Il Blog

Londra, le cicogne e il Compagno Carlo

In Politica on febbraio 10, 2016 at 7:59 am

Da qualche giorno ho due pensieri che mi martellano.

 

A Londra non c’e’ piu’ la nebbia.

Le cicogne non migrano piu’ perche’ hanno trovato il loro habitat nelle discariche.

 

Siamo riusciti anche in questo.

 

Riusciamo bene quando si tratta di modificare ecosistemi, ma l’eccellenza la raggiungiamo quando riusciamo a modificare la stessa societa’ umana.

 

E allora?

 

Allora ho trovato da Carlo questo sensazionale pampleth di poche righe, al che’ tutto mi si e’ ricollegato, grazie Compagno:

 

RACCONTO BREVE

 

Furono necessari alcuni decenni.
Sapevano bene che il male più grande era la cultura.
Cultura significava conoscenza.
La conoscenza portava alla consapevolezza.
Chi era consapevole lottava per difendere la dignità, per degli ideali e, soprattutto, per il futuro.
Fu il primo ostacolo da superare ma l’ignoranza strutturale e congenita facilitò il compito e la beata ignoranza si propagò rapidamente.
Un apporto notevole al raggiungimento dell’obiettivo fu dato dall’uso sapiente di alcuni strumenti tecnologici in continuo mutamento e ampiamente diffusi, in grado di distogliere l’attenzione dal fare ragionamenti più profondi.
Poi si passò ad una seconda fase: trasferire la ricchezza che in passato era stata distribuita in basso, dal basso verso l’alto. In poco tempo divorarono tutto. In seguito si continuò a produrre ricchezza ma la stessa non venne più redistribuita equamente.
Per concludere l’opera fu distrutto il tessuto sociale, quello che ancora garantiva una parvenza di unità. Dallo stesso furono banditi lealtà, onestà e giustizia mentre si favorì la guerra tra poveri.
Una guerra alimentata ad arte, per non far capire che se non ci fossero privilegi osceni per alcuni, non ci sarebbero ingiustizie atroci per tanti altri.
Qualcuno, rari testimoni del passato, provarono a resistere per anni, prima opponendosi e poi vivendo in assoluta clandestinità. Furono eliminati oppure madre natura fece il suo corso. Anche la memoria scomparve per sempre.
Furono necessari alcuni decenni ma alla fine il popolo fu reso mansueto.
“Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la bocca. Come l’agnello condotto al mattatoio, come la pecora muta davanti a chi la tosa, egli non aprì la bocca”. Isaia 53:7
Annunci
  1. Caro Zac,
    molto bello il tuo post. Complimenti a te e a Carlo.
    Stamattina, anche grazie a voi, mi sono svegliato di umore diverso dal solito. Per il semplice motivo che comincio a vedere uno scenario completamente diverso dal solito.
    Ho ascoltato le ultime parole di Giulio Regeni, che citava Gramsci e descriveva con lucidità la deriva neocapitalistica che sta distruggendo il mondo. Ho appena scritto un articolo per Repubblica su Giulio Regeni. Se non dovesse uscire, chiederò al nostro portinaio di postarlo qui.
    Poi ho constatato la vittoria schiacciante di Sanders alle primarie del New Hampshire. Il primo candidato ebreo e socialista alla presidenza degli Stati Uniti. Il candidato della larga maggioranza dei giovani americani. Se andranno tutti a votare, può farcela.
    Ho la sensazione che il cosiddetto “centrismo” pseudodemocratico (la democrazia è lotta quotidiana!), braccio politico del neocapitalismo, stia morendo. Insieme al petrolio e ai mercati azionari.
    Ho la sensazione che la politica, e non soltanto la religione, stia tornando a radicalizzarsi. Destra e Sinistra senza se e senza ma. Due progetti di società non confondibili. Solo questo può salvare l’umanità.
    Buona giornata
    David

  2. Stupendi fino a qui Zac, Carlo e David!
    Scusatemi se ho usato il titolo di una canzone come apertura di commento, ma c’è aria di Festival ed io non sono mai riuscito ad essere indifferente a questo “baraccone” che ha segnato di ricordi la mia gioventù.
    Stasera salirà sul palco di Sanremo la mia prediletta Dolcenera (praticamente la analoga di Penelope Cruz del mondo musicale) alla quale ho dedicato centinaia di pensieri tradotti in commenti, immagini e video e quando ho avuto l’occasione di conoscerla alla Stazione Porta Nuova di Torino mi ha riservato l’opposto degli idilliaci incontri con Zac e David; non mi ha “cagato” e quindi continuerò ad amarla per tutta la vita.

    Un caro saluto a tutti. robi

  3. Ma perché l’essere umano dev’essere sempre votato al male? Non vi sembra che tutti, idealisti e materialisti, di Sinistra e di Destra, tutti quanti cerchiamo solo di conquistare potere e, una volta raggiunto, esercitarlo al peggio?!

    Ammetto la mia ignoranza, soprattutto davanti a voi, in materia storica e politica, ma mi sembra di capire che la spinta al dominio sia insita nell’uomo. E l’esercizio del potere, sia pure in nome dei più alti ideali politici e sociali, mi pare sempre un sopruso per qualcuno.
    Mi sa che sono in piena crisi politico – esistenziale…

    Ma come fa un ragazzo nel 2016 a morire torturato?
    Ma come fa un essere nel 2016 a torturare un ragazzo a morte e continuare ad esistere?

    Perché ogni volta che l’uomo conquista una libertà, la spreca dominando l’altro e mangiandosi i suoi stessi simili?

    Chiedo a Voi, cervelli in movimento!
    Un abbraccio
    J.

  4. Ciao Zac e buona serata a tutto il condominio.

    Ho fatto questa breve riflessione, dopo aver letto gli ultimi tre post che Ernest ha pubblicato e che vertono su un solo argomento: taglio dei fondi regionali (appena 20mila euro) all’associazione teatrale a cui partecipa anche lo stesso e che si occupa di teatro sociale.

    Niente fondi e rischio di non riuscire a portare avanti le varie iniziative che negli anni passati, seppur con fatica, riuscivano a organizzare.

    Mi auguro che il futuro sia come pronostica David e che il neocapitalismo sia destinato a soccombere. Certo è qualcosa che deve accadere in fretta perché più danni provoca e più sarà difficile uscirne fuori.

    Per ora la “sinistra”, almeno da noi, continua a comportarsi in modo tafazziano. Alle primarie di Milano ha vinto Sala e solo perché gi altri due candidati della sinistra si sono divisi. Se fossero rimasti uniti, la somma dei loro voti, in percentuale avrebbe largamente superato quelli di Sala… nonostante i voti dei cinesi!

  5. Cara Jessica,
    le tue parole mi fanno pensare che esista una sorta di tacita congiura planetaria bipartisan, di destra e di sinistra, per farci credere che dio esiste. Gli esseri umani si comportano come delle merde, quasi invocando un intervento divino più urgente che mai. Sarà perché abbiamo inventato una vita tecnologica che non sappiamo minimamente gestire?
    Buona giornata
    David

  6. Caro David,
    gli umani sono stati così furbi da essersi inventati persino dio, per poi rivenderlo come unica possibilità di salvezza dell’anima. E la gente ci crede. Si continua ad inventare cose che poi non si riesce a gestire, dalla tecnologia, come giustamente affermi tu, a concetti più profondi e dannosi. Per non parlare dei “princìpi morali” a cui dovremmo sottostare a priori.
    Cosa vuoi che riesca a gestire una specie come la nostra, che si inventa assurdità allo scopo di dominare? E poi ci crede lei stessa alle minchiate che diffonde?!
    Meglio sarebbe prendersi in mano la propria vita e cercare di agire secondo ragione e coscienza. E invece continuiamo ad aspettare chissà quale intervento. Divino o Politico che sia.
    Credo più nell’individualità, ma come fai a scrivere regole civili per una società se pensi solo al singolo?

    Grazie della tua risposta, è bello sapere che c’è gente come Voi al mondo!
    Buona serata
    J.

  7. Complice uno stato influenzale che mi sta spezzando, eccomi qua nel condominio a distribuire equamente un po di virus. Ciao Zac.

    Vorrei proporre un paio di riflessioni, nate dopo aver letto l’ultima replica di Jessica.

    Dunque, Jessica si chiede “…come fai a scrivere regole civili per una società, se pensi solo al singolo?..”

    Secondo me non puoi. Non è possibile scriverle, se qualcuno lo fa non sono regole “civili”. Le regole devono valere per la collettività nel suo insieme, garantendo ovviamente i diritti del singolo che, tuttavia, non devono contrastare con quelli della collettività.

    La nostra Costituzione è un ottimo esempio di equilibrio tra diritti/doveri della collettività e del singolo… che poi il bimbominchia vorrebbe edulcorare della parte “diritti” della collettività, salvaguardare qualche spiccata “individualità” (tipo le loro) e fottere il resto del Paese.

    Tutto questo, in teoria, dovrebbe accadere in una società equa e coesa quale, purtroppo, non è quella in cui viviamo fin dalla notte dei tempi.

    Tuttavia, credo che a porre un freno alla spiccata natura egocentrica, individualista e distruttrice dell’uomo siano proprio le regole che lo stesso si è sempre dato e che in particolari momenti della nostra storia o sono mancate; o erano sbagliate oppure sono state ignorate.

    Quello attuale è uno di quei momenti. L’economia, per esempio, non è più controllata dalla politica ma sta accadendo il contrario (con quello che ne consegue).

    Altra storia è la questione degli dei che l’uomo ha sempre idolatrato… e qua mi aiuto con quanto scritto da Tina, a commento del mio post:
    “Tantum religio potuit suadere malorum! – Lucrezio (A cotanta malvagità può indurre la religione!)

    Nel mio post, quello replicato da Zac, la religione non l’avevo voluta considerare… anche se un dio c’era, forse anche peggiore di tanti altri: il dio denaro.

    Voi pensate che sia l’influenza a farmi farneticare?

  8. Un saluto a tutto il condominio…
    grazie Carlo per aver citato il ns caso.. ebbene si sta succedendo proprio questo. Noi siamo una piccola realtà e chissà quante altre ancora vedono i loro fondi essere tagliati in un colpo solo, piccole cifre che spariscono come per magia dai bilanci.
    L’uomo sembra davvero essere attrattati dalla rovina, dal procurare brutture sociali e dall’andare a rovinare le poche cose che ci sono in giro… il perché non lo so, una cosa però è chiara il capitalismo ha fallito ma nessuno lo dice o meglio i pochi che lo fanno vengono zittiti o messi da una parte. Ciò che mi fa davvero intristire però è la reazione delle gente comune che cmq sia tira dritto per la sua strada, l’indignazione spesso si spegne nell’arco di pochi giorni settimane e poi tutto come prima… stiamo diventando anche consumatori di eventi sempre meno riflessivi e pronti a schiacciare tutti. Mi spaventa tutto ciò
    hasta cmq siempre

  9. Cari Compagni, oggi ho un po’ di tempo.
    Pensavo, il blog ha quasi due lustri, una volta riuscivo a rispondere a ogni commento, da un paio d’anni ci riesco di meno.
    La cosa non e’ di poco conto, e non e’ motivata da impegni o proibrizioni, e’ una scelta.

    La scelta di non avere un pc in casa. C’ho anche provato, una tragedia, ogni volta che lo incrociavo con lo sguardo cominciavo a battere tasti, in un anno di pc ho prodotto forse tre opere, quando negli anni normali navigo sulle dozzine.

    La scelta successiva e’ stata quella di “concedermi” al pc previo appuntamento, del tipo “domani dalle 8 alle 8.40”, e tendo a non sforare.

    Cara Jessica, lo scrivo subito, la risposta di Carlo al tuo quesito sulle regole civili mi ha tolto la parola, la penso e la vivo tale e quale.

    Quando scrivi “gli umani sono stati così furbi da essersi inventati persino dio, per poi rivenderlo come unica possibilità di salvezza dell’anima. E la gente ci crede” sai di sfondare una porta aperta con me; io sarei stato ancor piu’ velenoso, non e’ la gente che ci crede, e’ che ci sono orde di loschi figuri che insegnano a credere, sfido chiunque a far crescere un bambino, cento bambini, un milione di bambini, senza che nessuno spieghi mai loro alcunche’ sulla piu’ grande menzogna dell’umanita’. Poi mi si venga a dire se, da soli, possano mai arrivare a elucubrazioni come quelle del Giovanardi o dello Scalia (Scalia!!!!! e’ crepato Scalia!!!! il giudice della consulta americana contro i gay, a favore delle armi, contro l’immigrazione, una merda umana, e’ mortoooooooo!!!!!!).

    Carlo, se l’influenza ti fa’ scrivere cosi’, conservala a lungo.

    David, con mio sommo dispiacere ti comunico che Sanders non sara’ mai presidente degli Usa, a meno che tu non mi dimostri che la juve non vincera’ alcuna partita da qui a fine stagione (eccheccazzo, 15 di fila son tanta roba, non mi ricordo piu’ come si perde).

    Ernest, COMPAGNO ERNEST, da quando ho scoperto il mondo dei blog, accadeva anni fa’, mi son sempre idealizzato i Compagni che ho incrociato, ancora a oggi per me Barabba e’ uno tra i cinque migliori scrittori che abbia mai letto, Elisa e’ una ragazza che vive in una casa dove anche i lavabo sono fatti di libri, Carlo e’ un duro, un duro vero, con la passione del giardinaggio, un po’ come Toto’ che ricamava, Tina una guerriera amazzone, Robi e’ la piu’ grande emozione che ho provato da non so’ quando, forse dalla prima volta che conobbi David, un altro poco raccomandabile, e mi scuseranno gli altri ma non e’ un pampleth, era solo una piccola disgressione per dirti, COMPAGNO ERNEST, che tu sei sempre stato il COMPAGNO ERNEST, fin da subito, e di certo per sempre.

    La tua transnavigata con una barca di disabili all’epoca mi lascio’ frastornato, allibito, senza parole.

    Cosi’, quando ho letto dei fondi tagliati, non sono riuscito a proferir offesa, ho solo pianto.

    Un abbraccio a tutti.

  10. Caro Zac,
    grazie. robi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: