Il Blog

Posts Tagged ‘al capone’

Quattro anni e la salvezza.

In Politica on ottobre 26, 2012 at 3:36 pm

Quattro anni.

Il watusso mancato e stato condannato, da un tribunale italiano, senza prescrizione, per un affaruccio da 400 e passa miliardi di vecchie lire.
Compravano i diritti televisivi di film e format, da Frank Agrama, per poi gonfiarli a dismisura.
400 pagine la sentenza, fra le quali si evincono due parole:
“Evasione notevolissima”.
Frode fiscale il reato.
Interdetto per cinque anni da tutti i pubblici uffici.

Al Capone fu’ rinchiuso ad Alcatraz per lo stesso reato.

E’ logico, ora i suoi tirapiedi diranno che e’ la solita magistratura comunista, ad orologeria, tutta un’invenzione, come hanno sempre fatto, ma stavolta c’è un piccolo particolare, l’hanno condannato.

“Sentenza incredibile” ha bofonchiato Ghedini, e lo credo bene, chissà le quintalate di letame che si vedrà riversare contro dall’imputato.

1994.

“Scendo in campo per SALVARE l’Italia”

2012.

“Non mi candido per SALVARE l’Italia”.

L’inganno sta tutto qui, in quel “salvare”, verbo utilizzato da piu’ di duemila anni dagli uomini di nero vestiti, e negli ultimi venti anche dal nano.

La notizia era già cosa nota da almeno sei mesi, ora l’ha fatto sapere anche agli ignari, a quelli che l’hanno votato per quattro lustri solo per una sorta di emulazione tipica delle persone che hanno le sinapsi attaccate al telecomando.

Ci sara’ di che divertirsi, da qui al 16 dicembre, per la prima volta vedremo la Santanche’ inveire verso gli altri candidati, e che candidati.

Per un sano rinnovamento:

Alfano 
Mussolini
Santanche’
Galan
Formigoni
Frattini
Meloni
Quagliariello

Una pacchia.

Il centrosinistra vincerà le prossime elezioni con una percentuale superiore al 60%, chiunque sia il vincitore della guerra fra polli e galline che si apprestano a combattere.

E vi invito a tornare su questo post il giorno dopo lo spoglio, l’anno prossimo, e se mi sarò sbagliato potrete offendermi a piu’ non posso.

Viceversa, applausi e standing ovation.

Vi ringrazio sin da ora.

Coerenti.

In Politica on settembre 27, 2012 at 5:35 pm

Allora.

Il bunga bunga andava bene.
Le teste di porco del Fiorito no.

La legge bavaglio andava bene.
Il carcere per Sallusti no.

Le troie sugli aerei di stato andavano bene.
Il finanziamento ai gruppi consiliari no.

Il trota in regione andava bene.
Er federale di Anagni no.

Questa e’ la coerenza di chi ci ha pseudogovernato per vent’anni.

Ma vorrei tornare un attimo sul caso di zio Geremia, che oramai viene difeso anche da Leoluca Bagarella.

Tutti sappiamo che la legge in vigore e’ una boiata, un refuso della censura targata anni cinquanta.

Ma e’ la legge, fino a che non la cancellano, ed e’ applicando questa legge, che Sallusti conosceva anche ai tempi dell’articolo di Farina (un altro boia), che si e’ arrivati alla sentenza.

Piccolo particolare: Sallusti non ha mai presenziato e nominato un difensore durante i primi due gradi di giudizio, proprio per screditare l’organo giudicante.

Ne ho raccolte un po’:

“Con Pisapia droga libera, matrimoni gay e ateismo diffuso”

“Sei peggio di Bocchino” vs Belpietro

“Spero che ti picchino” vs Adinolfi

“Dopo la lobby delle banche, in Europa vince la lobby dei gay”

“Vendola difende i pedofili”

“Fassino e Bersani grandi scopatori”

“Travaglio, Santoro e DiPietro sono i mandanti dell’aggressore Tartaglia”

“Don Verze’, la sua opera distrutta dai pregiudizi”

“Annozero e’ come un film porno”

“Chernobyl e’ vera in parte”

Ecco, mi torna in mente Al Capone, che non venne rinchiuso ad Alcatraz per omicidio, ma per evasione fiscale.

A forza di scrivere nefandezze, prima o poi qualcuno si incazza, e se qualcuno e’ un giudice che conosce la legge, ti becchi 14 mesi di carcere e la chiudamo qui, che tanto Sallusti in galera non c’andra’ mai.

P.S.
Mi si riferisce di una Santanche’, che, molto adirata, invita i cittadini a scendere in piazza.
Non so’ se siano di piu’ gli scioperi della fame di Pannella o le adunate in piazza  di ladybotox.