Il Blog

Era un Gransoporro.

In Politica on maggio 19, 2015 at 10:23 am

A sinistra c’e’ una distesa infinita, uno spazio che si e’ andato popolandosi negli ultimi due anni, non appena i compagni dello stivale intero hanno annusato dove andava a parare l’attuale premier.

Jobs Act: Sacconi esulta

Art 18: Brunetta esulta

La Scuola Buona (su questo dedichero’ un post  a parte) : Alfano esulta

Sblocca Italia: Lupi esulta

Prescrizione accorciata per i reati contro la PA: Paniz esulta.

 

Ora, a fronte di queste immense distese a sinistra, dove dovrebbero confluire tutti coloro che hanno amato il Che e Ingrao, nel post precedente sono comparsi tre commenti interessanti, di Anna, di Carlo e di David, che auspicano, in qualche modo, la diffusione del sistema pentastellato, non del movimento, del sistema.

Mi spiace, mi spiace davvero, ma avete preso un granchio, un GRANSOPORRO.

 

Cominciamo con quello che dicono di aver fatto, solo loro eh.

1) Taglio degli stipendi.

A parte il fatto che se sei uno bravo e capace, e ad esempio sei presidente della commissione RAI (on. Fico), ti do’ una carrettata di soldi, se sei bravo, capace e competente, viceversa anche lo stipendio decurtato e’ un furto in chiesa.

Che poi tu sia anche stato eletto con 150!! preferenze in rete e poi piazzato in lista blindata, allora il furto diventa rapina.

Da 70 anni i deputati del PCI sino a quelli del PD si “tagliano” lo stipendio, lasciandone circa la meta’ al partito.

Ma dove finiscono gli euro di questi novelli gesucristi?

Dicono, da prendere con le pinze, che vanno al fondo per le PMI, Piccole Medie Imprese.

Piccola impresa: dai 50 addetti in su’, dai 10milioni di euro di fatturato in su’.

Media impresa: dai 250 addetti in su’, dai 50milioni di euro di fatturato in su’.

Tutte le altre al di sotto di questi range, che compongono l’80% del tessuto industriale italiano, NON SONO PICCOLE o MEDIE, che cosi’ cominciamo a svelare le bufale, sono artigianali, a loro nulla, ma i grillini non specificano. E ho pure fatto un conto, l’intero ammontare degli emolumenti “tagliati”, sempre a sentire loro, dati alle PMI, non incidono neppure per lo 0,1% sul fatturato delle medesime, meglio se li devolvono alla Caritas, seconda buffonata.

Aggiungo, per la precisione, che le PMI vengono sovvenzionate dal ministero dello sviluppo economico, se ne’ evince che i denari dei grillini vengono amministrati dal ministro Federica Guidi, volenti o nolenti, terza buffonata.

 

2) La rete.

La rete per i grillini e’ come il santo Graal per Hitler o l’Oracolo di Delfi per Agamennone, imprescindibile.

Cosi’ essenziale che a momenti, con poche decine di migliaia di voti on line, rischiavamo la Gabbanelli al Quirinale. E la chiamano democrazia dal basso (anche qui, analfabeti, quando mai si e’ vista una democrazia dall’alto o di lato).

E cosi’ per tutte le altre situazioni, dalle espulsioni ai voti da esprimere in aula (come votate? non sappiamo, dobbiamo attendere il voto in rete, ridicoli), sino a grilloleaks.

Ci sono siti specializzati e legali in tutto il pianeta: io ti pago e tu mi fornisci 10mila, 100mila commenti e/o like che mi stiano bene, inventati, che a sto punto erano meglio i “pianisti” in aula. Non e’ peraltro un mistero che almeno la meta’ dei follower su faccialibro di Renzi siano dei fake.

Un po’ come i future sul petrolio.

E io mi dovrei fidare delle loro “consultazioni”? Io ho un’altra e ben piu’ ampia concezione di democrazia, e per averla ho passato decenni a leggere e studiare.

Solo il Direttivo non e’ stato votato in rete, quello no, quello tira le corde ai pupazzi, quello l’hanno nominato Grillo e Casaleggio.

 

3) Le competenze: immagino non vi siate scordati i loro primi due capigruppo di Camera e Senato, che cambiano ogni bimestre, come le bollette di luce e gas, neanche il tempo di imparare il mestiere, (ah, scordavo, cara Anna, se ne’ espello 60 dall’aula con motivazioni piu’ che condivisibili, cosa c’entra l’assioma con la mancata espulsione di quello che ha dato della prostituta? andava espulso anche lui e punto).

Si chiamano Crimi e Lombardi.

Il primo era un impiegato alle poste, la seconda un’arredatrice.

Il Crimi siede in Commissione Affari Costituzionali, l’organo piu’ importante dell’intero sistema paese per definire le regole civili, dove siede un impiegato postale, un filosofo pareva troppo, cazzo, ce l’avrete un filosofo o un costituzionalista fra le milionate di voti che avete preso, schiaffateci lui, cazzo.

La seconda, la Lombardi, avevo giurato di non scrivere mai piu’ il suo nome, dopo questa:

“Prima di degenerare il fascismo aveva un alto senso dello Stato. Il fascismo aveva una dimensione nazionale di comunità attinta a piene mani dal socialismo, un altissimo senso dello Stato e la tutela della famiglia”.

Sono cosi’, cari Carlo, Anna e David, sono esattamente cosi’, incompetenti con strascichi fascistoidi, ne’ piu’ ne’ meno, da far invidia alla Gelmini.

Anche questi due eletti con qualche centinaio di voti in rete.

Come mettere Stevie Wonder a dirigere il traffico a Manhattan.

 

4) La proposta.

Ormai ogni volta che parla un grillino si ascoltano sempre le stesse parole.

Reddito di cittadinanza.

Bufala clamorosa.

Informo lor lettori che Maroni (quello della lega, si’, proprio lui) dichiara che da giugno in Lombardia il reddito di cittadinanza sara’ garantito ed effettivo. Maroni e’ uno che conosce la legge, e da svariati lustri OGNI governatore di regione ha questa possibilita’ legata al bilancio della sanita’.

Ma la chicca ce la fornisce Di Battista, uno contro, un puro:

“Prenderemo i soldi per il reddito di cittadinanza dalla lotta alla corruzione e dal taglio ai vitalizi.” Risate grasse.

La lotta alla corruzione veniva elevata a dramma nazionale dall’allora ministro Gava…

I vitalizi, grandioso, anche qui, calcolatrice alla mano, se ne’ ricavano qualche decina di euro pro capite se va’ di lusso. Neppure l’abc della matematica.

Non e’ tutto, la proposta depositata dai grillini in commissione cita cosi’: reddito garantito, ma se rifiuti tre lavori perdi il diritto.

All’improvviso, i grillini scoprono almeno 12 milioni di posti di lavoro vacanti in tutto lostivale. Il nano si era fermato a 1. Quarta superbufala.

 

Poi, cosucce che ogni persona di sinistra denigrerebbe all’istante, ma loro, dato che sono infarciti di ex viagrini e diversi fasci, le propongono, tutte per iscritto e depositate, che qui non si scherza:

stop all’immigrazione clandestina, fuori all’istante dall’euro, revisione del trattato di Schengen, chiudere le banche, non pagare equitalia, solo una rete alla Rai.

Zero proposte su temi etici e patrimoniale.

la politica, in tutto il pianeta esclusa la Corea del Nord e l’ex Birmania attuale Myammar, e’ l’arte del compromesso, e io ne’ sono profondamente convinto, viceversa sarei un parlamentare.

Dicono NO da sempre. Dal primo giorno in aula.

L’unico che ha tentato un approccio costruttivo e’ stato Pippo, poi apostrofato con l’epiteto “cane da riporto”, solo per aver osato dialogare.

 

Concludo:

Qualcuno ha controllato come funziona l’inceneritore di Parma?

hanno vinto solo per quello, e gia’ prima il Pizzarotti sapeva che sarebbe REGOLARMENTE entrato in funzione. C’ha provato, che tenero, ma non e’ bastato il taglio del proprio stipendio per le penali che avrebbe dovuto sorbirsi, neppure se fosse stato sindaco per 250 legislature.

cari Anna, Carlo e David, per produrre tante e tali idee senza alcun fondamento tecnico legislativo sono sufficenti 5 bambini di 12 anni durante un festino di compleanno. Oppure Superman.

 

Era un GRANSOPORRO, innocuo se lo sai prendere.

 

P.S. 1

Per come la intendo io, la carriera politica di chiunque, come succede spesso in tutti gli altri mestieri, dovrebbe essere cosi’ temporizzata:

consigliere comunale o sindaco

consigliere provinciale o presidente di provincia

consigliere regionale o governatore

deputato

ministro

primo ministro.

Il salto sesto non lo comprendo, faccio gia fatica con quello triplo nell’atletica.

 

P.S.2

Gradirei, da chi lo sa’, un’altra risposta (che ho gia chiesto sull’inceneritore):

vorrei conoscere almeno una legge, provinciale, regionale o nazionale, proposta, passata e pubblicata sulla gazzetta ufficiale dai pentastellati negli ultimi due anni.

Poi ne’ riparliamo.

 

 

 

 

 

 

Annunci
  1. Caro Zac,
    che dire? Li hai messi in mutande. Ma ci stavano già, da sempre.
    Per quanto mi riguarda, però, con me anche tu hai preso un granchio. Non ho intenzione di iscrivermi al M5S. Penso che finirò per votarli in assenza di alternative. Poi vedremo. Inevitabilmente, M5S scomparirà o diventerà un partito vero, senza né Grillo né Casaleggio.
    Ne riparleremo.
    Buona giornata
    David

  2. ma ce l’hai una risposta per l’ultima domanda sulla legge?

    hasta
    zac

  3. Prima di replicare, ciao Zac e buona serata a tutto il condominio.

    Non mi sono spiegato, credo. La mia non è stata una difesa del M5S e neanche un cambio di opinione sullo stesso, per tanti versi criticabile e da me criticato. La mia è una scelta strategica: oggi non vedo nessun partito e/o uomo politico in grado di mettere in crisi questo sistema… e non fatemi ripetere cosa intendo per “sistema”. Gli unici che potrebbero farlo crollare sono quelli del M5S sia per ciò che si prefiggono politicamente sia per il sostegno che hanno. Tra una rivoluzione improbabile e un voto “finalizzato” a provocare una rivoluzione probabile, scelgo la seconda. Per giunta “democratica” perché espressa con un voto… mica prendo il fucile e alzo barricate! Io scelgo un mezzo, per raggiungere un fine. E raggiungerlo, soprattutto, in tempi brevi perché vorrei tanto veder soddisfatto un mio, legittimo, desiderio. Ed oggi, caro Zac, non c’è nessun politico in grado di soddisfarlo. Nessuno.

    A proposito della domanda posta alla fine del tuo lungo intervento, il P.S. 2, ti fornisco due link. Uno è questo http://www.slideshare.net/cittadinom5scastaldi/attivit-legislativa-gruppo-svolta-7-gennaio-2014 e l’altro è questo http://www.lettera43.it/upload/files/attivitainaula-131214040831-phpapp02.pdf dove troverai proposte di legge e attività del Movimento svolti al Senato ed alla Camera.

    Anticipo la tua replica: tu hai chiesto di conoscere una “legge” dello Stato oppure a livello provinciale, regionale o comunale, proposta dal Movimento mentre quelle dei due elenchi che ti ho fornito, sono “proposte” in discussione in aula o nelle commissioni.

    Limitatamente all’attività parlamentare, direi che puoi accontentarti. Non è vero che il Movimento latita o è carente. Semplicemente, propone e poi… seguono i tempi della discussione parlamentare. Che non sono brevi!

    Tuttavia, mi sapresti dire cosa ha fatto questo Parlamento nel suo complesso, a parte approvare decreti legge e riforme costituzionali a colpi di fiducia o di maggioranze?

    Scommetto, comunque, che se mi metto a cercare con impegno, qualcosa di realizzato te la trovo anche a livello regionale, provinciale e/o comunale.

    Avrei di che obiettare anche sul tuo P.S. 1 e per ovvi motivi. Nulla da obiettare sulla tua “progressione in carriera” ma ti chiedo: la politica dei mestieranti che fino ad oggi ha ammorbato le nostre vite e la nostra vita pubblica, non ha fatto proprio quella “carriera” da te indicata? E quali risultati abbiamo ottenuto da ste cime di laureati in legge, in economia, in scienze politiche nonché mafiosi, farabutti e puttanieri che hanno fatto quella “carriera” ed oggi albergano in Parlamento ed in ogni nostra Istituzione?

    Non capisco neanche quel tuo punto 1) taglio degli stipendi. Francamente non riesco a capire come puoi paragonare i deputati PCI e poi PD che si tagliano lo stipendio per darlo al partito con quelli del Movimento che invece lo hanno destinato alle Pmi. Zac, ma che dici? I primi foraggiano il partito. Punto. I secondi sostengono, seppur in maniera non “perfetta”, le Pmi!!!!! E lo fanno attraverso una banca di cui non mi ricordo il nome e non attraverso la ministra da te citata.

    Ora, tra chi si fotte i soldi delle mie tasse per foraggiare lautamente se stesso ed il partito da cui “dipende” e chi, invece, fa la scelta di destinare parte del suo compenso (sempre pagato con le mie tasse) al sostegno di chi ha bisogno, preferisco la seconda. Anzi, preferirei pagare meno tasse, vedere i nostri Parlamentari ottenere il giusto compenso e le nostre Pmi lavorare tranquillamente.

    E dimmi, Zac, se per te un parlamentare “bravo e capace” ha diritto ad una “carrettata di soldi”, cosa devo pensare di un vigile del fuoco che guadagna 1.400 € netti al mese? Che non è “bravo e capace”?

    2) La rete. Certo, sistema criticabile e perfettibile anche quello. Ma dimmi, Zac: oggi questi “democratici” parlamentari che ci rappresentano, come e quanto considerano la nostra volontà di cittadini di questo fottuto Paese?

    Un’ultima cosa sul “reddito di cittadinanza”, anche se avrei da obiettare su ogni punto di questa tua riflessione. Ci ricordi che “Maroni è uno che conosce la legge, e da svariati lustri OGNI governatore di regione ha questa possibilità legata al bilancio della sanità”.

    Zac, è vero. Peccato che ciò a cui puntano quelli del Movimento (ma anche Sel e altri a “sinistra”) è tutt’altro. Perché vedi, una regione “ricca” come la Lombardia, potrà anche istituirlo un “reddito di cittadinanza”. Magari quest’anno perché ha i soldi. Il prossimo, si vedrà!

    Ma una regione povera o con bilanci dissestati, una qualunque regione del sud Italia, tale “legge” non potrà mai applicarla.

    Invece, il “reddito di cittadinanza” deve essere garantito dallo Stato e non lasciato al “bilancio” della regione. Credo sia cosa differente, non credi?

    Comunque, facciamo così: dammela tu una soluzione da seguire per veder soddisfatto il mio desiderio.

  4. Caro Zac,
    che risposta ti dovrei dare? Sarà come dici, non dubito. Ma ho come la sensazione che tu stia parlando di un paese normale, di un paese che purtroppo non esiste in questo cazzo di paese. Non ti puoi mettere a fare il maestrino parlando del Movimento Cinque Stelle. È troppo facile. È come sparare sulla Croce Rossa. È proprio da juventino, visto che domani siamo avversi.
    Il M5S è stato creato da due pazzi megalomani, tutto a forza di web, e hanno reclutato un esercito di Signor Nessuno che hanno inviato in Parlamento. Questo è quanto, questo è sempre stato fin dall’inizio. Ossequio la tua ricerca e la tua documentazione, ma le tue rivelazioni mi paiono ovvie.
    Ora, però, tutti questi Signor Nessuno almeno non sono degli avanzi di galera come buona parte di quelli che sono arroccati in quell’aula da tempo immemore, e non sono ancora avvezzi al lurido opportunismo che oggi trionfa. Ma soprattutto, sono stati votati da gente spesso onesta e spesso di sinistra.
    Non so dove andrà tutta questa gente, non so se riuscirà mai ad organizzarsi veramente, non so neppure se uscirà dal suo patetico folclore. Ma mi interessa. Per un motivo molto semplice. Perché comunque questa gente che tutti prendono per il culo rappresenta oggi una parte ancora piuttosto sana di questo paese marcio fino al midollo.
    Non so se ti soddisfa, ma questo è quello che penso. E ritengo lo pensi anche il tuo amico Civati.
    Buonanotte
    David

  5. carissimo compagno Carlo. speravo in un commento del genere. ottimo. dammi il tempo materiale e rispondo punto su punto.
    anticipo solo che sedere in parlamento e presiedere una commissione ha la stessa valenza di un ad di una ditta come la pirelli o giu di li’, emolumenti compresi, se sei capace. e’ addirittura lapalissiano che io darei una milionata dieuro al vgile del fuoco, hasta.

  6. Eccoci qua, caro carlo.
    Innanziatutto grazie, le tue domande e le tue perplrssita’ mi danno modo di essere ancora piu’ preciso.
    Premetto che, avendo tu evitato di rispondere sull’inceneritore di parma, sul significato intrinseco di democrazia, sull’essere eletti al parlamento italiano con 150 voti (di norma ce ne’ vogliono 30mila), sulla totale inadeguatezza di personaggi come Dell’Orco (sul quale se ricordi scrissi un post in tempi meno sospetti), e soprattutto sul sistema che regola quell’assurdo “movimento”, ne’ deduco che su questi predescritti tu sia in linea con me.

    veniamo a dove la linea diventa una tangente:

    Come gia ho scritto, ma lo ripeto per sicurezza, un presidente di commissione che sa’ fare il proprio lavoro con cognizione di causa, e si prende la responsabilita’ di decisioni che interagiscono con l’intera o parte della popolazione, DEVE essere ricompensato con un lautissimo stipendio, che Ghandi era di un altro posto.
    Che ne’ so, prendiamo Bernanke, ex capo della federal reserve (l’equivalente del ministro del tesoro qui da noi), e poi prendiamo un vigile del fuoco che salva vite a washington, l’atto prettamente umanistico porterebbe a sostenere che vale di piu’ l’azione del vigile, ma cosi’ non e’, la responsabilita’ di Bernanke, e quindi gli emolumenti che percepisce, e’ enormemente piu’ rilevante.

    Poi, secondo te v’e’ differenza fra un’azienda con 400 dipendenti e un partito con 400 dipendenti? la risposta e’ no, non c’e’, lo stesso diritto che ha un lavoratore della magneti marelli nel ritirare lo stipendio e’ tale e quale a quello che ha un dipendente di un partito politico, non fosse cosi’ saremmo un paese con forze politiche composte come forza italia, paga il padrone e tutti in fila. Ma il punto Carlo non e’ questo, e’ l’assurdita’ di devolvere una briciola a fronte di un campo infinito di frumento, e’ solo propaganda. Tre anni fa’ il nano ando’ a retequattro e si collego’ con quattro famiglie poverissime alle quali promise un obolo di 5mila euro, propaganda uguale uguale.
    Ma non e’ tutto, la menzogna di grillo ha colpito anche te, ma di quale banca vai parlando? ce n’e’ una che riempie la bocca di questi geni, e’ la banca del microcredito, creata da un indiano circa dieci anni fa’ se non erro,ma NON e’ la depositaria degli stipendi tagliati, i quali, te lo ripeto, sono finiti al fondo di garanzia per le PMI, e per la precisione ti comunico che al terzo “restitution day” (maggio 2014) i grillini dichiarano in pompa magna di aver “donato” 5,5 milioni di euro a tale fondo, non a una banca, a quel fondo li’. Il direttore del medesimo ne’ ha ricevuto, tramite bonifico 1.901.307, dopo un anno non si capisce dove siano finiti i 3.600.000 restanti, che la matematica non e’ mai un opinione.E sai dove FISICAMENTE si trova il fondo di garanzia? al MISE (Ministero per lo sviluppo economico, attuale ministro federica Guidi)
    Messa cosi’ sembrerebbe anche passabile, qualcosa avete intascato, qualcosa avete dato, MA NON E’ COSI’.
    Il problema e’ che se non ti ci metti di persona sino a tarda notte, non c’arrivi e credi alle favole:
    I fondi dei grillini non sono attualmente utilizzabili, eh gia’, perche’ non e’ sufficente compiere la buona azione, bisogna anche conoscere le regole che la delimitano, James Caan in rollerblade a un certo punto dice “nessun giocatore puo’ creder di essere superiore al gioco stesso”. Indipercui, nel momento in cui si cambiera’ la regolamentazione che definisce le donazioni al fondo per le pmi, solo allora si potranno erogare, regolamentazione fatta negli anni 90 per evitare conflitti d’interesse. Capisci quanto falsi sono?
    Personalmente ho contatti con decine di aziende che ricadono nelle pmi, NESSUNO, ripeto NESSUNO, nell’ultimo triennio si e’ visto “donare” alcunche’, e vorrei vedere, i soldi stanno la’, fermi. Mistero sui tre milioni.

    Apro una piccola parentesi, cosi’ ci comprendiamo meglio, io non sostengo la tesi che siccome la gelmini da sindaco sfiduciato di desenzano del garda sia stata capultata a ministro per l’istruzione possa in alcun modo essere definito un precedente da emulare, io pretendo un percorso politico bene articolato prima di ricoprire ruoli apicali, non e’ cosi’? non importa, la mia idea non si sposta di una virgola. In egual misura il concetto di democrazia prevede una partecipazione che non si limita a un like su faccialibro e tanti saluti al parroco, chiusa parentesi.

    La rete: La rete. “Certo, sistema criticabile e perfettibile anche quello. Ma dimmi, Zac: oggi questi “democratici” parlamentari che ci rappresentano, come e quanto considerano la nostra volontà di cittadini di questo fottuto Paese?” ecco, due problemi in una question: scrivi che e’ criticabile e perfettibile, ed e’ il sistema con il quale abbiamo quasi 200 deputati in aula!!!!!!!!!!!!!!! ma lo sai che un ragazzino qui da me, quindici anni, e’ riuscito a crackare il sistema di voto di un importante istituto scolastico della zona? e sai cos’e’ successo poi? le multinazionali hanno fatto a gara per assumerlo. Non e’ criticabile e perfettibile, e’ l’unico sistema dove puoi barare, altro che voto di scambio. E sul come e quando considerino la nostra volonta’ di cittadini, ebbene, io ho come referente Pippo Civati e sono soddisfattissimo delle sue azioni e risposte, vedi? io uno ce l’ho.

    Il reddito di cittadinanza o come lo si voglia chiamare: guarda carlo, qui caschi male, non conosci i conti delle regioni.
    Voglio andare controcorrente anche alla mia fede per dimostrarti l’assurdita’ dei tanto decantati conti regionali: maroni lo fa’ ma zaia no. La sanita’ in veneto ha un bilancio molto migliore di quello lombardo, e dato che il fatturato di una regione e’ composto per l’80% dalle spese della sanita’ il resto sono pagliuzze.
    Vendola non lo fa’, gli manche ranno i soldi? pero’ per dare una vagonata di milioni all’ospedale san raffaele dello schiattato verze’, quello si’, per quello c’erano.
    Crocetta non lo fa’, casse vuote? eh gia’, una siringa a palermo costa sei volte di piu’ che la STESSA siringa venduta in Friuli.

    Non e’ una questione di regioni piu’ povere o piu’ ricche, e’ una questione di chi amministra i soldi di quel comparto, e non ti preoccupare, non v’e’ regione in Italia a rischio bancarotta, dato che ai primi sentori da Roma finanziano anche l’incredibile.

    La soluzione, caro Carlo, e’ nelle prime dieci righe di questo post. dopo aver assistito al comportamento del primo governo di destra eletto con i voti della sinistra (caso unico al mondo), le praterie a sinistra si sono dipanate, c’e’ un sacco di spazio, Bisogna continuare da li’, da chi ancora crede in qualche ideale (si’, sono affezionato agli ideali, lo saro’ per sempre, a prescindere).

    Have a nice day, Compagno Carlo.

  7. Ciao Zac. Proviamo a capirci sulle questioni dove mi pare evidente che divergiamo e, probabilmente, continueremo a divergere! Premessa: leggendoti, credo di poter condividere quanto espresso da David, quando dice che ha “…come la sensazione che tu stia parlando di un paese normale, di un paese che purtroppo non esiste in questo cazzo di paese…”

    Mi ricordi che “…Ghandi era di un altro posto..” e, quindi, la professionalità e le responsabilità devono essere riconosciute anche economicamente. Guarda che non sono affatto contrario a questo principio, come non sono affatto contrario alla “ricchezza economica” individuale, intesa come fonte da cui l’essere umano trae benessere.

    Però, scusa, perché non contestualizziamo? Siamo o non siamo in crisi? E se lo siamo, coloro che oggi detengono ricchezza da cui trarre benessere, perché non cedono un po della prima per consentire di aumentare il secondo a chi, oggi, sopravvive? Quando mettiamo un freno, comunque e in ogni condizione economica, a stipendi che superano di 1000, 1500 volte quello di un operaio? E se non vogliamo farlo nel “privato”, quando mettiamo mano al “pubblico” visto che abbiamo capi di polizia che guadagnano più di un Presidente degli Stati Uniti d’America?

    Vogliamo discutere degli stipendi, dei benefit, degli extra e di tutte le agevolazioni di cui hanno goduto e godono i nostri parlamentari? E lasciando perdere il passato, contestualizziamo. Siamo o non siamo in crisi nera? E sti cazzo di parlamentari e di partiti, quando rinunciano ad una fetta della succulenta torta che si mangiano, per consentire al “popolo” che rappresentano di vivere e non sopravvivere?

    Però mi definisci “assurda” la decisione dei parlamentari del M5S di rinunciare ad una parte degli emolumenti, perché sono “una briciola a fronte di un campo infinito di frumento”. Bravo! Il problema è che il resto del “campo di frumento” se lo spartiscono tutto i restanti parlamentari che bivaccano in Parlamento i quali, infatti, non rinunciano a nessuno dei loro privilegi.

    E poi, scusa: se quelli del M5S cedono quella “briciola” ed il fondo per le Pmi passa da 100 a 110 (numeri a caso) e, grazie a questo, invece di 10 aziende ne usufruiscono 11, ma non è già un piccolo vantaggio economico per tutto il Paese?

    Guarda che a me risulta che ci siano aziende a cui è già stato erogato sto fondo. Panorama, alla fine dello scorso anno, ne fece anche un articolo polemico (guarda caso, il mensile del pregiudicato!) perché, pare, ne abbiano usufruito anche aziende collegate al gruppo Casaleggio. Infatti, quelli del M5S annunciarono querele.

    Apro una piccola polemica anche sui “partiti”, i cui dipendenti mi metti a confronto con quelli di una qualsiasi azienda. Dai, Zac! Ma che vuol dire? E’ ovvio che sono tutti dipendenti e tutti devono ricevere il loro stipendio! Figurati che io sono, e sono sempre stato, contrario all’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti!

    Ma c’è un limite a tutto! Io non sto discutendo di “stipendi” ma di quanto si strafogano i partiti e tutto ciò che gira intorno a loro e se il M5S non si fotte tutto, è già un inzio di rivoluzione! Piccolo, insignificante e discutibile che sia.

    Mi metti in discussione la rete e va bene! Mi contesti i bilanci delle regioni e va ancora bene! E’ chiaro che è tutto discutibile e perfettibile. Ma il principio, perché lo vuoi per forza vedere sbagliato?

    Senti, adesso ti dico come risolverei io i problemi di questo fottuto Paese (che poi, è la cartina al tornasole della mia esasperazione e, quindi, di come sto considerando le cose).

    Intanto toglierei il diritto di voto al 70% degli italiani aventi diritto allo stesso. Poi obbligherei l’80% di coloro che risiedono in questo Paese (immigrati compresi, loro per primi) a frequentare un corso quinquennale di educazione civica, esame annuale e se sei idoneo, passi al livello successivo. Alla fine, se superi i 5 esami, ti restituisco il diritto a votare. Altrimenti, continui finché non ti “rieduco”! Che, poi, non è tanto il diritto al voto il vero problema ma il fatto che questo è un Paese rappresentato degnamente da una classe politica in tutto e per tutto uguale a quel 70 80% di individui che obbligherei a studiare la nostra rimpianta “educazione civica”. Non so se affidarsi a Civati, equivalga ad affrontare un problema come questo perché, e qua mi ricollego a quanto ricordato da David, “questo cazzo di paese” è da rifondare.

    Campi di rieducazione istituirei, figurati se posso sopportare l’idea di aspettare Pippo… poi proprio oggi che ne compio 57!!!

    Ciao compagno Zac!!! (è sempre un piacere!!)

  8. se vuoi svuotare il mare con un secchiello, carissimo Carlo, fai la stessa cosa che fanno i grillini con le pmi, la relazione fra atto compiuto ed effetti del medesimo o e’ sensibile (0,1%), oppure fai esattamente quello che ti ho raccontato aver fatto il nano a retequattro: 4 famiglie hanno ricevuto 5mila euro a famiglia.

    devo essere conciso che sono di corsa, ma sappi che le ultime dieci e piu righedel commento MI HANNO STESO!
    E’ da sempre che sostengo la stessa cosa!!

    a domani
    hasta
    zac

    ah, e l’inceneritore?

  9. Affascinato, ma stordito dai vostri commenti mi viene da scrivere una sola cosa:

    BUON COMPLEANNO CARLO !!!

    e ciao a tutti i cari Condomini. robi

  10. Per quanto mi riguarda, la mia opinione dell’homo quinque astri è la stessa di 5 anni fa, che ho espresso in un post e di cui Zac mi ha onorato con un reblog : https://zacforever.wordpress.com/2013/06/28/appunti-preliminari-per-unantropologia-del-grillominkismo-feat-barabba/

  11. Anche se in ritardo, TANTI AUGURI caro Carlo!
    non saprei cosa regalarti perché non ho idea di come si appiccichino immagini in bacheca.
    Il regalo comunque me lo hai fatto tu quando hai detto che eri a favore del finanziamento pubblico ai partiti, che purtroppo è stato abolito in uno dei tanti, beceri, sussulti populisti di questi anni.
    Il finanziamento ai partiti era necessario e sacrosanto e rendeva possibile monitorare l’uso dei soldi senza dover ricorrere alla caccia alle streghe. Se poi nessuno ha voluto controllare, la colpa è di chi non ha controllato. Ma in assenza del finanziamento ai partiti la corruzione è inevitabilmente diventata sempre più vasta e sempre più individuale.
    Ancora auguri!
    David

  12. Intanto, Zac, fammi ringraziare il nostro “affascinato e stordito” Robi, per gli auguri tutti in maiuscoletto! Robi, 57 rintocchi di campana e questo nostro Zac… non vuole farmi fare una rivoluzione!

    Allora, Zac, questione inceneritore di Parma. Io sono convinto nella buona fede di Pizzarotti e nella sua ferma intenzione di non far funzionare quell’inceneritore, intorno al quale s’era mossa una gran quantità d’opinione pubblica ben prima che arrivasse il M5S a farne oggetto di campagna elettorale.

    Comunque, per questo caso specifico, non sono convinto che questo tuo “metro” di giudizio sull’operato di un partito e/o movimento sia giusto.

    Non può esserlo perché, allora, usando il tuo stesso metro dovrei chiederti: come la mettiamo con Tsipras e le promesse fatte ai greci in campagna elettorale? Vogliamo credere che, lo stesso, sapesse già che le politiche imposte dalla Troika sarebbero state “REGOLARMENTE” confermate? Vogliamo accusarlo d’averci “provato, che tenero”?

    Oppure vogliamo credere nelle sue/loro buone intenzioni, vogliamo pensare che credeva/no in ciò che stavano promettendo, che avesse/ro una strategia politica da spendere… e che si è/sono trovato/i contro il mondo intero, compresi quei governi che avrebbe/ro dovuto sostenerlo/li?

    Tsipras s’è vista voltare le spalle da quei ridicoli governanti di Italia, Spagna e Francia. S’è trovata contro la solita Germania, i freddi nordici, la Commissione europea e pure il FMI.

    Pizzarotti, dopo aver perso ogni ricorso possibile, ha cercato di rendere inutile quell’impianto, intensificando la raccolta differenziata dei rifiuti urbani ed ottenendo percentuali di riciclo uniche in Italia. A luglio di quest’anno partirà anche la tariffazione puntuale, ossia ogni cittadino pagherà solo per i rifiuti indifferenziati effettivamente prodotti e conferiti a discarica. E sai che hanno ottenuto i 46 Comuni che dipendono dall’inceneritore, molti dei quali hanno raggiungono il 70% di raccolta differenziata?

    Hanno ottenuto che nell’ultimo decreto “sblocca Italia” vi hanno infilato un articoletto sulla circolazione dei rifiuti. Cioè, se un inceneritore lavora poco, può acquistare rifiuti provenienti da altre città, province, regioni!

    Se per te questo significa che Pizzarotti ha fallito, va beh, allora è tutto inutile, armiamoci e il più forte comanda!

    p.s.:1 (rido!!) … e come la mettiamo con Pippo che c’è voluto un anno per capire ciò che noi denunciavamo e scrivevamo in questo blog già due mesi dopo che il nostro renzino governava?

    Buon pomeriggio, condominio!

  13. Caro Zac,
    concedimi una breve parentesi calcistica. La Juventus è venuta a Roma a prendersi anche la Coppa Italia e vi faccio tanto di cappello per una stagione straordinaria. La Lazio ha saputo tenerle testa ed è stata anche un pizzico sfortunata perché è una squadra giovane e le ingenuità sono sempre in agguato.
    Ora ci attende la partita oggettivamente più importante dell’anno contro la Roma. Credo di non offendere i romanisti se dico che quest’anno la Lazio è una delle squadre più belle da vedere e la Roma una delle più brutte. Detto questo, i giocatori di entrambe le squadre sono molto stanchi e sono sottoposti a una pressione bestiale. Nessuno può sapere come andrà a finire. Ma se lunedì a Roma ci scapperà il morto, giuro che non vedrò mai più una partita del campionato italiano di calcio.
    Vinca il migliore è l’unica cosa che sento di dire perché continuo a credere, a dispetto di ciò che purtroppo accade nel calcio, di essere ancora sinceramente appassionato di uno sport.
    David

  14. Ache se in ritardo accettali CARLO ;_))

    AUGURI COMPAGNO.

    Sul resto…faccio il paio con David ad accezione del prossimo voto, della serie, ne ho le pelotas sature di mezzecalzette spaiate e con la sindrome della diarrea verbale ad ogni costo.

    Hasta Condomini.

  15. Grazie David e grazie Tina, un sentito ringraziamento a voi.

    David, credevo non fosse un mistero la mia avversione all’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e per le stesse ragioni che tu hai espresso.

    Purtroppo, tu una verità l’hai già detta: parliamo di un cazzo di paese che non c’è! Ossia, di un popolo profondamente ignorante, nel senso che ignora quali possano essere le conseguenze di certe decisioni, prese da chi cavalca l’onda populista sempre più dilagante.

    Stanno facendo la stessa cosa con lo Stato che, attraverso le sue Istituzioni ed i suoi Organi, non funziona. Il popolino invece di chiedere che venga migliorato, applaude a coloro che lo stanno demolendo. Privatizzazioni, esternalizzazioni e minchiate del genere che il popolino si beve come “riforma della pubblica amministrazione”.

    Quando, però, si accorgeranno che coloro che possono permettersi di “pagare” avranno “i servizi” mentre gli altri si dovranno arrangiare allora, forse, si renderanno conto dell’errore che hanno fatto. Sarà troppo tardi e si fotteranno!

    Basta guardare a cosa hanno fatto con le ex Ferrovie dello Stato o le ex Poste italiane, i due esempi più evidenti ed emblematici di cosa significhi, poi, privatizzare un servizio pubblico.

    Buon fine settimana a tutti. Ciao.

  16. Ecco, ultimo degli ultimi, AUGURIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    tuo
    Zac

  17. Caro David, un morto? eh no, uno per parte, totale due, che se no dove la mettiamo la par condicio?

  18. Maestro Barabba, mitico!

    Hasta
    Zac

  19. Ma ci si può accoltellare per una partita di pallone e…. non muovere un dito per cambiare le sorti di questo Paese?

    Ciao Zac e buona serata a tutto il condominio.

  20. ciao amici!!
    Zac : ho dovuto cercare che ciazetadueo fosse questo gransoporro… con una o due r … poi ho capito. Sveglia eh?!!
    La discussione è vivace e, per quanto riguarda “il granchio” non ne sono convinta. Sono andata sul sito http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/ ed ho fatto un giro tra “informati” e “Trasparenza” e, nel mio piccolo, mi son sembrati meglio di tanti altri e pieni d’entusiasmo. Di disegni di legge ne hanno presentati una caterva, ma la maggior parte son fermi… Il microcredito mi sembra ben strutturato, ma nel campo del danaro sono una frana.. io so solo pagare e pagare… Comunque sono inviperita con tutto l’apparato che continua a pararsi il cu… dicendo che fanno i nostri interessi… m’annassero a morì ammazzati!!
    Sono d’accordo con Carlo per l’accoltellamento… da persona per la quale il calcio è solo un elemento chimico del gruppo del bario e dello stronzio, non lo capisco proprio!
    Sono le 00.33 quindi buona notte a tutti…
    Anna

  21. Caro Carlo,
    purtroppo è così. Siamo un avamposto di decerebrati di caratura mondiale. Sono persino arrivati 100 nazisti polacchi gemellati con i tifosi della Lazio per partecipare alla festa dei lunghi coltelli. E abbiamo un allenatore francese, già pesantemente sanzionato in patria, che fa proclami tipo “Secondo posto o morte!”. E’ lecito chiedersi cosa darebbe per arrivare primo…
    Nessuno ci prende sul serio ma siamo la patria di tutti i fascismi.
    Buonanotte
    David

  22. Cara Anna, ma sai che quasi quasi propongo un ddl per far diventare tutte le gocce d’acqua che scendono quando piove in piccole pepite d’oro. Ripeto: il microcredito e’ “ben strutturato” dal ministero per le attivita’ produttive.

    Caro Carlo, torno solo per un secondo su Tsipras: ti chiedi se fosse a conoscenza dei “comportamenti” dell’Europa successivi alla sua elezione? CARLOOOO!!!! e’ ovvio che li conosceva!!!! ma cosa credi? che un primo ministro venga eletto e poi gli fanno vedere le domande di un quiz? Tsipras ha attuato, ne’ piu’ ne’ meno, un gioco al rialzo, sparandole grossissime prima e mandando avanti il Varoufakis poi.
    Ti comunico che IERI il parlamento greco ha bocciato, dopo voto in gruppo parlamentare syriza 95 contro 75, ben due proposte cardini del programma politico di Alexis:

    1) Richiesta: non pagare i debiti al FMI: bocciata (da Syriza eh, mica dai Papadopolus)
    2) Richiesta: nazionalizzare le banche: bocciata (idem come sopra)

    Ora, che se no parliamo del sesso degli angeli, torniamo indietro di qualche mese, come vinse Alexis?
    Con le due proposte ivi riportate, e bocciate ieri.

    CI HA TENTATO?

    Carissimi tutti, il calcio in italia e’ cosi’ da una vita, io ho pensato molto a come farlo divenire uno sport decente, dato che lo amo alla follia, e l’unico sistema che continuo a sostenere e’ quello inglese:

    a)le curve diventano tutte “posti a sedere numerati”
    b) i biglietti lievitano del doppio
    c) possibile l’arresto preventivo
    d) nessuno fuma in tribuna

    E difatti, gli inglesi vengono in Italia a far casini.

    Il punto B e’ necessario: non si e’ mai visto un evento sportivo senza incidenti (tutti gli sport statunitensi ne’ sono la prova evidente, ma anche il rugby e altri) dove il biglietto piu’ economico costi meno di 50 euro. Poi uno si regola se andare all’evento, oppure, come io ho sempre fatto, ascoltare Tutto il calcio minuto per minuto alla radio.

    Hasta a tutti
    zac

  23. ciao a tutto il condominio…
    nel frattempo noi in Liguria ci dobbiamo beccare Toti, mentre dalle altri parti non si riesce a costruire un’alternativa per riportare la gente a votare…. perché il problema più grosso è che in questo paese non vota più nessuno
    hasta zac

  24. Caro Zac, come insegnavano già Democrito ed Aristotele, “natura abhorret a vacuo”: la natura rifiuta il vuoto.
    Ora, non c’è dubbio che come sinistra, siamo scomparsi (almeno dal parlamento).
    Allora il vuoto, da qualcosa dovrà pur essere riempito… I 5 stelle svolgono appunto questa funzione, sia pure con limiti culturali e politici evidenti e spesso, anche sconcertanti (le espulsioni, la Lombardi sul fascismo, il mito della rete ecc. ecc.).
    Ma secondo me se vogliamo ricostruire una sinistra non sottomessa ai “mercati” e ad un “nuovo” che puzza di vecchio (distruzione dello Statuto dei lavoratori, della Costituzione, abbondante uso del manganello…), allora dobbiamo riprendere a dialogare tra noi.
    Ancor prima che fondare l’ennesimo partitino, dobbiamo capire: chi siamo; che cosa vogliamo fare; come farlo.
    Con un solo a priori: il superamento del capitalismo, un sistema cioè che rende l’uomo nemico degli altri uomini e perfino di sé stesso, in nome del profitto (di pochi parassiti). La barbara distruzione di ricchezza, diritti e cultura che stiamo subendo, è colpa del capitalismo… che ora, come osservava ironicamente Galeano, è chiamato: “Con un nome quasi poetico cioè economia di mercato.”
    Se noi sapremo e vorremo riflettere sulla nostra storia e sul nostro futuro, potremo agire anche sul presente.
    Allora non sarebbe male riprendere a leggere o rileggere i classici del marxismo e tanti altri AA., anche non marxisti, ma purché abbiano un’impronta sociale e culturale alta… per discuterne tra noi, ma senza fare i maestrini o le maestrine.
    Lo so: avevo già detto queste cose in un vecchio commento ma… repetita iuvant.
    Chiedo scusa per la fluvialità del commento e spero di non essere andato fuori tema.
    Ciao a te ed a tutti, ciao a tutte
    Riccardo

    P.s.: una sinistra di nuovo autocritica ma fiera e combattiva saprà anche attrarre chi, per un senso (spesso comprensibile) di vuoto si è affidato ad altre formazioni politiche.

  25. @ Anna: ho cercato di inviare un commento su un pezzo molto interessante che hai scritto (in cui citi Calamandrei), ma compare qualcosa su bevande e cucina; come devo fare?

  26. Caro Riccardo, mi sono stampato il commento, l’ho rimpicciolito, quasi una miniatura, finira’ in posizione centrale in una tela che ho in programma di dipingere quest’estate.

    Grazie infinite.

    Hasta
    Zac

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: