Il Blog

Come essere di sinistra, nonostante la sinistra

In Politica on febbraio 20, 2017 at 10:25 am

Articolo comparso stamane su Globalist a firma del solito noto:

“Continuiamo ad interrogarci fino alla nausea su cosa significhi essere di sinistra. Lo facciamo incessantemente, con divagazioni sempre più surrealiste, dal 1989. Come se la caduta del Muro di Berlino e la successiva frana dell’Unione Sovietica avessero definitivamente chiuso un’epoca e un’etica, un modo di pensare e un modo di agire. Eppure, nel 1989 erano rimasti in pochi, anzi pochissimi a pensare che la sinistra e il cosiddetto socialismo reale fossero la stessa cosa. Il PCI che fu di Berlinguer, per esempio, si era distaccato dall’URSS nel 1968, cioè più di vent’anni prima. Che razza di trauma può essere un trauma così lungamente annunciato e previsto?

Essere di sinistra è una scelta di campo netta e semplice. Proviamo dunque ad enunciarlo nel modo più netto e più semplice possibile. Essere di sinistra vuol dire stare dalla parte dei più deboli. Questo rudimentale assunto, in un’epoca in cui i cosiddetti ceti medi e loro aspirazioni sono stati spazzati via dalla crisi economica, dovrebbe risultare di più facile comprensione. Invece no.

Ma allora perché la sinistra è diventata una nebulosa, un mistero di Fatima, un enigma indecifrabile? Anche questa risposta dovrebbe essere semplice. Per la mancanza di onestà e di coraggio di tutti coloro che in questi anni hanno incarnato e rappresentato la sinistra. E facciamo pure qualche nome, affinché non si dica che spariamo a casaccio: Tony Blair, Barack Obama, François Hollande, per non parlare di tante figure minori come Fausto Bertinotti…

Dopo il 1989, la sinistra non ha fatto che rendere omaggio al capitalismo vincitore della guerra fredda. Questo ha incoraggiato il capitalismo a diventare il peggior capitalismo di tutti i tempi e a scatenare guerre tutt’altro che fredde. Ora, improvvisamente, ci accorgiamo che la sinistra non esiste più, che i più deboli sono diventati miliardi, che nessuno li difende, che la classe operaia non esiste più perché è stata rimpiazzata dagli schiavi e dai robot, che i popoli sognano addirittura la dittatura per uscire da un incubo caotico attraverso un incubo meglio definito.

Di chi è la colpa di tutto questo se non di una sinistra che ha sistematicamente tradito la semplice vocazione della sinistra?

In questi giorni, il PD si sta autodistruggendo. Ma non c’è da stupirsi. Un partito di sinistra che ha eletto un leader di destra non può che fare questa fine. Eppure era già accaduto ai laburisti inglesi con Tony Blair.

Se poi questo leader viene anche assecondato da tutti gli altri esponenti del partito, prima tutti i giorni e poi a giorni alterni, l’agonia è persino peggiore della morte stessa. Da tutti gli antagonisti di Renzi, in questi giorni, non è venuta fuori un’idea, un progetto, niente di niente. Abbiamo udito soltanto tardive grida di dolore. Hanno latrato tutti come mariti becchi che sono sempre gli ultimi ad accorgersi del tradimento della moglie.

Ma allora Renzi ci hai traditi?! No, Renzi non ha tradito nessuno. Renzi è quello che è ma non finge perché non è capace di fingere. Non ha finto quando è andato in tempi più che sospetti ad Arcore a confabulare con Berlusconi, non ha finto quando ha lanciato la rottamazione per disfarsi di tutta la classe dirigente erede del PCI, non ha finto quando ha esposto il suo progetto politico chiaramente di destra. Sono i suoi oppositori all’interno del partito, piuttosto, che hanno finto perché pensavano che Renzi li avrebbe portati alla vittoria senza rendersi conto che quella effimera, perversa vittoria sarebbe diventata la sconfitta più devastante che la sinistra abbia mai conosciuto.

Essere di sinistra oggi, oggi più che mai, non può essere un esercizio retorico. Oggi che la società è cambiata servono onestà e coraggio come cento anni fa ma occorrono nuove idee altrettanto rivoluzionarie.

Bisogna cominciare a pronunciare parole tabù che la sinistra si è sempre tenuta in gola fino a rimanere soffocata. Parole come “patrimoniale”, parole come “pensioni”. Perché in un mondo dove esistono pochissimi ricchi, anzi ricchissimi, che non sappiamo neppure come lo siano diventati in così breve tempo, e tantissimi poveri come forse soltanto nel Medioevo, non si può non parlare di tassa patrimoniale. Perché in un mondo dove si vive fino a cento anni e dove i giovani non trovano lavoro, non si può non parlare di pensioni. E in un mondo come questo, ormai sommerso di rifiuti, dove qualunque merce venduta negli onnipresenti supermercati percorre mediamente 2400 chilometri, non si può non parlare di petrolio.

Salta agli occhi a chiunque che oggi gli argomenti sono questi. A chiunque, tranne che ai dirigenti della sinistra.

Sto generalizzando, è vero. Infatti, qualcuno si sta muovendo. Non in Italia, purtroppo. Ma molto, molto vicino a noi. Nella Francia dove la sinistra è forse più a mal partito, sotto la minaccia di un partito dichiaratamente fascista, il Front National di Marine Le Pen che è in testa in tutti i sondaggi (provate ad immaginare un MSI accreditato del 30% almeno dei suffragi), si è appena affacciato un signore di 49 anni che si chiama Benoit Hamon.

Questo signore ha vinto, anzi stravinto, le primarie della sinistra in Francia. E le ha vinte sulla base di un programma. Un programma rivoluzionario.

Hamon parla con calma e disinvoltura di patrimoniale, parla di ecologia ma non come se ne parla prendendo l’aperitivo, e parla di reddito di cittadinanza. Ma il suo reddito di cittadinanza non è quello di Grillo, non è un voto di scambio per i più disgraziati, e non è nemmeno la mancia di 80 euro di Renzi.

Il reddito di cittadinanza di Benoit Hamon si chiama prevenzione sociale. Hamon intende corrispondere 750 euro a tutti i cittadini francesi che abbiano compiuto la maggiore età. Tutti, nessuno escluso. I giovani potranno utilizzare questi soldi per il loro futuro. Anziani diseredati potranno sempre e comunque sopravvivere. Perché il grado di miseria che abbiamo raggiunto in Europa non è più quantificabile né descrivibile.

Giorni fa, sono rimasto colpito da una delle tante notizie agghiaccianti che ormai passano del tutto inosservate. Una madre napoletana tirava a campare prostituendo la figlia di 12 anni. Sono notizie che conosciamo bene. C’è stato anche un film diversi anni fa, un bellissimo film italiano, “Il ladro di bambini” di Gianni Amelio, che parlava di questo. Ma la notizia era un’altra. La madre sciagurata prostituiva la figlia dodicenne per…5 euro. Era questa la notizia. Provate a pensare per un attimo quale abisso di miseria si nasconde dietro questa notizia.

Il reddito di cittadinanza per tutti è, come dicono i francesi, un treno che nasconde un altro treno. E l’altro treno è l’abolizione delle pensioni. A qualcuno sembrerà una bestemmia, ma è probabilmente (non paradossalmente) un passo inevitabile per costruire una società più giusta, dal momento che disoccupazione e pensione hanno ormai creato un vero e proprio big bang forse destinato a distruggere, in prospettiva, una società come la nostra.

La sinistra francese, distratta e impazzita almeno quanto la sinistra italiana, non ha ancora messo a fuoco il suo candidato. Pensate che i socialisti francesi, trasformisti e schizofrenici almeno quanto gli italiani, sono andati a votare alle primarie della destra per scegliersi il “nemico migliore”. Hanno votato Fillon contro Sarkozy nella speranza che Fillon possa sconfiggere Marine Le Pen. Si sono chiamati fuori dall’agone politico di loro volontà, per fare il tifo per una destra un po’ meno peggiore. A questa perversione, la sinistra italiana non era ancora arrivata.

Due settimane fa, Fillon è stato preso con le mani nel sacco per aver corrisposto una lauta consulenza a sua moglie con denaro pubblico. Fillon è andato in TV balbettando scuse, ma ormai è un candidato morto. Marine Le Pen farà di lui un sol boccone. Ma al ballottaggio con lei andrà il signor Benoit Hamon. E io penso che i francesi non eleggeranno presidente Marine Le Pen nel momento in cui c’è gia’ un fascista come Donald Trump seduto alla Casa Bianca.

A mio modesto avviso, un giovane, determinato e sobrio uomo veramente di sinistra come Benoit Hamon vincerà ed entrerà all’Eliseo.

Nonostante la sinistra.”

David Grieco

  1. Infinite grazie a Zac per aver proposto questo inaspettato sfogo di David in un momento privo di tracce politiche emotive. Basterebbe avere un Hamon italiano per crederci ancora, ma purtroppo abbiamo solo squallore che tenta di riciclarsi.
    Un abbraccio. robi

  2. Che meravigliosa riflessione!

    Ciao Zac e un saluto a tutto il condominio. Già da un paio di settimane vi leggo dal telefonino ma non commento perché è un’impresa. Questa però non potevo lasciarla passare senza manifestare la mia ammirazione per quanto letto! Se ci scappa l’errore, chiedo venia.

    Mi si è piantato il Pc e quello dell’ufficio non mi fa andare sui WordPress ma solo sui blogger. Questa è la volta buona che passo a Mac e mando per sempre in soffitta Windows.

    Ma torno all’articolo di David… semplicemente una goduria averlo letto. Analisi perfetta, sintetica e che non lascia spazi ad alibi… chissà se qualcuno degli “aventi causa” vorrà replicare?

    Va beh, per ora vi saluto tutti… sto facendo una faticata!!

  3. Cia Zac e buongiorno al condominio
    ci sono riflessioni che ti danno una speranza, quella di non ascoltare sempre le solite due frasi buttate lì. David lo ha fatto come sempre molto bene dicendo cose che sottoscrivo. Quello che sta succedendo al Pd è l’epilogo di una storia che ormai ha preso la via a destra, sono come sempre preoccupato di ciò che sta succedendo a sinistra dove non smettiamo col solito masochismo che ci porta a giocare su chi è più a sinistra dell’altro… io sono sempre in attesa di uno schieramento che non faccia altro che interpretare il bisogno di risposte di sinistra a problemi evidenti del capitalismo attuale.
    Attendiamo fiduciosi e molto impazienti
    hasta

  4. Sempre da telefonino… ciao Zac e un saluto a tutto il condominio.

    Feisbuc avrà anche tanti difetti ma se ti scegli i canali ed i gruppi giusti, anche tanti pregi. Ho appena finito di ascoltare la diretta di un intervento di Civati da non so dove, nell’ambito di quella specie dì forum in seno a Possibile, chiamato la Costituente delle idee. Seguitissima, interessante e con tanti interventi anche online. E poi Pippo, quando parla, riscalda il cuore. Penso sarà lunga ma c’è da ben sperare!

  5. Grazie a David e Zac per questo articolo.
    posso rispondere con una sola citazione.
    PEPPINO IMPASTATO
    LUNGA E’ LA NOTTE E SENZA TEMPO

    “Lunga è la notte e senza tempo. Il cielo gonfio di pioggia non consente agli occhi di vedere le stelle. Non sarà il gelido vento a riportare la luce, nè il canto del gallo, nè il pianto di un bimbo. Troppo lunga è la notte, senza tempo, infinita”.

    La sinistra è morta prima con Berlinguer e dopo con Pertini.
    Oggi ci sono solo i cultori di del marchese del grillo, “io so io e voi un siete un cazzo”.
    Notte buona compagni.
    Hasta Zac e Hasta David
    Tina

  6. e venne Tina a spolverare la verità…..

    Hasta Condominio
    robi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: