” essere caratterizzato per dialoghi senza senso, ripetitivi e serrati, capaci di suscitare a volte il sorriso nonostante il senso tragico del dramma che stanno vivendo i personaggi.”

 

Ora, a detta di molti, ma soprattutto a detta mia, posseggo un pregio (o un difetto, come preferite), che mi fa’ riconoscere le persone da amare ancor prima di ascoltare le loro idee o i loro modus vivendi, cosi’ come quelle da odiare.

Ci becco al 97%, piu’ o meno.

E’ una questione epidermica, prima ancora che cerebrale.

 

E’ successo cosi’ per diverse situazioni, dalla Compagna sino al primo rigo di “Taccuino di un vecchio porco”, dal migliore amico sino al maglione con le toppe che indossava Francesco Vezzoli quando Mary me lo presento’, dai gatti che tutte le mattine alle 6,30 si presentano fuori dalla finestra per assaggiare i miei manicaretti, sino ai cani che (come i loro padroni) altro non fanno che abbaiare per un nonnulla.

 

Ho sempre amato.

Ho sempre odiato.

 

Qualsiasi essere umano sano di mente attaccherebbe Verdini o il condannato nanosomatico, o i rispettivi contraltari dialoganti, tali Guerini, Serracchiani e claque al seguito.

Qualsiasi essere umano sano di mente resterebbe basito a fronte dell’emendamento presentato da Giovanardi  il 21 corrente mese, riguardante l’equiparazione fra omosessuali, bissessuali e pedofili (fortunatamente cassato), invece di scagliarsi, lo STESSO GIORNO, contro la candidatura di Romano Prodi (che risulta essere il piu’ eleggibile dagli italiani, a detta dei sondaggi de il Fatto, Repubblica, Corriere e Stampa).

 

Io amo Pippo Civati, consideratelo un dogma, per cortesia.

 

Tutto il resto se lo sbrighino fra “insapute” e convivi Poletti/Buzzi/Casamonica, fra patti piu’ o meno segreti (pensate se la sede del pd non fosse sita in largo del Nazareno ma ancora in via delle Botteghe Oscure, sarebbe il patto dei “bottegai oscuri”) e trattamenti surreali con gli iscritti ai loro partiti (rimane mitica la sostituzione in commissione di Corradino Mineo).

 

Per ultimo, faccio umilmente notare che il premier Renzi, all’inizio del mandato, fra le varie tocco’ un tasto essenziale, la scuola.

“Ogni mercoledi’ saro’ in una scuola italiana” ebbe a tuonare appena nominato.

Qualcuno l’ha visto?.

La memoria e’ un optional.

 

 

 

 

Annunci
  1. Ciao Zaz
    vero ricordo la promessa del mercoledì di Renzi… un po’ sembrava di essere tornati al ventennio… c’è andato per qualche settimana poi basta.
    Come sempre gli italiani hanno la memoria corta…
    cmq in generale quello che sta succedendo è sempre più triste…
    hasta

  2. Caro Zac,
    mi riufiuto ormai di parlare di Renzi. Non mi interessa più sapere dove sia andato o cosa abbia fatto, che l’abbia fatto oppure no. Se riusciremo a far eleggere un Presidente della Repubblica degno di questo nome, il nome non verrà certo da lui e lui sarà di conseguenza ormai seduto su un cornicione. Se questo nome sarà malauguratamente espressione della setta berlusconiana, Renzi verrà a maggior ragione spazzato via.
    A Civati riconosco, da sempre, coerenza politica. Non è un condottiero, ma non ha mai fatto giravolte. Proprio per questo, si accanisce su di lui la cara, vecchia macchina del fango. Come funziona ormai lo sappiamo. Più sei coerente, più cercano di farti apparire incoerente. Ma non funziona.
    Infatti, se ne sono accorti pure i sassi ormai che il PD è stato occupato militarmente da rozzi cialtroni di destra e gli elettori ne tireranno facilmente le conseguenze.
    Tutto questo e’ destinato a passare molto più rapidamente di come e’ arrivato. Resteranno i problemi, problemi grossi, problemi veri, che riguardano il mondo intero. E secondo te c’è ancora qualcuno che ha voglia di parlare di Renzi? Direi proprio di no.
    Buonanotte
    David

  3. Cari,
    io spero che con il nome del prossimo P.d.R. sappiate decodificare tutto quello che è stato nascosto dai patti e dalle intese recenti e farmi conoscere le vostre sensazioni sul futuro di questo nostro incomprensibile Paese.
    Dal vostro robi, grazie per l’attenzione.

  4. Caro Robi,
    chiedi l’impossibile. Conosci qualcuno che sappia cosa contiene il Patto del Nazareno? Conosci qualcuno che sia al corrente dell’identità dei 101 (o della metà, di un quinto, di un quarto, di un terzo di essi) che votarono contro Prodi e costrinsero Napolitano a fare il bis?
    Sono persona mediamente informata, ma non saprei rispondere. Uno solo può rispondere.
    È il segretario di un partito così misterioso che pare una loggia massonica. Rivolgiti a lui.
    Un abbraccio
    David

  5. Caro David,
    io sono come un fiammifero, se una “persona mediamente informata” mi dice la sua, io mi accendo e diventa difficile spegnermi. Dal momento che il segretario del partito misterioso mi girerebbe la frittata a parole, dimmi almeno se la scelta di Mattarella (con apparente strappo con Berlusconi) l’ha fatta per recuperare i consensi clamorosamente persi con la delega per riabilitare il suo compare del Nazareno e sfruttare eventualmente il colpo a sorpresa con elezioni anticipate.
    Altre domande: in quale posto del mondo sei, quando esce il tuo film e mi saluti Penelope Cruz?
    Un abbraccio. robi

  6. Caro Robi,
    Sergio Mattarella è un vecchio democristiano ma è anche, sommariamente, una persona perbene. Un uomo per tutte le stagioni. Perfetto per questa, contrassegnata ormai da tempo da governi abusivi sostenuti da un Parlamento abusivo.
    Sergio Mattarella fa comodo a tutti. Berlusconi fa finta di mandarlo giù, Alfano lo manda giù davvero, Vendola segna un punto a suo favore, il Movimento 5 Stelle va definitivamente in pezzi in ordine sparso. E la barca va. Tanto il Presidente della Repubblica in Italia non conta nulla, e dopo le libertà che si è preso Giorgio Napolitano conterà sempre meno.
    L’importante, caro Robi, è che non si vada a votare. Nessuno vuole perdere il posto. È questo l’unico progetto politico in circolazione.
    Matteo Renzi, il rottamatore (!), questo lo ha capito da un pezzo. Un colpo al cerchio e uno alla botte, si porta appresso questa invereconda Armata Brancaleone minacciando a destra e a manca, leccando il culo a destra e a manca. È il Perfetto Italiano rozzo, opportunista e furbo. Alberto Sordi ne ha raccontati centinaia così.
    Com’e’ noto, la furbizia e’ il contrario dell’intelligenza. Ma in quest’Italia devastata, dove la gente non arriva alla fine del mese, non capisce più niente e invoca la lira anziché pretendere una scuola decente, trasporti decenti, servizi decenti e una politica del lavoro quantomeno dignitosa, la furbizia continua a regnare incontrastata e il furbetto calamita l’attenzione con le sue giravolte.
    Ora il furbetto ha strizzato l’occhio ai dissidenti del PD. Ci sono cascati? No. Semplicemente, molti di loro non aspettavano altro. Non Civati, che ha continuato ad insistere sul nome di Prodi. Perché Prodi? Non perché sia il Salvatore della Patria. Ma soltanto perché sul voltafaccia a Prodi si è consumata la fine ingloriosa di questa Repubblica. Votare Prodi avrebbe avuto un valore simbolico importante. Avrebbe significato cancellare una ferita profonda, avrebbe significato ricominciare daccapo dal punto esatto in cui ogni discorso politico degno di questo nome si era interrotto.
    Ora arriva il Festival di Sanremo.
    Poi i nodi verranno al pettine.
    Buon fine settimana
    David
    PS: sto ancora lavorando. Potrei uscire a maggio o a settembre. Dipenderà da Cannes o da Venezia. Il mio truccatore è il truccatore fisso di Penelope Cruz. Chissà che un giorno non ti recapiti qualcosa di lei.

  7. Caro David,
    veramente grazie per questa tua risposta. Mi sto aggiornando sulla vita politica del nostro nuovo Presidente della Repubblica ed oltre ai capelli bianchi, riscontro di avere in comune la sensazione di nocività che Berlusconi avrebbe portato al Paese fin dalla sua prima apparizione. Lo seguirò con interesse e spero con stima.

    Inutile dirti di come si inserisce dentro di me l’onore automatico di conoscerti quando leggo del tuo film ancora indeciso se approdare a Cannes o a Venezia…
    Per non dire della mia distanza siderale da Penelope Cruz che si azzera tramite il tuo truccatore. Incredibile!
    Grazie per questa dimensione che mi fai vivere.
    Un abbraccio. robi

  8. Caro Robi,
    Mattarella è un costituzionalista di ferro ed e’ persona stimabile. Se vuole continuare ad esserlo dovrá bocciare buona parte delle presunte riforme del bulletto fiorentino che fanno puntualmente a schiaffi con la Costituzione. Non ho motivo di dubitare che lo farà. Anche perché Mattarella non era il candidato di Renzi, né tantomeno del Patto del Nazareno. Renzi lo ha scelto per non perdere il posto. Come Scilipoti, del resto, che lo ha votato pure lui.
    Buonanotte
    David

  9. Domani darò risposte, anche se, come spesso, mi associo al disquisire di David.

    Solo una cosa, questa si’ essenziale:
    Per me va bene anche senza trucco, la Penelope.

    Hasta
    Zac

  10. Caro Zac,
    sono in ripartenza e attendo curioso il tuo prossimo post. Anche perché la situazione ora si ingarbuglia davvero. Se Mattarella è persona coerente, e sempre lo fu, diventerà una spina nel fianco per questo esecutivo. Il margine d’intervento che ha è molto relativo, lui non si presterà a forzature come quelle di Napolitano, che pur di toglierci dalle palle Berlusconi (sempre sia lodato) ha fatto cose che manco Totò Diabolicus. Purtroppo la sua spalla era Monti, che non valeva Peppino De Filippo.
    Mattarella farà essenzialmente il preside, e ritengo che manderà il furbetto spesso dietro la lavagna.
    Gli italiani, che vorrebbero da tempo l’elezione diretta del Presidente della Repubblica (perché noi se non abbiamo un uomo solo al comando non siamo contenti) si incazzeranno ancora di più. Si incazzeranno e si scazzeranno, faranno due fatiche come si dice a Roma. Ma almeno, forse, si comincerà a parlare di diritti e di doveri, e di correttezza dei cittadini e delle istituzioni. Insomma, di democrazia. Parola misteriosa e sconosciuta qui da noi se priva dell’aggettivo “cristiana”.
    Buona domenica
    David

  11. Cari Condomini,
    a meno di 24 ore dall’elezione di Mattarella, è già venuta l’ora dei retroscena. Il nome di Mattarella sarebbe stato fatto direttamente da Giorgio Napolitano, nell’incontro in cui comunicò a Renzi che si sarebbe dimesso il 14 gennaio. La reazione del bulletto, degna di Crozza, fu: “No, non è empatico”.
    Napolitano avrebbe invece insistito, con la testardaggine che tutti conosciamo. Poi, al momento del dunque, quando Renzi continuava a giocare a rubamazzo con Berlusconi, Bersani gli avrebbe detto: “Ora annunci che il candidato è Mattarella, altrimenti il PD non esiste più”.
    Questo e’ quanto si evince dalle cronache di oggi. Con buona pace degli ottusetti tifosetti del bulletto.
    David

  12. Caro David,
    per collezionare qualche nemico di più in rete, fra i sostenitori di Renzi, ho tradotto immediatamente in post-immagine il tuo commento.
    Grazie dell’informazione, Ciao. robi

  13. Caro Robi,
    c’è poco da fare. L’immagine vince sempre sulla parola. Non è sempre un bene, intendiamoci. Ma tu sei proprio bravo.
    Vorrei sapere quando sarà che questo condominio potrà diventare un piccolo giornale. Non ci manca niente. Hai sentito Zac?
    Buona giornata
    David

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: