Il Blog

Archive for gennaio 2017|Monthly archive page

È tornata

In Politica on gennaio 24, 2017 at 12:50 pm

Post fuori dai classici:
Incrociando le dita, è tornata la “valanga azzurra e rosa”.

A Kitzbuhel, in Austria, quando si corre la “Streiff”, persino le scuole restano chiuse, e’ la loro festa nazionale, 100 mila persone sulla pista.
Ecco, Dominick Paris, il grandissimo Dominik Paris, ha vinto per la seconda volta in tre anni, che solo pensare di arrivare in fondo alla Streiff è da pazzi, vincerla e’ da urlo, vincerla due volte e’ da eroi, dei pazzi eroi urlanti.
E pure l’anno scorso, Peter Fill, primo.

Manfred Moellg, vince lo slalom speciale e segna il record di sciatore più vecchio ad aver vinto in coppa del mondo.

Christoph Innerhofer fa’ secondo, sempre a Kitzbuhel, al rientro da un infortunio che poteva costargli la carriera.

Sofia Goggia. Non li conto piu’, podi a catinelle, una grinta che non si vedeva da trentanni, uno scricciolo che non ha paura di nulla.

Oggi Federica Brignone vince il suo terzo gigante in carriera, mamma Quario ha trasferito ottimi cromosomi.

E attenzione a nonno Patrick Thaler, all’elegante Marta Bassino, alle sorelle Curtoni e a quelle Fanchini, augurissimi a Nadia, vittima di caduta brutale.

Se siete arrivati sino a qui, siete amanti dello sci, quindi vi segnalo pure i mondiali a fine mese, sarà li’ che vedremo se è tornata per davvero.

P.s.
Per tutti gli altri lettori non partecipi ai giochi sulla neve, segnalo che non riesco a trovare in tutta europa un candidato di moderata, moderatissima sinistra che possa ambire a vincere qualsiasi tornata elettorale nei prossimi tempi.
Bah.

Gli “attuativi”

In Politica on gennaio 18, 2017 at 12:42 pm

Bisogna sempre attendere i decreti attuativi.
Di ogni porcata.
Fino a che la legge e’ al vaglio dell’aula, giù titoloni, talk show e quant’altro.
Poi, dopo un paio di mesi,ecco gli “attuativi”, che se va’ di lusso li trovate sulla stampa con il lentino da orafo.

Di quelli della PA già sappiamo, tutti da riscrivere.

Ieri hanno attuato quelli della Buona Scuola.

Ebbene, in un paese dove il 99,5% dei diplomandi viene ammesso agli esami di maturità, dove la regione Calabria e’ prima in Europa per i 110 e lode dati ai laureandi, la riforma prevede che non si debbano più avere tutte le materie sufficienti per accedere agli esami di fine quinquennio.

Fantastico.

Così fantascientifico da chiedere a chiunque se, all’epoca della presentazione della legge, avesse sentito parlare di questa, ennesima, virata verso l’ignoranza.

Si dovrà avere la MEDIA del 6, e tutte le materie concorreranno al conto, compreso “comportamento” ed “educazione fisica”.

Un 9 in ginnastica e un 9 in comportamento, permetteranno 3 in scienze e 3 in storia.

Un decreto davvero disdicevole.

Il solito giochino

In Politica on gennaio 17, 2017 at 2:52 pm

Bentrovati.
Dove eravamo rimasti?
Ah sì, adesso ricordo.

Un toscano diceva di ritirarsi.
Un francese voleva comprarsi il biscione.
Un presidente del consiglio appariva in prima pagina per un ricovero in cardiologia.
Un amerikano da schifo voleva fare sesso con il russo.
Un pazzo sparava.
Un altro sciava.

Passato un mese e piu’, le sopracitate sono gia’ aria fritta.

Obama, uomo che continuo a rispettare, sostiene Merkel.
Trump,uomo (oddio, uomo…) che continuo a detestare, contro Merkel.

Sta cosa mi dà un fastidio enorme.

Un democratico sostiene una sua nemica politica, un repubblicano attacca una sua amica politica.

Il perché succede è limpido, ma a me da un fastidio enorme la forma, oltre alla sostanza, che in questo caso si chiama Europa.
La forma è tutto.
Io sto da una parte, tu stai dall’altra, tipo quando vedi una partita di tennis o un parallelo di sci, c’è fino alla squalifica per invasione di campo, cazzo.

Lo ripeto, a mo’ di mantra, che qui non c’è da convincere nessuno, c’è solo da decidere se vogliamo tornare alla carrozza trainata dai Lipizzani, o no.

Pronti?
Via.

Girate la testa e guardatevi attorno a 360 gradi.
Controllate cosa indossate.
Risultato: il 70% delle cose che avete visto, ben che vi vada, persino i muri,pure la cornicetta con le foto dei parenti, contengono sostanze prodotte (estratte sarebbe più consono) in Germania e/o sono state fatte in Cina.

Poi controllate il marchio del vostro televisore, del cellulare, del pc, del tablet e se vi va’ anche dell’auto in garage, qui mi sa’ che la percentuale balza alta.

Tralascio le materie prime che si usano quotidianamente in più di 200mila aziende italiane dal fatturato di più di mille miliardi di euro, e di tutto il sistema statale.

È semplice, si esce dall’Europa, dall’Euro, e tutte le cose che siamo abituati a comprare, puff, non le compri più, oppure le compri a un prezzo raddoppiato, come minimo.

Ma non intendo l’iPhone, no no, intendo la bolletta del gas o il polipropilene.

Trump ci gode con sta cosa, non vede l’ora di poter trattare state by state, gli USA che trattano bilateralmente con stati che al massimo valgono il loro Nebraska sono una vera catastrofe, uno tsunami, all’epoca si presero TUTTO il sudamerica facendo prima litigare i cileni con gli argentini, i venezuelani con i cubani, e il resto e’ storia targata Cia.

P.s.
Da giovedi saro’ possessore di un televisore dotato di entrata usb.
Avrò così la possibilità, tramite cari amici, di avere delle chiavette caricate con lungometraggi.
Vi chiedo se avete titoli da consigliarmi, e se bazzica ancora da queste parti mi piacerebbe avere un paio di titoli da Barabba.
Anticipatamente, ringrazio.