Il Blog

Archive for febbraio 2016|Monthly archive page

Si irrita pure un bradipo.

In Politica on febbraio 17, 2016 at 8:39 am

Ne’ scrive anche il Compagno Ernest, in modo piu’ gentile, leggetelo http://idiaridelloscooter.blogspot.it/2016/02/all-inclusive-compreso-il-braccio-teso.html

 

In primis correggo la cifra, non sono 2 milioni ma 4,5.

 

L’artefatto: Costruzione di un museo fascista a Predappio, presso la casa del fascio.

AVETE LETTO BENE.

Da subito avviso chiunque possa pensare, come gia si sono affrettati a spiegare i vertici del pd, che sia una sorta di museo “contro”, che se la pensi cosi’ o non hai capito una sega dei fascisti, oppure sei un fascista, allora hai sbagliato posto, devi andare su pontifex o casapound, non qui.

Un museo “contro” i fasci a Predappio, 150mila neonazi all’anno in pellegrinaggio, il sindaco PD (!?!?!?!?) che parla di “centro di documentazione”, provasse a farlo a San Sabba o a Fossoli.

Come mettere un palazzo “contro” la Ferrari a Maranello, tale e quale.

 

La cosa straordinaria e’ che per aprire questa nefandezza il governo italiano, per mezzo del sottosegretario Lotti, oltre ad aver gia operato il sopralluogo, promette 4,5 milioni di euro, apertura prevista 2019.

 

Ora, che era un po’ che non mi giravano cosi’ forte, passi tutto, ma che un rappresentante di un governo di centrocentrocentrounpelinoasinistra vada di persona a constatare la fattibilita’ del progetto fa’ solo vomitare; che poi’ riesca pure ad elargire i denari, ecco, questo diventa a mio parere un reato.

 

Li avranno appartati prelevandoli dai fondi per il Teatro Sociale di Ernest, 20mila euro.

Per arrivare alla somma richiesta dovranno tagliare i finanziamenti ad almeno 225 realta’ come quella del Compagno.

 

Nel mentre, l’onestissima Lombardia si scopre tangentata nella sanita’, ma che novita’, si son gia’ scordati del Verze’, del casto Formigoni, del San Raffaele, del 90% dei contratti stipulati negli ultimi 25 anni assegnati ad aziende iscritte alla Compagnia delle Opere (il braccio armato di comunione e liberazione), ma se parli con un milanese ti dira’ che a Milano una siringa la paghi un terzo rispetto a Palermo, quindi c’e’ spazio per le tangenti.

 

Due argomenti da irritare anche un bradipo:

La celebrazione dei fasci.

Il lucrare sugli ammalati.

 

Per cortesia

 

ARRIDATECE ANDREOTTI.

 

Annunci

Londra, le cicogne e il Compagno Carlo

In Politica on febbraio 10, 2016 at 7:59 am

Da qualche giorno ho due pensieri che mi martellano.

 

A Londra non c’e’ piu’ la nebbia.

Le cicogne non migrano piu’ perche’ hanno trovato il loro habitat nelle discariche.

 

Siamo riusciti anche in questo.

 

Riusciamo bene quando si tratta di modificare ecosistemi, ma l’eccellenza la raggiungiamo quando riusciamo a modificare la stessa societa’ umana.

 

E allora?

 

Allora ho trovato da Carlo questo sensazionale pampleth di poche righe, al che’ tutto mi si e’ ricollegato, grazie Compagno:

 

RACCONTO BREVE

 

Furono necessari alcuni decenni.
Sapevano bene che il male più grande era la cultura.
Cultura significava conoscenza.
La conoscenza portava alla consapevolezza.
Chi era consapevole lottava per difendere la dignità, per degli ideali e, soprattutto, per il futuro.
Fu il primo ostacolo da superare ma l’ignoranza strutturale e congenita facilitò il compito e la beata ignoranza si propagò rapidamente.
Un apporto notevole al raggiungimento dell’obiettivo fu dato dall’uso sapiente di alcuni strumenti tecnologici in continuo mutamento e ampiamente diffusi, in grado di distogliere l’attenzione dal fare ragionamenti più profondi.
Poi si passò ad una seconda fase: trasferire la ricchezza che in passato era stata distribuita in basso, dal basso verso l’alto. In poco tempo divorarono tutto. In seguito si continuò a produrre ricchezza ma la stessa non venne più redistribuita equamente.
Per concludere l’opera fu distrutto il tessuto sociale, quello che ancora garantiva una parvenza di unità. Dallo stesso furono banditi lealtà, onestà e giustizia mentre si favorì la guerra tra poveri.
Una guerra alimentata ad arte, per non far capire che se non ci fossero privilegi osceni per alcuni, non ci sarebbero ingiustizie atroci per tanti altri.
Qualcuno, rari testimoni del passato, provarono a resistere per anni, prima opponendosi e poi vivendo in assoluta clandestinità. Furono eliminati oppure madre natura fece il suo corso. Anche la memoria scomparve per sempre.
Furono necessari alcuni decenni ma alla fine il popolo fu reso mansueto.
“Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la bocca. Come l’agnello condotto al mattatoio, come la pecora muta davanti a chi la tosa, egli non aprì la bocca”. Isaia 53:7

Di neocon, invasati, criminali, merde, o come cazzo vogliate chiamarli.

In Politica on febbraio 4, 2016 at 8:53 am

Sono quelli la’.

Di recente si sono ingroppati al Circo Massimo, un’orda di fanatici pseudodipendenti dalle sacre scritture, dai gratta e vinci e dalle megere che danno i numeri al lotto, dal terrore per chi, assai fortunatamente, non somiglia a loro.

Sono quelli la’.

Gentaglia che manda i propri figli a catechismo, salvo poi trovarli nei lapdance; bastardi che entrano in chiesa la domenica a testa alta, salvo poi pagare in nero qualsiasi cosa possibile, a partire dal lavoro.

Trogloditi del terzo millennio convinti dalle pluriapparizioni madonnare, strafogati di pregiudizi, assolutamente convinti che fra le piaghe dell’umanita’ ci siano i rom, i gay e le varie malattie che purtroppo non li hanno estinti (mucca pazza, aviaria, colera, ebola e, per ultima, sika).

E questo riguarda gli anonimi, i pubblici e’ anche peggio.

Presenti fra Quelli La’, facevano bella presenza i vari Gasparri, Santanche’, Brunetta, Tosi, Meloni e fascistame al seguito. Il 90% di lor signori sono fedifraghi, pre e pluri giudicati, amanti dei festini, particolarmente adatti allo sniffaggio (quando a questi parli di erba, apriti cielo, se dici cocaina, allora serve per la concentrazione), sposati almeno tre volte, mentitori per mestiere e, tutti loro, ma proprio tutti, votanti della mozione che all’epoca, in aula, sanci’ per legge che Ruby era la nipote di Mubarak.

 

Ora, non che mi interessi molto una questione che riguarda il 5% della popolazione, ma il fastidio che mi provoca l’ignoranza e’ notevole.

Il presidente dei pediatri italiani dice che in una famiglia con due padri o due madri, il bambino potrebbe subire dei traumi, come quando si trova in una famiglia “conflittuale” (dove l’uomo mena la donna, per intenderci), senza esibire uno straccio di studio, menchemeno una prova, quando si contano in centinaia gli studi positivi a tal proposito. Postatemi un caso di un bambino che e’ vissuto meglio in una famiglia etero dove ci si picchia rispetto a una famiglia omosex dove i casi di “conflitto” sono relegati a percentuali risibili.

Quattro bambini su cinque che sono stati violentati, hanno subito il danno all’interno delle mura familiari (famiglie etero, e ti pareva), il quinto se lo fotte il parroco.

 

Il tutto, sempre, corroborato da quest’alone religioso che non e’ piu’ sopportabile (lo scrivo fra parentesi appositamente: Bergoglio ha sbagliato mestiere).

 

Un po’ di storia ultrarecente:

 

2006, Roma, il cardinale Trujillo, presidente del Pontificio consiglio per la famiglia dichiara: “Tutti i preservativi vengono costruiti con dei microfori dai quali passa il virus dell’Aids”. Conoscete una dichiarazione piu’ nefasta utilizzando cosi’ pochi vocaboli? forse “arbeit macht frei”. Fatto sta che dopo questa nefandezza, intere comunita’ religiose hanno preso alla lettera la cosa e proibito drasticamente l’utilizzo, arrivando alla “fatwa” del vescovo di Rio de Janeiro, Cienfuentes:

“La chiesa e’ contro l’uso del preservativo. I rapporti sessuali tra uomo e donna DEVONO essere naturali. Io non ho mai visto un cane utilizzare un preservativo con un altro cane”.

 

E gia’, sti cristiani.

E i musulmani?

Eccoci qua.

2003, Filippine, l’OMS sta praticando la vaccinazione antipolio nei tre posti dove ancora ci sono focolai, gli altri due sono la Nigeria e il Sudan, la poliomelite sta per essere defenestrata dal pianeta.

E’ facile, sette gocce per  via orale, e richiamo tre giorni dopo con altre sette gocce.

Il primo step viene effettuato, l’OMS riesce a vaccinare il 95% della popolazione a rischio, i medici tornano per il richiamo e la percentuale si riduce al 15%.

????????????????????????????????????????????

Incredibile: la guida spirituale delle Filippine, in combutta con quella Nigeriana, emette un diktat:

“il vaccino per la poliomelite altro non e’ che un veleno inventato dall’occidente infedele per renderci tutti sterili e per evitare che incontriamo le vergini che ci aspettano in paradiso” Ah, nota a margine, le vergini in paradiso sono esclusivita’ dei kamikaze, i quali, anche se in pochi lo dicono e poi vai sapere se e’ vero, nel momento in cui si fanno saltare sono vergini.

Risultato: la polio non viene debellata, passano dieci anni e l’OMS nel 2014 ci fa’ sapere che, per colpa della religione, i focolai sono diventati piu’ di dieci, molti paesi arabi sono tuttora infestati, dato che all’epoca i nigeriani e i filippini non solo non si fecero vaccinare, ma continuarono ad andare in pellegrinaggio a La Mecca, il virus s’e’ divertito un sacco.

 

In Iran, il recente civilissimo Iran, non cura i malati di AIDS, anzi, a chi si presenta all’ospedale viene anche affibbiata una sanzione.

Il loro capo spirituale si esprime cosi’: “Il problema nel mio paese non e’ rilevante, dati i superiori valori sociali islamici”.

Che tradotto significa: noi non commettiamo adulterio.

Peccato che nella sola Teheran, in un anno, si contino in piu’ di diecimila i matrimoni contratti con le prostitute, matrimoni di mezz’ora, un colpo e via, verso l’agenzia che ha appena redatto l’atto matrimoniale e accanto quello del divorzio, a un costo accessibile a tutti, si va’ a troie sposate, con tanto di attestato, e la religione e’ salva.

 

Per cio’ che mi concerne, racconto di una spiacevole situazione capitatami quando avevo 25 anni. Mi si rompe il preservativo, corro al pronto soccorso di notte, trovo il medico che comincia a farmi la paternale. Avevo chiesto la pillola del giorno dopo e avevo beccato l’o

biettore. Niente da fare, comincio a incazzarmi, alzo il tono di voce, minaccio di chiamare i carabinieri, so’ di essere dalla parte della ragione, niente, come parlare a uno stambecco. A un certo punto urlo a dieci centimetri dal muso di quell’ominide che se nell’arco di tre secondi non mi fosse stato consegnato il dovuto sarei corso a denunciarlo per aver consegnato la pillola sottobanco al tale, al talaltro, persone note e credentissime, senza tanti problemi.

Ovviamente, me ne’ e’ stata consegnata una dozzina all’istante.

 

L’altro ieri ho avuto la sfortuna di imbattermi, cosi’ torno all’inizio, in un neocon di quelli che te li raccomando, il quale (che oggi il problema assoluto per loro sono i gay e null’altro, fino a che non parleremo di eutanasia) comicia la filippica.

Lo ascolto e non argomento, lo lascio finire, poi piazzo l’uppercut, alla Cassius Clay, schivarne molti e assestare un unico colpo, decisivo.

“Ehm, scusami, avrei una domanda: Devi decidere e hai solo due opzioni

  1. tua figlia si innamora della sua compagna di classe, italiana, con un buon patrimonio alle spalle, madre catechista e padre imprenditore.
  2. tua figlia si innamora del suo compagno di classe, zingaro rumeno, padre in galera, madre che fa’ le pulizie.

Cosa preferisci?”

 

Risposta: ma e’ ovvio, tutta la vita la compagna lesbicona!!!

 

Cari amici gay, un passo in avanti l’avete conquistato, nella testa di Quelli La’ siete meglio di un rom, un successone.