Il Blog

Archive for 2018|Yearly archive page

Finalmente

In Politica on agosto 16, 2018 at 12:07 pm

Finalmente qualcosa si muove.
Paradossalmente, sposo per intero le dichiarazioni di Conte, Salvini e Di Maio.
Vedete, in questo meraviglioso paese quando succedono le catastrofi ci vuole mezzo secolo per arrivare al dunque.

Il dunque, a sentire i sopracitati, è oggi.

Ripeto: finalmente.

Per cominciare: in tutto il mondo civilizzato si conosce il tempo “vitale” del calcestruzzo: 20 anni.
Poi comincia, piano piano, a diventare qualcos’altro, sino a raggiungere uno stato di equilibrio: sabbia.
La sabbia è in uno stato di equilibrio, ma sfortunatamente non sorregge alcunché, anzi, spiana.

Molti, moltissimi esecutivi si sono succeduti dalla costruzione del Morandi, ma non è questo il punto.

Il punto è che il governo che svendette le autostrade ai Benetton, che poi aprirono la consociata in Lussemburgo, scrisse sul contratto che le manutenzioni obbligatorie dovevano essere svolte SOLO su quei tratti costruiti dopo il 1990 o giù di lì,,se ricordo bene, il Morandi è del 1967; ciò non significa che Autostrade non manutentava, e ci mancherebbe, solo che lo poteva fare per i fatti suoi, senza presentare alcunché all’autorità pubblica, che è una bestemmia, un concessionario di attività pubblica che non deve relazionare il concessionante, da non crederci.

Il punto è che i Benetton, dopo aver aperto in Tunisia una mega azienda per la loro maglieria e aver fatto chiudere centinaia di piccoli lavandai del triveneto (forse perché troppo leghisti e poco frequentatori di Cortina), lasciando con un pugno di mosche chi da decenni lavorava solo per loro (che era uno dei capisaldi della famiglia: se lavori per me sarebbe meglio se lavorassi solo per me), si sono dati alla macchia.
Scrivo lavandai, ma dovete immaginarvi decine e decine di aziende con 50 dipendenti, attrezzate con macchinari all’avanguardia: guardate i jeans che indossate, vengono trattati almeno 10 volte dall’inizio alla fine della lavorazione, tutto portato in Tunisia senza che nessuno, ma proprio nessuno, neppure Bertinotti, all’epoca osò interferire, mica vorrai metterti contro i compagni Benetton.

Il punto è che, nel mentre, i quattro fratelli si facevano regalare le autostrade, una gallina dalle uova d’oro, 1 miliardo di utili a stagione!!!!, rischio d’impresa pari a zero, aumenti progressivi dei pedaggi, se ti fermi all’Autogrill ti serve un mutuo, fatturato in aumento anno dopo anno.
E oggi si permettono pure di dire “per noi quel ponte non era a rischio” e sbandierano la penale per una tanto auspicata revoca della concessione, vergognatevi.
Avete firmato un contratto? E vaffanculo, nun te pago, fame causa, tipo Aronne Piperno l’ebanista nel Marchese del Grillo.

Dicevo, il dunque è oggi.
Salvini dice che Autostrade dovrebbe sospendere i pedaggi.
Io dico di più, evitiamo noi di pagare, ci facciamo sputare fuori la ricevuta di mancato pagamento, e vaffanculo di nuovo.

La Borsa sta già dando del suo.

Di Maio ricorda che dopo due giorni non una parola da Autostrade sulle vittime, solo soldi, solo soldi, solo soldi.

Andrà in galera qualcuno? Difficile, ma ci si accontenta di privarli di un bel pacco di dobloni, per loro sarà peggio della gabbia.

Ah, quasi scordavo, il mega impianto in Tunisia è stato smantellato, resta un decimo dall’insediamento di quattro lustri orsono, han fatto lo stesso giochino utilizzato nel triveneto, c’è sempre manodopera meno cara, e potremmo puntare sulle autostrade spagnole, cosa che puntualmente accade, comprate le quote da Florentino Perez (sì, il presidente del Real Madrid) e in un attimo raggiunto il 50% più un’azione, tradotto: proprietari delle autostrade spagnole.

Ho letto anche il post dove i grillini sostenevano che sarebbe durato altri 100 anni, ma è un post!!!! Mica un contratto miliardario.

All’epoca, quando Prodi e D’Alema gliele donarono, rivedendo il contratto per due volte, la prima non soddisfava i Benetton, mi incazzai moltissimo.

Come leggete, non m’è passata.

Annunci

Ringrazio la D.ssa Silvia Braccini

In Politica on agosto 15, 2018 at 5:49 am

Riporto questa missiva pubblicata su Globalist.it:

Cara Senatrice Taverna sono estremamente delusa come italiana, come cittadina e come medico, da quello che ha detto in materia di vaccini…
Ha reso questo paese non più libero…ma oppresso dall’ignoranza e dalla cecità.
Ogni anno milioni di volontari sanitari rischiano la vita in giro per il mondo per salvare migliaia di piccole vite da malattie che hanno decimato intere popolazioni.
E noi, del mondo ricco e civile, torniamo indietro di mille anni contro ogni ragione.
I nostri bambini non sono bestiame. Sono solo bambini a cui garantiamo un futuro.

Perché non proibiamo anche tutte le altre scoperte scientifiche che hanno cambiato la sopravvivenza dell’uomo moderno e che hanno comunque possibili complicanze?

Proibiamo TUTTE le chirurgie.

Proibiamo il vaccino anti HPV contro i tumori della cervice uterina.

Proibiamo LE CORONAROGRAFIE CON PCI primarie che ogni giorno salvano la vita a centinaia di persone colpite da infarto.
Proibiamo la trombolisi primaria per tutti i pazienti colpiti da ictus cerebri.
Proibiamo le trasfusioni.

Proibiamo gli antibiotici.

Spegniamo la luce…torniamo nel medioevo.
Ma non ci chieda poi…a noi medici…di fare miracoli che volete distruggere.
Non ci chieda di piangere la morte dei nostri bambini.
La piangiamo da oggi. La piangeremo domani. Impotenti davanti ad una “politica” che riduce a voti politici e twittate la scienza.

Mi vergogno onorevole.
Mi vergogno profondamente.
Mi vergogno di essere rappresentata da lei e chi pensa sia giusto non vaccinare.

Mi vergogno di stare in un paese in cui le decisioni sulla sanità e sicurezza pubblica, perché è di questo che si tratta, vengono prese da persone non preparate sulla materia, non adeguate nemmeno lontanamente al parlarne pubblicamente e criticamente.

Per fare il mio lavoro, il medico anestesista rianimatore, ci vogliono 6 anni di università, 1 anno di abilitazione statale e 5 anni di scuola di specializzazione. Ci occupiamo di vite. È normale. Doveroso. Importante.

Per fare il suo lavoro Senatrice, basta prendere voti. Parlare sui social. Avere fortuna. Essere nel momento giusto con le persone giuste e al posto giusto.
E questo non è giusto.

Perché voi per un voto condannate il nostro paese al ritorno delle malattie che avremmo dovuto debellare.
Condannate bambini al rischio di non poter crescere.
Condannate noi a guardare il vostro irresponsabile scempio con responsabile impotenza.

È un mondo ingiusto il nostro Senatrice
È un paese ingiusto il nostro.

Ma soprattutto è ingiusto che chi come Lei, accompagnata da cattivi consigli ed ignoranza dovuta al suo non essere competente in immunologia e malattie infettive, non sarà costretta a vedere un bambino morire di morbillo.
Lei non lo farà.
Lei e i suoi colleghi politici amanti dei selfie, dei social, dei video mentre siete al lavoro…non li vedrete.
E quando sarà il momento…darete la colpa qualcun altro.

Dorma bene Senatrice stanotte.

Dorma bene Senatrice sempre.

Lo faccia anche per me. E per tutti i miei colleghi a cui ha tolto il sonno, la speranza, e la serenità.

Vorrei avere la sua ostentata sicurezza.
Vorrei poter credere ancora di poter fare il mio lavoro nel migliore dei modi in questo mio paese che non riconosco più…e di cui mi vergogno.

Dorma bene Senatrice.
E si ricordi sempre che il mio lavoro è un privilegio, e dovrebbe esserlo anche il suo.

Silvia Braccini, semplicemente un medico

Colpi di sole, tutto l’anno

In Politica on agosto 13, 2018 at 5:20 pm

Giuseppe Grillo, Beppe per gli adepti, si scaglia contro le cure omeopatiche.
Lo fa’ auspicando una serrata dei farmacisti nei confronti della acque miracolose.

Come si fa’ a non essere in pieno accordo?

Ma a Giuseppe sfugge una cosuccia, chi si “cura” con l’omeopatia, di norma, è pure contro i vaccini, spesso vegano (a parte quando assume la vitamina B per non restarci secco), quasi sempre vegetariano, assolutamente contrario a qualsivoglia prodotto venduto da una multinazionale, a volte complottista.

Ehi, Giuseppe, sveglia!!! Sono i tuoi elettori!!!!

La notizia è di mezz’ora fa’, occhio al putiferio nelle prossime ore.

Per contro, l’altra parte dell’esecutivo, quella che rimpiange l’Apartheid e la vittoria della razza bianca su tutti gli altri colori dello spettro visibile, chiede il ritorno del servizio militare obbligatorio.

Aspetta che controllo, mmmhhhh, meglio se prendo il binocolo, mmmhhh, no, nessuno spara sul Pasubio, manco sul Grappa.
Ho chiamato un mio amico che vive in Normandia, nemmeno li’, nessuna imbarcazione sta approdando a Omaha beach.
Confermo personalmente che il muro di Berlino è caduto.

In Agosto il solleone gioca cattivi scherzi.

Il grosso problema è che per sti cosi qui, è Agosto pure a Novembre.

È arrriiivaaatooooo!!!!

In Politica on luglio 16, 2018 at 12:19 pm

Ha dieci anni in meno rispetto a quelli segnati sui documenti.
Da quando ha l’età della ragione, considera sacro il proprio fisico, mai uno sgarro, diete a km zero iniziate quando nessuno ne’ parlava, centinaia di flessioni addominali appena svegliato, un robot.

Educato, mai uno screzio con un compagno di squadra, un britannico di Ascot nato per caso in Portogallo, che da oggi, perché è oggi che firma, diventa di bianconero vestito.

Un piede divino, una capacità di anticipo impressionante: invito gli amici juventini a guardare su YouTube qualsiasi gol segnato da CR7 sfruttando un calcio d’angolo o una punizione dalla trequarti laterale, soffermatevi solo su di lui, noterete che riesce a prendere un metro sul marcatore, chiunque esso sia, quasi un veggente.

Platini, Zidane e Del Piero, immensi, ma per trovare un piede così, incastonato in un fisico di 1 metro e 85, bisogna tornare a Sivori, dopo di lui non abbiamo più aquistato uno così, proprio mai, e fortunatamente non hanno lo stesso carattere e la stessa altezza.

Più in generale, Maradona al Napoli e Ronaldo Nazario all’Inter erano stati gli ultimi due colpi del mercato italiano; siamo stati gli ultimi del carosello per decenni, da oggi tutti i procuratori reinseriranno l’Italia nel novero di possibilità, mentre prima si proponevano le stelle in Spagna, Inghilterra, Germania, Francia, e se avanzava qualcosa si valicavano le Alpi.

Ancelotti, grande forchetta, agli inizi della sua esperienza al Real Madrid, la sera stava cenando in un ristorante adiacente ai campi di allenamento, e in Spagna si cena davvero tardi; si accorse che c’erano ancora i fari accesi sul campo, telefonò al custode per riferire, e per contro si sentì rispondere

“Mister, c’è Cristiano Ronaldo che prova punizioni”
“Da quanto?”
“Dalle 18, dalla fine dell’allenamento della squadra”.

Telefono’ alle 23.

Media gol da fantascienza.

Verrebbe da dire, troppa roba, i compagni di spogliatoio come reagiranno?

Mai risposta fu più semplice: godranno come criceti, come è sempre successo, nei team che videro fra le loro file

Pele’
Maradona
Crujff
Bobby Charlton
Messi
Zico

Quando hai una stella, te la tieni stretta, e sai che assai probabilmente aumenterà la tua bacheca dei trofei e il tuo conto in banca.

CR7, checché se ne dica (tasse, invidia, megastipendio, etc etc), porterà benefici a tutto il calcio italiano, e Torino continuerà a migliorarsi, come successe dopo i giochi olimpici invernali.

E la Juventus, che non compra giocatori con la stessa metodologia che si usa per la compravendita dell’intero Milan, né guadagnerà un botto.

Ogni 36 secondi si vende una casacca nr 7, se continuiamo così ce lo paghiamo per settembre, il resto è tutto grasso che cola.

Due parole due sui diffidenti: se siete diffidenti sul calcio in genere, risulta difficile comprendere come siate riusciti ad arrivare sino a qui;
Se siete diffidenti sui benefici e sulla metodologia che ha portato al colpo grosso, idem.

Facciamo cosi’, questo post, ed è accaduto solo altre due volte in dieci anni, è dedicato a noi bianconeri.

Né consegue che, educatamente, che lo so che siete bravi, si gradirebbero commenti da lettori bianconeri, gli altri si astengano da critiche, son così gasato che manco risponderei, vi tenete i vostri ragionamenti nel cassetto, e verrete qui a riportarli dopo la prossima stagione, direi dopo la finale di Champions 2018/19, se vi andrà.

Venerdì ero a Treviso, un direttore di stabilimento mi fa’:
“Mio figlio vuole la maglia di Cristiano Ronaldo, è un miglioramento, fino all’anno scorso voleva che lo comprasse il Treviso Calcio, di cui siamo sponsor, così lo poteva vedere ogni giorno, adesso mi toccherà andare la domenica all’Allianz Stadium”.

Per cercare di spiegare lo stato in cui galleggio, vi invito a leggere questo breve post di SilvanaScricci, una penna spettacolare, che lo scrisse per la Bologna del Basket, ecco, io mi sento così.

https://silvanascricci.wordpress.com/2017/01/07/la-principessa-nel-palazzo-incantato/

Vedrete che godimento, cari fratelli e sorelle juventini, lo aspettavo da una vita.

34 primavere

In Politica on luglio 5, 2018 at 10:32 am

Diverse persone, dall’amico curioso sino al professore universitario, mi continuano a chiedere di scrivere a proposito dell’attuale premier reale, nonché ministro dell’Interno, nonché segretario della Lega, nonché vicepremier virtuale, nonché esperto di banche, immigrazione, nomadismo, vaccini, confini subsahariani, pensioni, armi da sparo, istruzione, industria, Milan e felpe.

Più o meno, Dio.

Come si fa’ a scrivere di Dio da atei? A me riesce male.

Nel 1984 un signore anziano mi avvicino’, su di un pullman di linea che avevo preso per raggiungere la costa veneziana partendo dalle valli prealpine.

Mi regalò una spilletta con un leone di San Marco e la scritta Liga Veneta.

34 primavere sono trascorse.
Né ho viste, vissute e sentite di ogni sorta, al punto che ascoltare oggi Salvini è come riprendere in mano un fumetto datato dei Fantastici Quattro, giri le pagine con noncuranza, ti limiti a dare una veloce occhiata ai disegni, niente di più che un noioso passatempo.

Ora, alla 34ima primavera, il resto dello stivale fa’ conoscenza con la Lega e con il suo attuale Dio (loro ce l’hanno intercambiabile, rispetto ai trasteverini di nero vestiti), ma non vi pareva quantomeno strano l’ampolla dell’acqua del Po’ benedetta per farvi un’idea?

Evidentemente no, viceversa avreste prodotto per tempo gli anticorpi.

Mi allargo fino a sostenere che il Dio Padano che ammirate in ogni dove ci sia da parlare, si sia migliorato, di certo ha fatto un corso comportamentale ai massimi livelli con qualche guru d’oltreoceno, il vero Salvini non si è ancora visto, e forse non si rivedrà mai più.

Il risultato di questa ignavia porterà un elettore su tre a votare il Dio padano.

Si pensi solo al PD e a la stragrande maggioranza di proposte e leggi propinate negli ultimi ventanni e si riporti quante e quali non abbiano subito giravolte, liti interne e alleanze con il centro destra.

Solo la legge Fornero ha subito 8 salvaguardie, OTTO, a scriverla devono averci messo il mago Otelma.

Loro, invece, da 34 primavere non vogliono gli extracomunitari, adorano trovare un pertugio per aggirare legalmente il fisco, molti neppure quello, e lo evitano del tutto (i “Venetisti” né sono il plastico esempio), vanno pazzi per i cowboys, gli extraterrestri, l’edilizia self made , e non vanno pazzi per quei strani cosi rettangolari, ripieni di pagine, che il resto dell’umanità chiama libri.

E così hanno conquistato almeno 10 milioni di cittadini italiani, ovunque, perché l’assioma è pressoché definitivo:

Con le regole leghiste, nel triveneto si vive piuttosto bene, noi da bravi altruisti vorremmo farvi vivere tutti come noi.

È tutto qui, un chiaro messaggio progressista, io faccio star bene tutti come sto bene io, pronunziato da un establishment conservatore, un vero incubo, dato che è, e sarà, pura utopia.

Ci credono in tantissimi, pure a Cefalù.

Io la prossima volta scrivo di arte o di pallone.

Buonanotte ai sognatori.

In Politica on giugno 7, 2018 at 2:34 pm

Ci governeranno cosi’, due ventriloqui e un pupazzo, armati del più lineare razzismo, che se lo dite a un leghista vi risponderà “Certo che si'”, del più bieco populismo, supportati dalle mamme contro i vaccini, da orde gioiose contrarie a qualsiasi tipo di migrazione, salvo poi correre a Comacchio per vedere quella dei fenicotteri, allora va bene (non occorre essere dei geni per dare un calcio in culo a costo zero a qualche migliaio di esseri umani, che lor beati continuano a chiamare clandestini), e soprattutto dalla loro supponenza.

Tale Toninelli, elevato per qualche mistero a Ministro per le infrastrutture, così esordisce: blocco della TAV e blocco della Pedemontana Veneta (che io ci abito vicino, potrebbe già essere percorsa per lunghi tratti, non azzardatevi).
Nello stesso giorno, la Corte dei Conti ha approvato il tratto della TAV Brescia Verona, con buona pace del tale Toninelli, già pronto a togliere i binari dalla Val di Susa e trasportarli fra le province che lambiscono il Lago di Garda, speriamo a sue spese.

Agli Interni v’è il sudaticcio, il fantoccio con il rosario, quello che cantava contro i napoletani all’interno del loro sacro campo a Pontida, quello che i ricchi pagheranno meno tasse , quello che “l’art.90? Devo studiarlo stasera e poi vi dico”.
Trattasi, per gli ignari, dell’articolo della Costituzione, non della VAR.

Un ministero per il sud senza portafoglio, vi giuro che non l’ho letta su “risate a denti stretti”, nota rubrica della “Settimana Enigmistica”.

Un ottuagenario che voleva uscire dall’euro in un sabato notte, ricoverato d’urgenza ai rapporti con l’Europa, che c’avevan tentato con il dicastero di via XX Settembre, niet.

La democratica Russia da osannare, e ci credo, gli forniamo il superlusso da che i figli degli oligarchi dell’ex URSS sono diventati dei signorotti alla Abramovich, e pare che il prossimo mercato sara’ la Corea del Nord, dove, il 3 di Settembre del 2013, l’attuale ministro dell’interno così si esprimeva:
“Si vedono cose che in Italia non si vedono più, i bambini giocano in strada, non ai videogiochi…… c’è un grande senso di comunità…..qui Razzi è una superstar….la pena di morte c’è anche negli Stati Uniti……c’avevano chiesto 2 navi da crociera e non abbiamo potuto vendergliele per colpa dell’embargo”.

Torna come la peste bubbonica la noiosa querelle sui gay, qualcuno potrebbe informare i celticopadani che, oltre a vigere una legge dello stato,le tendenze del ventriloquo Di Maio non parrebbero proprio eterosessuali e cieloduriste, giusto per correttezza.
Che una coppia di fatto Salvini/Di Maio c’è da mo’, bisognerebbe solo ratificarla all’ufficio anagrafe.

Se Draghi dovesse bloccare il quantitative easing, che tradotto significa aver comprato centinaia di miliardate del debito pubblico italiano, buona parte di queste finite nelle casse della Deutsche Bank, così da non farci entrare in default,lo spread volerebbe sopra i mille punti.
Ma questi neofiti dalla faccia di bronzo, da settimane vanno blaterando che loro andranno in Europa per farci dare più pecunie, ma davvero ci credono o si limitano a farlo credere al popolo festante?
Faranno qualcosa di buono, e ci mancherebbe, si spera combinino il minimo dei danni per le generazioni future, che a noi c’han già vampirizzati quelli degli ultimi decenni, siamo quasi immuni, ma davvero al momento si fatica a credere al “contratto” e soprattutto alle risorse per attuarne anche solo in quinta parte il contenuto.

Per abbassare il carico fiscale diretto hai 3 modi:
1) Aumenti le accise
2) Tagli al pubblico, che di norma significa sanita’.
3) Lo fai in deficit.

Qualsiasi altra visione della cosa, rimarrà per sempre una visione, o una presa per il culo, come preferite.

Renzi.

Se siamo arrivati qui, lo dobbiamo a questo presentatore mancato, che solo e soltanto per un ego personale superiore a quello del nanopriapo, è andato a spaccare tutto da Vespa la sera prima dell’incontro fra PD e M5S, dopo aver disintegrato il più importante partito progressista del Paese, davvero disdicevole.
Ne’ conosco a flotte di ex votanti PD che hanno votato M5S solo per i provvedimenti del governo Renzi, dovrebbe bastare per togliersi definitivamente di torno.

S’erano accordati, i due Renzusconi, e oggi si trovano a far opposizione con un PD e una FI che a braccetto non fanno il 20%.
Ricordo bene i 101 che mandarono a fanculo Prodi, altrettanto ricordo gli Alfano alleati fedeli, come pure almeno un lustro di attacchi ad alzo zero ai sindacati, sferrati da alti rappresentanti di quelli la’ del PD, roba da incubo, per lo meno questi nuovi Sancho Panza te lo dicono da subito che i ricchi sono più belli dei poveri, non si dichiarano di sinistra e poi fanno il jobs act, è poca roba ma tant’è.

Forse il regalo più grande dei due ventriloqui è stato questo, eclissare il nano e il chierichetto, non è cosa da poco.

Per ultimo, due parole su Conte:

Conte, dalla prossima stagione, non sarà più l’allenatore del Chelsea.

Senza vergogna.

In Politica on marzo 6, 2018 at 9:52 am

Senza vergogna.

Porta, per la prima volta nella storia repubblicana, il più grande partito progressista dello stivale sotto al 20%.
Oltretutto spaccando le palle a chi, pochi ma buoni, ha dato retta agli ideali perseguiti da una vita votando quel che resta della sinistra.
Non chiede scusa, anzi, la colpa è di Mattarella che non l’ha fatto votare quando voleva lui.
I giovani lo boicottano al sud e votano M5S.
I giovani lo boicottano al nord e votano Lega.
I vecchi, di norma più saggi, lo boicottano ovunque.
Casini in lista in Emilia Romagna, De Luca in Campania, Minniti stracciato da tale Ceccanti, e non chiede scusa, macché, lo cita pure, si chiede perché mai un ministro dell’interno benvoluto da gran parte dell’elettorato venga trombato, incredibile.

Si dimette, ma non subito.

Troppa paura di vedere quello che non sopporterebbe, e con lui Berlusconi, the Mask, il vate, entrambi terrorizzati di un M5S di governo con l’appoggio di molti piddini che non vedono l’ora di disfarsi di questo duo simbiotico paragonabile al paguro con l’attinia.

Si è arrivati a questo punto per diverse ragioni: jobs act, buona scuola, decreto banche, legge Fornero, 4 governi non eletti, legge elettorale, un’innata arroganza che si era vista solo a destra, argomenti che hanno occupato per anni le aule parlamentari, che si sono rivelati provvedimenti assurdi, per non usare epiteti, e che venivano cassati con lo zuccherino, che nello specifico si chiama: Fine vita, matrimoni gay, vaccini obbligatori e la mancia da 80 pecunie.

Ancora: marce contro i rigurgiti fascisti (casapound non arriva all’1%) senza conoscere i veri fasci del Paese, o facendo finta di non conoscerli, che è pure peggio.
Critiche leggere come una piuma d’oca all’amministrazione Trump.
Scimmiottamenti per imitare Macron dopo che non è riuscito a diventare il Berlusconi del centrosinistra.
Definire gli altri dei dilettanti, dopo aver messo Alfano agli esteri e Lorenzin alla Sanità, Rosato capogruppo alla Camera e la Moretti candidata alla regione Veneto, picchi di competenze da far rimpiangere la Gelmini all’istruzione e Calderoli alle riforme.

Poi c’è l’accordo andato a monte,quello che prevedeva Forza Italia con il PD a salvataggio della nazione, stipulato allor quando la Lega navigava all’8%, i grillini al 25% se andava di lusso; premio di maggioranza al 40%,barriera al 3%, sembrava funzionare per i due volponi, invece no, in politica le cose cambiano in nanosecondi,mentre l’elettorato lo sposti e lo formi in anni, se non decenni.

Risultato: i due siamesi si trovano all’angolo, è un angolo più ottuso di quello che si era aperto dopo la batosta elettorale al referendum (pure quello, a sentire il volpone giovine, sarebbe il responsabile dell’ingovernabilita’, robe da matti), che speriamo essere l’ultimo pertugio, dopodiché l’invisibilità.

Per ultimo, la gran parte di chi ha votato PD, non ha votato perché c’era Renzi, ha votato malgrado Renzi, fedeli a un’idea di centrosinistra, che da ieri si è definitivamente dissolta come un ghiacciolo all’equatore.

Si dimette, ma non subito.

L’ultima vergogna.

Razza Bianca???

In Politica on gennaio 15, 2018 at 3:05 pm

Fontana5-1024x680

PUSSA VIA!!!!